Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza
Home / Blog / Alimentazione e Diete

Estate: cibi e bevande fredde fanno bene?

Alimentazione e Diete

Estate: cibi e bevande fredde fanno bene?

Alimentazione e Diete

Estate: cibi e bevande fredde fanno bene?

Quando il solleone arrostisce e l'afa prosciuga, la tentazione di bere ghiacciato è forte. Ma corretta? Il problema della scelta delle bevande è più che mai prioritario in estate, quando si fa sentire la tentazione di bere bibite zuccherate gelate; queste, essendo dolci, non riescono a togliere la sete, ma grazie al fatto di essere fredde scivolano gradevolmente giù per la gola. Purtroppo i liquidi ghiacciati in genere (acqua compresa) tendono a essere bevuti rapidamente, ma dal punto di vista della digestione non è l'ideale, perché la peristalsi viene rallentata, con il rischio di una congestione. Invece di ricorrere a bevande eccessivamente fredde, è consigliabile bagnarsi il viso e i polsi con acqua fresca, in modo da abbassare la temperatura corporea senza effetti collaterali.


Giuliana Lomazzi

Estate: ghiaccio sì o no?

Quando il solleone arrostisce e l'afa prosciuga, la tentazione di bere ghiacciato è forte. Ma corretta?

Bevande da brivido

Il problema della scelta delle bevande è più che mai prioritario in estate, quando si fa sentire la tentazione di bere bibite zuccherate gelate; queste, essendo dolci, non riescono a togliere la sete, ma grazie al fatto di essere fredde scivolano gradevolmente giù per la gola.

Purtroppo i liquidi ghiacciati in genere (acqua compresa) tendono a essere bevuti rapidamente, ma dal punto di vista della digestione non è l'ideale, perché la peristalsi viene rallentata, con il rischio di una congestione.

Invece di ricorrere a bevande eccessivamente fredde, è consigliabile bagnarsi il viso e i polsi con acqua fresca, in modo da abbassare la temperatura corporea senza effetti collaterali.

Un'abitudine ancora peggiore sono i liquorini gelati bevuti a fine pasto con l'intento di facilitare la digestione. Invece la rallentano e ci regalano anche un po' di peso, perché contengono sia zucchero sia alcol, che da solo fornisce 7 calorie per grammo.

Non andiamo meglio con succhi di frutta, centrifugati e spremute ghiacciate. Per quanto naturali i loro zuccheri, sciolti in una soluzione acquosa, vengono trangugiati facilmente senza che ci accorgiamo che stiamo bevendo una bevanda calorica – parliamo di 50-70 calorie per 100 g, non saranno tanti ma ci vuol poco a bere 200-300 ml di succhi per volta!

PROVA LE ACQUE AROMATIZZATE, TANTO GUSTO E NIENTE ZUCCHERI

 

Il giusto mezzo

Qual è dunque la corretta temperatura delle bevande? A nessuno piace bere acqua a temperatura ambiente quando magari in casa ci sono 30 °C!

Una buona soluzione consiste nel tenere una bottiglia in frigo; quando si ha sete, si può mescolarla con acqua a temperatura ambiente, in modo da avere la sensazione di freschezza senza causare però contraccolpi allo stomaco.

Tè e tisane sono un'altra opzione interessante, sia tiepide sia fredde (sempre con le cautele indicate per l'acqua). Ottimi il tè verde con la menta, il karkadè, gli infusi di melissa o di lemon grass o di zenzero.

Prova 5 tisane bruciagrassi

Da provare lo yogurt di soia diluito in acqua fresca e arricchito di frutta o verdura, come fanno gli indiani. Ma si può anche semplicemente optare per succo di limone o di lime stemperati in acqua o tè: sono rimineralizzanti, basici e gradevoli.

Si può anche puntare su brodi di verdura tiepidi o sulle zuppe fredde, una grande tradizione spagnola (gazpacho in testa) ma anche dell'Europa orientale in genere.

E i cibi gelati?

In generale, è preferibile che gli alimenti abbiano una temperatura che si avvicina a quella corporea, cioè 35-36°, così non ci sono sbalzi termici. L'insalata di riso o di pasta non va certamente scaldata, ma piuttosto lasciata un po' a temperatura ambiente prima del consumo.

E a merenda? Va bene un frutto non troppo freddo, tolto un po' prima dal frigo; se particolarmente succoso, come il melone o l'anguria, disseta pure. A differenza di un succo, ha le fibre e riempie prima, quindi è più difficile abusarne.

Melone: proprietà, ricette e benefici

Anche gelati, sorbetti e granite possono rappresentare una merenda rinfrescante. A differenza delle bevande ghiacciate, infatti, non vengono trangugiati in fretta ma mangiati lentamente. Basta ricordare che sono pur sempre cibi zuccherini e calorici!

Il freddo secondo le medicine tradizionali

Secondo l'ayurveda, alimenti e liquidi ghiacciati sono come un getto di acqua fredda sul legno in combustione. Contribuiscono a sopprimere il fuoco della digestione e aprono la strada a stanchezza e malattie (per l'indebolimento del sistema immunitario).

Gli individui Pitta possono concedersi con moderazione bevande fredde (non ghiacciate), i tipi Vata e Kapha devono evitarle del tutto. In generale tutti devono fare a meno di mescolare cibi freddi e caldi, pena crampi e gonfiori addominali.

Test Ayurveda: che Tipo di Costituzione o Dosha sei?

La medicina energetica sostiene che lo stomaco teme il freddo. Il ghiaccio causa una contrazione, che impedisce al calore di uscire dal corpo. Insomma, si ha un rallentamento della digestione e un rischio di congestione.

Serve invece scegliere cibi di natura fresca, che aiutano l'energia ad affluire verso l'esterno e a disperdersi.

Una bevanda tradizionale: ricetta dell'acqua di orzo

L'acqua di orzo è una bevanda usata dagli inglesi fin dall'antichità e ancora molto apprezzata. Ben digeribile, permette di sfruttare i nutrienti contenuti nel cereale.

  • 50 g di orzo decorticato
  • 500 ml di acqua
  • 1 pizzico di sale marino integrale
  • 1 pezzetto di zenzero o di scorza di limone

Metti in un pentolino il cereale e l'acqua; falli bollire, unisci il sale e abbassa la fiamma. Cuoci per 35 minuti, schiacciando ogni tanto l'orzo con un cucchiaio di legno.

Filtra la bevanda, unisci la scorzetta (o lo zenzero grattugiato) e lascia riposare fino a raffreddamento completo. Elimina la scorza di limone prima di gustare.

Il cereale usato può essere reimpiegato in una torta salata, in un'insalata o altro (leggi: 10 idee per usare l'orzo in cucina).

Leggi gli altri articoli di Giuliana Lomazzi:

Melone: proprietà, benefici e controindicazioni
Cannella: proprietà, ricette e controindicazioni
Pomodoro: tutte le proprietà e benefici
Acqua aromatizzata con frutta e verdura: benefici e 3 ricette
I benefici dell'oil pulling per disintossicarsi ogni mattina

          


Giuliana Lomazzi
Giuliana Lomazzi è nata a Busto Arsizio (VA) e da qualche anno vive a Trieste. Laureata in Lingue e Letterature straniere moderne presso... Leggi la biografia
Giuliana Lomazzi è nata a Busto Arsizio (VA) e da qualche anno vive a Trieste. Laureata in Lingue e Letterature straniere moderne presso l'Università di Milano, dopo un'esperienza di insegnamento nelle scuole superiori, ha iniziato nel 1990 a lavorare nell'editoria, prima come traduttrice e poi come autrice e giornalista.I suoi interessi... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto