Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza

10 idee per usare l'Orzo in cucina

Scritto da: Redazione ViverSano.net | Alimentazione e Diete

10 idee per usare l'Orzo in cucina

L’orzo, cereale ricco di benefici, è protagonista dell’alimentazione di tutto il mondo. Il suo gusto gradevolmente neutro lo rende versatile, ma se siete a corto di idee vi mostreremo diverse proposte su come impiegarlo in cucina.

Il nostro paese risulta tra i maggiori produttori di quello che è uno tra i più antichi cereali al mondo, stiamo parlando proprio dell’orzo. Appartenente alla famiglia delle Graminacee, occorre tenere a mente che è un alimento contenente glutine quindi non adatto a chi è affetto da celiachia.

Oltre ad apportare un’elevata dose di minerali e amminoacidi essenziali, contiene una gran quantità di vitamine del gruppo B e fibre. Si è mostrato utile per combattere il colesterolo e favorisce la buona salute del nostro cervello. Grazie al fatto di riuscire a rallentare l’assorbimento degli zuccheri nel sangue, è un alimento che può essere assunto da chi soffre di diabete.

Tutti questi vantaggi, uniti alla sua versatilità, rappresentano un vero e proprio invito ad introdurre questo ingrediente nella nostra alimentazione. Vediamo insieme alcune idee su come rendere l’orzo parte della nostra quotidianità culinaria.

1. Ricetta base dell’orzo

Prima di procedere mostrandovi i migliori usi dell’orzo, occorre specificarvi il trattamento cui deve essere sottoposto che varia a seconda dalla tipologia di orzo di cui si tratta. Considerate comunque che prima della cottura l’orzo va sempre sciacquato.

L’orzo integrale, molto meno diffuso, che va tenuto in ammollo per un giorno intero e cotto per più di un’ora; l’orzo decorticato, va messo in ammollo per qualche ora e cotto in acqua bollente per circa 40-45 minuti; infine l’orzo perlato che non ha bisogno di essere messo a bagno e ha tempi di cottura di circa 20-30 minuti.

2. Minestre a base d’orzo

In una fredda giornata invernale non c’è niente di meglio che gustarsi una calda minestra con l’orzo o perché no con cereali misti (insieme ad esempio a farro, avena e grano saraceno). Che si tratti di zucca, patate, o legumi come lenticchie, piselli e fagioli, l’orzo è perfettamente in sintonia con qualsiasi ingrediente del mondo vegetale.

3. Insalata fredda con orzo

L’orzo si presta bene anche per la realizzazione di insalate fredde, ideali per la calda stagione o come pranzo al sacco. Potete sbizzarrirvi usando ortaggi e legumi che più rientrano nei vostri gusti, ad esempio piselli, carote, zucchine, mais. Se non seguite un regime dietetico particolare potete aggiungere anche uova sode e tonno, ottenendo un pasto più che completo.

4. Orzo come ripieno degli ortaggi

E’ possibile impiegare l’orzo in sostituzione del riso per la realizzazione di gustosi ripieni per i peperoni, pomodori, melanzane, verza e zucchine. Rispetto al riso l’orzo resterà più croccante e in più vi darà la possibilità di variare leggermente la ricetta senza grandi sforzi.

5. Polpette vegetali con l’orzo

Se amate le polpette vegetali sappiate che l’orzo si presta anche per la preparazione di questa pietanza, che inoltre può essere un modo sfizioso per far mangiare delle sane verdure ai vostri bambini. Procedere è molto semplice: si inizia cuocendo l’orzo e le verdure e o legumi, e si mescola il composto che andrà arricchito con aromi e spezie. A questo punto si possono eventualmente aggiungere delle uova, per far legare meglio il tutto, e si formano le polpette che andranno panate nel pangrattato e ripassate in forno.

6. Farina d’orzo per il pane

Dalla macinazione dell’orzo decorticato si ottiene una farina utile per diverse ricette che siano dolci e salate. Risulta particolarmente indicata per la panificazione, in quanto migliora notevolmente gusto e profumo del pane. Vi ricordiamo, però, che per una buona resa va aggiunta con un rapporto 1 a 3 rispetto al frumento altrimenti tende a far disgregare l’impasto.

7. Farina d’orzo nei dolci

Essendo tendenzialmente dolce, la farina d’orzo è adatta anche per ricette dolci. L’utilizzo migliore è nelle crostate e biscotti, in quanto li perfeziona in termini di croccantezza e rusticità. Associare farine dello stesso genere, come farina d’avena, di farro o farina integrale, può essere un’ottima idea!

8. Crema d’orzo

Essendo l’orzo altamente nutritivo, possiamo consigliarvi per l’alimentazione dei vostri bambini di preparare la crema d’orzo, a base di farina d’orzo biologica. La farina d’orzo va mescolata dapprima a freddo con l’acqua e poi va messa sul fuoco fino al raggiungimento della consistenza desiderata. La farina può essere impiegata anche per addensare vellutate e zuppe.

9. Bevanda a base d’orzo

Secondo solo dopo il caffè, il caffè d’orzo è una bevanda priva di caffeina che deriva dall’orzo tostato. Può essere preparato come il caffè, nella sua apposita macchinetta, o in alternativa va messo in infusione nell’acqua bollente. Ideale da bere al mattino o da sorseggiare dopo i pasti, in alternativa al caffè.

10. Barrette d’orzo

Dà molta soddisfazione ricreare in casa prodotti industriali con ingredienti genuini. Con l’orzo soffiato potete preparare le famose barrette energetiche, uno snack sano e goloso.

Per farlo vi basta mescolare in una ciotola: l’orzo soffiato, semi oleosi e frutta secca (tagliata grossolanamente) farina di cocco, fiocchi d’avena ed infine malto d’orzo quanto basta per incorporare tutti gli ingredienti. Con l’aiuto di un cucchiaio formate le barrette e posizionatele su una placca rivestita da carta forno, cuocete per circa 10 minuti a 180 gradi.

Sicuramente tra tutte queste idee ci sarà qualcuna che rientra nei vostri gusti, in questo caso non vi resta che sperimentare!

Scritto da Emanuela Burzi per ViverSano.net



Potrebbero interessarti