Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza
Home / Blog / Alimentazione e Diete

Cetriolo: 10 buoni motivi per mangiarlo

Alimentazione e Diete

Cetriolo: 10 buoni motivi per mangiarlo

Alimentazione e Diete

Cetriolo: 10 buoni motivi per mangiarlo

Ortaggio tipicamente estivo, il cetriolo è un must nelle insalate. Vanta molti benefici e, se fresco, un gusto delicato e leggero che va a braccetto con una gradevole croccantezza.


Giuliana Lomazzi

La pianta è una rampicante delle cucurbitacee, originaria dell'India. Produce prima fiori gialli e poi frutti verdi allungati, a seconda dei tipi lisci o bitorzoluti, più o meno tozzi o lunghi. Gialli a maturazione, questi hanno buccia dura, polpa chiara e in genere parecchi semi (pochissimi però in alcune cultivar). Le varietà più piccole sono invece usate per la conservazione sottaceto.

Questo, in breve, il ritratto del ben noto cetriolo, ortaggio da gustare giovane, altrimenti diventa molle e amaro; da scegliere bio, perché è meglio non scartare la buccia (vedi oltre); e da mangiare in estate, perché ideale per sopportare meglio afa e calura.

10 motivi per mangiare cetrioli

  1. Rinfrescanti. Contengono ben il 95% di acqua. Sono molto rinfrescanti e reidratanti, ma anche diuretici. Possono quindi aiutare a eliminare le tossine, ad attenuare il gonfiore e a combattere la ritenzione idrica.

  2. Antinfiammatori e decongestionanti. L’effetto si spiega con la presenza di azulene (il principio attivo che si trova anche nella camomilla) e mucillagini. L’effetto antinfiammatorio si ha pure in caso di artrite e reumatismi.

  3. Protettivi del cuore. La presenza di fitosteroli aiuta a ridurre il colesterolo, quella di potassio protegge il cuore e regola la pressione arteriosa.



  4. Antigottosi. Favoriscono l’eliminazione dell’acido urico.

  5. Rimineralizzanti. I cetrioli contengono tanti minerali, seppure in dosaggi moderati – tranne il potassio che, come silicio e magnesio, è presente soprattutto nella buccia, che perciò non andrebbe eliminata. Fra questi calcio, rame, zolfo, manganese. Aiutano quindi a reintegrare i sali persi con la sudorazione.

  6. Antistress. L’effetto è dovuto alla presenza di vitamine del gruppo B, che combattono le crisi di ansia e panico.



  7. Stimolanti del dimagrimento. L’acido tartarico riduce parzialmente l’assorbimento dei carboidrati assunti nello stesso pasto e ne favorisce l’eliminazione.

  8. Antitumorali. I polifenoli presenti aiutano a prevenire il cancro di prostata, ovaie, seno e utero.

  9. Protettivi del sistema nervoso. Il merito va a un flavonoide capace di rallentare la degenerazione neurologica e di prevenire la demenza.

  10. Lassativi. Per la ricchezza di fibre, i cetrioli hanno un lieve effetto lassativo. Queste sostanze contribuiscono inoltre a ridurre il colesterolo e gli zuccheri ematici (e riducendo questi ultimi, i cetrioli contribuiscono a prevenire il diabete).

Amici per la pelle

I cetrioli sono ottimi amici della pelle, che reidratano, decongestionano e addolciscono. Possono essere applicati direttamente sulle rughe o frullati e distesi sul viso. Per combattere gli eritemi provocati dalle infiammazioni basta mescolare succo di cetriolo fresco con olio di mandorle e applicare in loco.

Il cetriolo in cucina

Non solo insalate: i cetrioli sono ottimi anche scavati a barchetta e farciti con una salsa di olive nere (oppure con un pesto di basilico o di pomodori secchi), o anche grattugiati e mescolati con aglio, yogurt e menta (il famoso tzatziki greco). O ancora trasformati in zuppe fredde, come lo spagnolo gazpacho.

Ma si può anche provare a cuocerlo: risulta allora molto delicato e gradevole, come dimostra la ricetta più sotto. Purtroppo non tutti digeriscono questo ortaggio prezioso, perciò preferiscono sbucciarlo, affettarlo e metterlo sotto sale per una mezzora a spurgare; questo trattamento comporta però la perdita di qualche nutriente.

La ricetta – Zuppa fredda di cetrioli

  • 2 cetrioli medi
  • 2 scalogni
  • 1 patata
  • 800 ml di brodo vegetale
  • 1 rametto di basilico
  • 1 vasetto di yogurt di soia
  • sale

Pela la patata e lavala, sbuccia gli scalogni e fai tutto a pezzi. Metti in una pentola con il brodo. Fai bollire, abbassa la fiamma e lascia sobbollire per 15 minuti.

Aggiungi i cetrioli lavati e affettati. Cuoci ancora per 10 minuti e spegni il fuoco.

Fai intiepidire, unisci il basilico e frulla a immersione. Regola di sale, completa con lo yogurt.

Lascia raffreddare la zuppa in frigo prima di servirla.


Giuliana Lomazzi
Giuliana Lomazzi è nata a Busto Arsizio (VA) e da qualche anno vive a Trieste. Laureata in Lingue e Letterature straniere moderne presso... Leggi la biografia
Giuliana Lomazzi è nata a Busto Arsizio (VA) e da qualche anno vive a Trieste. Laureata in Lingue e Letterature straniere moderne presso l'Università di Milano, dopo un'esperienza di insegnamento nelle scuole superiori, ha iniziato nel 1990 a lavorare nell'editoria, prima come traduttrice e poi come autrice e giornalista.I suoi interessi... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto