Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Alimentazione e Diete

Verdure amare, dolci benefici

Alimentazione e Diete

Verdure amare, dolci benefici

Alimentazione e Diete

Verdure amare, dolci benefici
14 condivisioni

Dalla cicoria ai cardi, dalla scarola alla scorzonera, le verdure amare conoscono molte varianti. Spesso sono poco apprezzate per il loro sapore, ma è un peccato, hanno tante proprietà. Scopriamole tutte in questo articolo correlato da una gustosissima ricetta.


Giuliana Lomazzi

Dalla cicoria ai cardi, dalla scarola alla scorzonera, le verdure amare conoscono molte varianti.

Spesso sono poco apprezzate per il loro sapore, ma è un peccato, hanno tante proprietà.

Cicoria: come si cucina, le proprietà e i benefici

Gennaio, il trionfo

In inverno le verdure amare sono davvero tante: oltre a quelle citate, ci sono i radicchi rossi e verdi, i carciofi. In altri periodi non mancano, come dimostrano l'insalata da taglio (sostanzialmente una cicoria), il tarassaco e rucola.

Ma in questo periodo sono davvero un trionfo, e giungono a proposito, perché in gennaio dobbiamo purgare gli eccessi delle feste! Infatti quel sapore amaro che, a torto, allontana tante persone nasconde vari segreti, tra cui le proprietà depurative.

   

I benefici delle verdure amare

Sapevate che questo sapore è molto apprezzato dai longevi? Uno studio del 2010, condotto su calabresi in là con gli anni, ha concluso che una particolare variante di un recettore nervoso del gusto dell’amaro si trova più facilmente proprio in chi ha più anni sulle spalle.

Il sapore amaro tipico di queste verdure è dovuto ai polifenoli, antiossidanti dalle proprietà antibatteriche, antinfiammatorie, antiaging, cardioprotettive e anticancerogene.

Le verdure amare sono grandi amiche del fegato, di cui facilitano la depurazione. Riuscire ad alleggerire quest'organo dalle tossine accumulate vuol dire alleggerire tutto l'organismo, recuperare energia e ripulire il sangue: gli effetti si vedono anche sulla pelle, che risulta più luminosa, e sull'alito!

Il consumo di queste verdure aiuta la digestione (anch'essa può risultare appesantita dai recenti bagordi), grazie alla presenza di enzimi e alla stimolazione degli acidi grassi.

(Scopri le 10 regole d'oro dell'ayurveda per una sana digestione)

La ricchezza di fibre contribuisce alla regolarità intestinale, liberando l'organismo da altre tossine e mantenendo più in salute l'intestino (e quindi il sistema immunitario).

10 rimedi per ripulire l'intestino in modo naturale

Non solo: favorendo la sazietà, le fibre aiutano a perdere un po' del peso accumulato durante le feste.

Capaci di mantenere bassi i livelli di colesterolo, di attivare le funzioni metaboliche e di contribuire al metabolismo dei grassi, queste verdure sono anche grandi alleate delle vie respiratorie, perché dilatano i bronchi, facilitando l'ossigenazione.

Ma non mancano nemmeno altri nutrienti importanti, come i minerali, quali calcio, ferro e potassio, e le vitamine (in particolare l'acido folico).

Piccola panoramica amara

Ci limiteremo qui a una breve presentazione; torneremo ancora sull'argomento, parlando di carciofi, cardi & C.

Cime di rapa

Contengono sostanze solforate con poteri antibatterici e antitumorali, utili per stimolare il metabolismo e la cicatrizzazione dei tessuti.

Indivia riccia e scarola

Hanno cespi a foglie crespe (riccia) o lisce (scarola). Buone crude e cotte, sono povere di calorie ma ricche di fibre; contengono potassio e calcio, vitamine  A e C.

Scorzonera e scorzobianca

In realtà non sono verdure, ma due radici contraddistinte dal colore e anch'esse caratterizzate dal gusto amaro. Possono essere grattugiate nelle insalate, cotte a vapore o stufate.

Ipocaloriche, contengono inulina, uno zucchero poco assimilabile dall'organismo, dotato di proprietà prebiotiche e adatto anche per chi ha il diabete o è in sovrappeso.

Le radici hanno poi vitamine del gruppo B e un buon equilibrio sodio-potassio che favorisce la diuresi.

Le verdure amare in cucina

Con poche eccezioni, si consumano cotte. Per non perdere i nutrienti, bisogna evitare cotture prolungate. È un peccato bollirle, strizzarle e magari ripassarle anche in padella. Meglio farle a pezzi e stufarle in una casseruola, con poca acqua.

Per le cime di rapa con le orecchiette bisogna seguire la ricetta, avendo l'accortezza di riutilizzare l'acqua di cottura.

Patate dolci farcite di scarola

L'aggiunta di carote, bietole, uvetta o patate dolci aiuta a riequilibrare il gusto.

Ingredienti:

Cuoci le patate dolci al vapore, intere. Falle intiepidire.

Lava la scarola, tagliala grossolanamente e stufala con l'aglio tritato, il peperoncino, il gomasio e la salsa di soia.

Dimezza le patate per il lungo (conserva la buccia se sono bio) e scavale.

Taglia a cubetti la polpa ricavata e mischiala alla scarola. Farcisci i gusci con questo composto.

Cospargi in superficie con il grana veg e inforna a 190 °C per 10 minuti.

Scopri tutti gli altri articoli di Giuliana Lomazzi:

Metodo Gerson: ricette di succhi per la tua dieta
Mela: varietà e proprietà del frutto del benessere
Raw food: buono e benefico
Pepe: ricco di gusto e di proprietà
Cavolfiore: 9 buoni motivi per mangiarlo

        

 

 Disintossicati e dupura l'organismo dopo le feste!

Detox con Succhi e Frullati

Consigli e ricette Raw e Vegan per disintossicare l'organismo


Il nuovo numero di Vivere Macro, la rivista digitale gratuita
riservata a tutti gli iscritti alla nostra newsletter.

Iscriviti e ricevilo subito anche tu!

Vivere Macro n.10

Giuliana Lomazzi
Giuliana Lomazzi è nata a Busto Arsizio (VA) e da qualche anno vive a Trieste. Laureata in Lingue e Letterature straniere moderne presso... Leggi la biografia
Giuliana Lomazzi è nata a Busto Arsizio (VA) e da qualche anno vive a Trieste. Laureata in Lingue e Letterature straniere moderne presso l'Università di Milano, dopo un'esperienza di insegnamento nelle scuole superiori, ha iniziato nel 1990 a lavorare nell'editoria, prima come traduttrice e poi come autrice e giornalista.I suoi interessi... Leggi la biografia

14 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto