Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza
Home / Blog / Salute e Benessere

Bellezza sciamanica: i consigli per essere naturalmente belle

Salute e Benessere

Bellezza sciamanica: i consigli per essere naturalmente belle

Salute e Benessere

Bellezza sciamanica: i consigli per essere naturalmente belle

La salute passa anche attraverso il nostro aspetto: se stiamo bene si vede, perché la pelle appare di un bel colore rosato, lucente e senza imperfezioni, mentre i capelli sono folti e voluminosi. Quando invece c’è qualche problema, molto probabilmente anche i pelle e capelli cambiano in peggio: la pelle appare spenta, con segni scuri sotto gli occhi, perde tono, mentre i capelli sono sfibrati, cadono e non hanno volume.

Questo succede non solo quando c’è una carenza vitaminica, ma anche quando ci sono squilibri ormonali o altri problemi. A peggiorare la situazione, è l'uso costante di prodotti cosmetici chimici, con ingredienti che non fanno bene alla nostra salute.

Per ritrovare la nostra naturale bellezza, possiamo seguire i consigli di Lumira, che nel suo libro Bellezza Sciamanica unisce le ricette di cosmesi naturale ai consigli di bellezza e alle meditazioni.


Romina Rossi

 

Cosa contengono i prodotti di cosmesi chimici

Quando scegliete un prodotto cosmetico vi affidate alla marca che vedere pubblicizzata in TV oppure scegliete in base all’INCI, la composizione degli ingredienti? Se avete mai letto questo INCI, probabilmente avrete riconosciuto forse un terzo degli ingredienti contenuti, un po’ perché per convenzione la lista degli ingredienti è in inglese e un po’ perché contiene sostanze dal nome impronunciabile, molte delle quali, soprattutto nei cosmetici industriali non hanno nulla di naturale.

Eppure, nonostante questo, molti continuano a non prestare attenzione ai prodotti che mettono nel carrello, convinti che un sapone o uno shampoo vale l'altro. Invece, molte di queste sostanze create in laboratorio sono dannose per la salute, perché sono riconosciute causa di malattie, allergie e altri problemi; senza contare i danni ancora non del tutto quantificati di quelle sostanze definite interferenti endocrini perché vanno a intaccare la salute del nostro delicato sistema ormonale.

La situazione è talmente critica che sempre più associazioni di consumatori stanno diventando sensibili a questo argomento e cercano di sensibilizzare a loro volta l’opinione pubblica. È quello che ha fatto anche UFC-Que Choisir, associazione francese che ha analizzato la presenza di eventuali sostanze tossiche in 400 prodotti cosmetici di uso quotidiano, per bambini e adulti.

Il risultato? Da far drizzare i capelli: in ben 185 prodotti diversi sono stati riscontrate almeno 26 sostanze allergizzanti e tossiche e in altri 100 una serie di interferenti endocrini. Ora, potreste pensare che si trattasse di prodotti a basso costo da discount, ma non è così: fra le marche prese in considerazione c’erano anche grandi nomi della cosmesi da supermercato, come Roc e L’Oreal.

Che fare? Intanto potete stamparvi la lista delle sostanze dannose per la salute da portare con voi e da consultare quando andate a fare la spesa: vi ci vorrà un po’ di tempo all’inizio ma è tutta salute guadagnata.

Come secondo passo, potreste avvicinarvi alla cosmesi naturale, meglio ancora se autoprodotta.

SCARICA 3 ESTRATTI GRATUITI DEL LIBRO!

 

I benefici della cosmesi naturale

La cosmesi naturale contiene ingredienti naturali, proprio dice il nome, formata in gran parte da estratti di piante officinali, le cui proprietà sono benefiche anche per la pelle e i capelli, e sostanze di origine vegetale che non sono dannose per la salute. Inoltre, le sostanze contenuto nel fitocomplesso, l’insieme delle sostanze di una pianta, nutrono davvero pelle e capelli, cosa che invece non riesce a fare una sostanza di derivazione del petrolio, che ancora nel 2019 viene utilizzata per creme o shampoo.

Spesso si sente dire che i prodotti cosmetici naturali costano molto di più di quelli chimici, che in parte è vero: ma avete mai pensato a quanto vi costerà in salute l’uso di questi prodotti chimici che spesso si utilizzano fin da bambini?

E poi c’è un metodo per accontentare anche il portafogli, senza dover rinunciare alla qualità, ed è quella di autoprodursi i propri cosmetici.

 

 

Perché un prodotto autoprodotto è meglio

Se avete mai provato a produrvi qualche cosa potreste aver sperimentato almeno una di queste sensazioni:

  • sentirvi orgogliosi per aver realizzato qualcosa da soli,
  • sentirvi contenti perché avete risparmiato,
  • sentirvi sicuri perché sapevate esattamente quali ingredienti conteneva il vostro prodotto,
  • sentirvi più rilassati, per aver messo le mani in pasta,
  • avere voglia di autoprodurvi altre creme, prodotti o cose perché vi siete divertiti.

E in effetti la sensazione che pervade dopo aver fatto autoproduzione di qualsiasi cosa è davvero impagabile: fare, creare con le mani aiuta a liberare la mente e a rilassarsi. Può diventare l'attività ideale se avete bisogno di un antistress.

Anche il risparmio è notevole: può darsi che spendiate inizialmente, per comprare gli ingredienti che vi servono, ma le quantità che vi utilizzerete di volta in volta sono esigue per cui vi accorgerete di avere un buon risparmio sul lungo periodo.

La cosmesi naturale, inoltre, non ha bisogno di utilizzare molti ingredienti: con 5-6 ingredienti potete fare cose diverse, come succede ad esempio con le polveri indiane che possono essere usate sia per prodotti naturali per la pelle, sia per capelli.

Non è necessario che cominciate con cose complicate, soprattutto se partite da zero, potete cominciare a piccoli passi, facendovi un impacco per ravvivare i capelli, oppure una maschera per distendere le rughe che, oltre a essere semplici da preparare, non richiedono troppo tempo per la preparazione.

Ormai nei negozi di alimenti naturali e biologico trovate polveri e ingredienti per il fai da te, che per noi possono essere nuovi ma sono usati da millenni ad esempio nella medicina Ayurvedica, come l’henné o l’amla.

Affidiamoci, quindi, all’esperienza di Lumira, provando a realizzare due ricette alla portata di tutti, che trovate nel suo libro Bellezza Sciamanica.

 

 

Impacco per capelli alla polvere di amla

Questo impacco è talmente semplice che potrebbe prepararlo anche un bambino. Vi serve la polvere di amla, che trovate nei negozi bio e in erboristeria.

Diluitene un po’ in una ciotola di acqua bollente: la quantità varia in base alla lunghezza dei capelli. Dovete ottenere una pastella densa, non liquida, da stendere, quando non è più bollente, con l’aiuto di un pennello, sui capelli bagnati. Lasciate agire per 20 minuti, poi sciacquate con acqua tiepida.

Questa maschera è particolarmente indicata nel caso di perdita di capelli, come nei periodi di maggiore stress o ai cambi di stagione. L’amla è una pianta molto nota in Ayurveda, è considerata l’uva spina indiana, chiamata anche il frutto di lunga vita.

Viene usata sia in erboristeria per fare integratori alimentari, sia in cosmesi. La sua particolarità è quella di contenere moltissime sostanze antiossidanti, fra le quali la quercitina, utili a contrastare l’azione dei radicali liberi e svolgere quindi una efficace azione anti-age. Contiene anche vitamine – soprattutto la C e quelle del gruppo B – e minerali, come calcio, ferro, fosforo e carotenoidi.

In India è una delle polveri più utilizzate per prendersi cura di pelle e capelli: se usata con costanza la polvere di amla aumenta la produzione di collagene, la proteina che conferisce il tono e l’elasticità alla pelle. Questa, con l’avanzare dell’età, diminuisce la propria produzione, ed è il motivo per cui la pelle diventa cadente, con rughe e poco elastica.

Anche per i capelli è benefica, perché previene la loro caduta, ne rinforza la radice, così che crescano più forti, e dà loro volume, rendendoli allo stesso tempo più lucenti.

Usato insieme all’henné l’amla, che non ha potere colorante come altre piante ayurvediche, aiuta a proteggere la naturale pigmentazione del capello, rallentando l’ingrigimento e se avete i capelli tinti, è utile poiché aiuta a prolungare e a ravvivare il colore.

Maschera per il viso al cocco e alla cannella

Per questa maschera vi servono:

Lavorate tutti gli ingredienti fino a ottenere una pasta cremosa, applicatene uno strato uniforme sulla pelle, evitando il contorno occhi e rilassatevi per 15-20 minuti. Potete usare questa maschera per viso, décolleté, seno e mani, da utilizzare ogni volta che la pelle appare stanca e priva di vitalità; ed è particolarmente indicata per le pelli grasse.

La maschera favorisce anche la microcircolazione, per cui potreste avere la pelle arrossata dopo l’applicazione, che scompare in pochi minuti, ma che dimostra l’efficacia della maschera.

L’ingrediente principale di questa ricetta è il cocco, qui presente in due varianti: il latte e l’olio. Il latte di cocco è particolarmente indicato per la pelle secca e molto secca: nonostante un contenuto di grasso molto elevato, non ostruisce i pori e conferisce la sensazione molto piacevole di pelle vellutata.

Il latte di cocco ha azione molto idratante ed è indicato anche per le pelli molto sensibili poiché è molto ben tollerato.

L’olio di cocco, che si ottiene dalla spremitura a freddo della polpa del cocco, viene molto usato in cosmesi ma anche in alimentazione. Ricco di vitamina E, rende la pelle morbida e la idrata in profondità: si può usare per un massaggio dopo la doccia o il bagno. Usato come massaggio quotidiano, aiuta ad attenuare i segni delle smagliature e a prevenirle, ad esempio, durante la gravidanza.

Secondo le ultime ricerche sarebbe in grado anche di attenuare i segni delle vene varicose. E se avete finito la lozione struccante provate con un batuffolo di cotone con qualche goccia di olio di cocco: dissolve il mascara che è una meraviglia e pulisce la pelle in profondità.

Ha effetti positivi anche sui disturbi della pelle: l’applicazione costante permette di alleviare i sintomi di eczemi, acne, psoriasi e dermatiti. Contiene infatti tre tipi di sostanze:

  • l’acido laurico, un grasso saturo che stimola la produzione di colesterolo, anche se sembra che favorisca la produzione di quello buono,
  • l’acido caprilico, che ha proprietà antifungine,
  • l’acido caprico, che ha proprietà antimicotiche.

Anche i maschietti possono beneficiare dell’olio di cocco, ad esempio utilizzandolo al posto della tradizionale schiuma da barba: la pelle sarà naturalmente morbida e levigata, attenuando eventuali segni di arrossamento.

I suoi benefici sono evidenti anche sui capelli: nonostante sia un olio, non unge e non li sporca, ma li rende splendenti e setosi, nutrendo quelli danneggiati. Si può usare come impacco da lasciare in posa per alleviare la forfora.

A queste semplici ricette potete abbinare via via esercizi di meditazione, preghiere e pensieri che Lumira applica quotidianamente e che aiutano a nutrire lo spirito, per una bellezza completa dentro e fuori.

 

SCOPRI TUTTI I SEGRETI DI BELLEZZA DI LUMIRA


Romina Rossi
Giornalista freelance e web writer, collabora con la rivista “Vivi Consapevole” e diversi siti web, occupandosi prevalentemente di medicina... Leggi la biografia
Giornalista freelance e web writer, collabora con la rivista “Vivi Consapevole” e diversi siti web, occupandosi prevalentemente di medicina naturale, benessere olistico e tecniche naturali di guargione.L’amore per la Natura e la curiosità di capire i complicati e delicati meccanismi di funzionamento dell’uomo, la portano a intraprendere... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto