Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza
Home / Blog / Ricette Sane

Pizza di zucchine ai peperoni

Ricette Sane

Pizza di zucchine ai peperoni

Ricette Sane

Pizza di zucchine ai peperoni
3 condivisioni

Una ricetta vegan, gluten free, proteica e semplicemente deliziosa. Teresa Tranfaglia ci guida nella preparazione di questa pizza che diventerà il vostro cavallo di battaglia per fare sempre un'ottima figura in cucina!


Teresa Tranfaglia

Volete farvi un regalo? Provate a preparare questa pizza!

È una ricetta vegana e senza glutine, gustosa e alquanto proteica. Grazie alla quinoa e alla farina di mandorle otterrete una preparazione squisita e proteica che farà la gioia del vostro palato e vi nutrirà in maniera equilibrata.

Solitamente i ragazzi adorano questa leccornia e la richiedono sia a cena che per le feste. Questa pizza, oltre a essere buona si presenta molto bene perché è molto colorata. Infatti avrete un bel colore verde alla base, mentre il rosso e il giallo dei peperoni completeranno, con allegria, l’immagine di questa pietanza.

L’esecuzione è semplice, forse un poco lunga, ma se vi organizzate a cucinare preventivamente alcuni ingredienti, abbatterete i tempi. Di solito la preparo quando ho della quinoa già cotta in frigo che devo consumare, per cui una volta bollite le patate dolci, o i tarò, ci vuol poco a prepararla.

Il sapore di questa pizza è intenso e risulta molto saporita. Se non amate i peperoni, potete mettere sopra altri vegetali di vostra preferenza. Ecco la ricetta!

Come fare la pizza di zucchine con peperoni

Per la base della pizza

  • 300 gr. di zucchine grattugiate
  • 400 gr. di quinoa cotta
  • 2 tarò bolliti oppure 300 gr. di patate dolci bollite
  • 100 gr. di farina di mandorle
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b. (facoltativo)
  • 3 cucchiai di olio evo

Per condire la pizza

Esecuzione

Dopo aver grattugiato grossolanamente le zucchine, provate a stringerle per far uscire l’acqua di vegetazione. Versate le zucchine in una grande ciotola, unite la quinoa cotta, la farina di mandorle, le patate dolci bollite e setacciate, o i tarò bolliti e setacciati, il sale, il pepe e l’olio.

Impastate a lungo, fino a quando otterrete un impasto omogeneo.

Prendete una pirofila da forno, va bene anche la placca in dotazione del forno e rivestitela di carta da forno. Ungetevi le mani con un poco di olio, versate l’impasto sulla carta forno e stendetelo coprendo la superficie della placca. L’impasto dovrà avere uno spessore di circa 1 centimetro.

Infornate a 220°C per circa 40 minuti.

Mentre la pizza cuoce prepariamo i peperoni. Innanzitutto assicuratevi che i peperoni siano ben spellati, poi tagliateli a listarelle, denocciolate le olive e sciacquate bene i capperi sotto l’acqua corrente. Ponete l’aglio e l’olio in una padella, fate imbiondire l’aglio, versate i peperoni, le olive denocciolate, i capperi dissalati , salate e fate saltare il tutto a fiamma vivace per 7 o 8 minuti, fino a quando il liquido dei peperoni si sarà assorbito.

Appena vedrete che la superficie della pizza sarà dorata e compatta, tiratela fuori dal forno e copritela con i peperoni. Infornate ancora per 10 - 15 minuti.

Sfornate e buon appetito!

Letture consigliate


Teresa Tranfaglia
Teresa Tranfaglia (biografia e libri), laureata in Pedagogia e Vigilanza Scolastica, è autrice di testi che suggeriscono come affrontare le... Leggi la biografia
Teresa Tranfaglia (biografia e libri), laureata in Pedagogia e Vigilanza Scolastica, è autrice di testi che suggeriscono come affrontare le intolleranze alimentari. Esperta di macrobiotica e alimentazione naturale, da circa trent’anni si occupa di intolleranze, in particolare, al glutine e alla caseina. Con Macro Edizioni ha scritto:... Leggi la biografia

3 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto