Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza
Home / Blog / Alimentazione e Diete

Intolleranza al lattosio. Intervista alla Dr. Maria Sole Facioni

Alimentazione e Diete

Intolleranza al lattosio. Intervista alla Dr. Maria Sole Facioni

Alimentazione e Diete

Intolleranza al lattosio. Intervista alla Dr. Maria Sole Facioni
61 condivisioni

Intolleranza al lattosio. Ormai sempre più diffusa, sia con sintomi leggeri che in maniera più aggressiva. Ne abbiamo parlato con la Dr.ssa Maria Sole Facioni, biologa e presidente dell'associazione AILI.

Maria Sole Facioni sarà presente anche all'evento Le Alternative Vegetali, organizzato da Wikonsumer.org, che si terrà a Bari il 5 maggio 2018. 


Redazione WiKonsumer

VUOI SAPERNE DI PIÙ SULL'EVENTO? SCOPRI LE ALTERNATIVE VEGETALI

 

1) Dr.ssa Facioni, AILI è all'avanguardia nella ricerca di alimenti senza lattosio. Come si svolge la vostra attività?

Associazione Italiana Latto-Iintolleranti ONLUS (AILI) è l'Associazione nazionale di riferimento per la categoria degli intolleranti al lattosio.

AILI nasce a Lucca cinque anni fa dalla mia esperienza personale ed ha acquisito oggi un valore istituzionale. L’Associazione tutela la salute di queste persone e compie una capillare azione informativa sul territorio nazionale.

Ha altresì l’obiettivo di far crescere l’attenzione sociale, sensibilizzando e diffondendo la conoscenza della suddetta intolleranza, a partire dalle informazioni basilari come sintomi e test di diagnosi corretti da effettuare sino ad arrivare alla dieta adeguata da seguire tra le mura domestiche e fuori casa.

2) Qual è il trend di consumo di alimenti senza lattosio?

Negli ultimi due anni il consumo dei prodotti senza lattosio è in forte crescita. Il mercato dei prodotti “senza” ha sfiorato nel 2016 i tre milioni di euro di vendite, in crescita rispetto al 2015: +1.2%.

All’interno di questo settore, gli alimenti senza lattosio rappresentano la parte più dinamica, che sempre nel 2016 hanno visto un aumento del 13.6% rispetto all’anno precedente. (fonte: GS1 Italy - Nielsen)

Questo trend segue l’andamento delle diagnosi che fortunatamente stanno aumentando, grazie anche al nostro lavoro.

3) A chi consiglierebbe una dieta senza lattosio? E quali consigli darebbe a chi vuole iniziare magari dai latti vegetali?

La dieta senza lattosio è sicuramente la “terapia” da seguire per una persona che ha appena avuto la diagnosi di intolleranza a questo zucchero. Fare la diagnosi è importante per escludere dalla dieta in modo totale o parziale le fonti di lattosio.

Inoltre, una dieta senza lattosio può contribuire a migliorare il benessere di tutti quei soggetti che presentano difficoltà nel digerire il latte e/o i suoi derivati o che presentano una momentanea alterazione del microbiota intestinale.

A tal proposito, la bevanda vegetale rappresenta un’ottima alternativa. Il primo consiglio è quello di testare più bevande vegetali di gusto differente in modo da trovare quella più adatta alle proprie esigenze nutrizionali e quella di gusto più gradevole al proprio palato.

Leggi anche:

Latte vegetale: non solo soia. Quale scegliere?
Il latte di soia fa bene o male? Quali sono le proprietà e le controindicazioni?
Le proprietà e i benefici del latte di mandorla. Fa ingrassare?

      

4) Di cosa parlerà all'evento di Wikonsumer del 5 maggio prossimo?

Il mio intervento inizierà con una piccola introduzione sull’intolleranza al lattosio e sull’Associazione AILI. Successivamente dedicherò un focus al nuovo progetto Marchio Lfree, la prima certificazione internazionale del mondo del senza lattosio. Lfree è nato poco più di un anno fa e ad oggi conta già i primi prodotti certificati tra cui il Gorgonzola Igor. Il Marchio Lfree è stato realizzato in tre varianti: azzurro per i prodotti senza lattosio “Lactose free”, verde per i prodotti senza lattosio, latte e derivati “Lactose&Milk free” e l’ultima dedicata ai prodotti lattiero-caseari naturalmente senza lattosio “Naturally lactose free”.

Il comune denominatore è l’assenza di lattosio con un contenuto residuo inferiore a 0.01% (ben 10 volte sotto il valore stabilito dal Ministero della Salute), che si aggiunge alla verifica dell’assenza delle proteine del latte nella variante verde “Lactose&Milk free” dedicata anche ai prodotti vegetali.

L’innovatività di questo progetto non risiede solo nell’aver sviluppato un marchio grafico, ma anche nell’aver elaborato e redatto per la prima volta un Disciplinare ad alto valore tecnologico che correda il Marchio Lfree.

Congiuntamente al Marchio Lfree, è nato il progetto “Senza Lattosio Fuori Casa” ovvero poter mangiare in locali (tra cui ristoranti, pizzerie, hotel, gelaterie, laboratori artigianali) che sono stati formati/informati sul mondo del senza lattosio e offrono una selezione di prodotti “senza” controllati ed idonei alle esigenze alimentari degli intolleranti al lattosio.

VUOI SAPERNE DI PIÙ SULL'EVENTO? SCOPRI LE ALTERNATIVE VEGETALI

 


Redazione WiKonsumer
Wikonsumer.org è la guida online agli alimenti. Nasce nel 2016 con l'obiettivo di aiutare i consumatori moderni a scegliere in maniera consapevole... Leggi la biografia
Wikonsumer.org è la guida online agli alimenti. Nasce nel 2016 con l'obiettivo di aiutare i consumatori moderni a scegliere in maniera consapevole attraverso:classifiche dei prodotti in commercio;guide alla scelta;contenuti di approfondimento su proprietà e controindicazioni degli alimenti.Wikonsumer.org vuole che il consumatore si senta... Leggi la biografia

61 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Vivere Macro n. 17 - Fermati e Vivi il Benessere
Omaggio Vivere Macro n. 17 - Fermati e Vivi il Benessere

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 17 - Fermati e Vivi il Benessere