Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza
Home / Blog / Salute e Benessere

Zenzero per il benessere intestinale e contro la nausea 

Salute e Benessere

Zenzero per il benessere intestinale e contro la nausea 

Salute e Benessere

Zenzero per il benessere intestinale e contro la nausea 
19 condivisioni

Lo zenzero (Zingiber officinale), noto anche come ginger, è una pianta di origine tropicale ma diventata nota e apprezzata a tutte le latitudini per via delle straordinarie proprietà racchiuse nel suo rizoma. Tra le altre cose, questa spezia è utile ad esempio per il benessere intestinale e per contrastare la nausea. Utilizzato fin dall’antichità dalla medicina tradizionale cinese per favorire la digestione, lo zenzero è utile anche per prevenire o curare raffreddore e tosse. Visto il sapore caldo e speziato, si tratta di un rimedio perfetto soprattutto nella stagione fredda anche se nulla vieta, anzi è consigliato, utilizzarlo tutto l’anno.


Redazione ViverSano.net

Lo zenzero (Zingiber officinale), noto anche come ginger, è una pianta di origine tropicale ma diventata nota e apprezzata a tutte le latitudini per via delle straordinarie proprietà racchiuse nel suo rizoma. Tra le altre cose, questa spezia è utile ad esempio per il benessere intestinale e per contrastare la nausea.

Utilizzato fin dall’antichità dalla medicina tradizionale cinese per favorire la digestione, lo zenzero è utile anche per prevenire o curare raffreddore e tosse. Visto il sapore caldo e speziato, si tratta di un rimedio perfetto soprattutto nella stagione fredda anche se nulla vieta, anzi è consigliato, utilizzarlo tutto l’anno.

Non si tratta solo di tradizioni e usi popolari, numerosi studi scientifici hanno infatti provato gli effetti benefici di questa spezia sul sistema gastrointestinale riconoscendo allo zenzero anche capacità antinfiammatorie, antidolorifiche e antiossidanti.

Se si utilizza per favorire la digestione o contro la nausea dovuta ad esempio a mal d’auto, treno o aereo, sono sufficienti pochi grammi di rizoma per alleviare o risolvere il problema. Ma per ottenere il massimo dei benefici dallo zenzero fresco sarebbe meglio arrivare ad almeno 10 grammi giornalieri (fino ad un massimo di 30 grammi).

Ottimo lo zenzero anche in caso di meteorismo, per proteggere la mucosa gastrica, facilitare le evacuazioni e regolare la secrezione della bile. Aggiunto ai cibi grassi, inoltre, oltre a facilitarne la digestione ne limita l’assorbimento.

Come utilizzare lo zenzero

Per contrastare disturbi intestinali o nausea lo zenzero può essere consumato in diversi modi, vediamo quali sono.

Tisana

La tisana o decotto di zenzero si prepara utilizzando il rizoma fresco da far bollire in acqua per circa 10 minuti. Per ogni tazza d’acqua si possono utilizzare 2 o 3 fettine di zenzero sbucciato. Per aumentare l’effetto benefico sul sistema digestivo si può aggiungere anche del succo di limone fresco.

Grattuggiato

Se vi piace il sapore dello zenzero potete utilizzarlo direttamente sui vostri piatti preferiti sia salati che dolci semplicemente grattuggiandolo a fine cottura o inserendolo nelle vostre preparazioni. Partite però con piccole dosi per capire se il sapore che dà alle pietanze è di vostro gradimento.

In polvere

La versione in polvere dello zenzero è molto comoda da utilizzare in cucina se non si ha a disposizione quello fresco ma anche come alternativa. In questo caso basta inserirlo in piccole quantità all’interno di pasta, riso, secondi, contorni, ecc. per ottenere un buon effetto digestivo e antinausea.

Masticare un pezzetto di rizoma

Per far passare la nausea può bastare semplicemente staccare un pezzetto di rizoma di zenzero, togliere la parte esterna e masticare per alcuni minuti ogni volta che si avverte il malessere.

Candito

Anche lo zenzero candito ha doti antinausea e digestive, se non si gradisce il rizoma così com’è, l’alternativa è provare questa variante decisamente più dolce e gustosa.

Olio essenziale di zenzero

Un ottimo alleato contro la nausea è poi l’olio essenziale di zenzero con il quale si può aromatizzare la propria casa attraverso un diffusore di essenze oppure inalare attraverso un fazzoletto, o ancora utilizzare per fare massaggi sulla zona addominale (bastano 1 o 2 gocce diluite in olio vegetale).

Estratto secco

L’estratto secco titolato e standardizzato di zenzero è un rimedio molto potente contro la nausea e in generale per il benessere di stomaco e intestino ma poiché si tratta di un prodotto dal principio attivo concentrato meglio assumerlo solo sotto consiglio di un esperto. Da evitare invece l’assunzione per le nausee gravidiche dato che non esistono studi che ne provano la sicurezza.

Controindicazioni delle zenzero

Lo zenzero, soprattutto se assunto a grandi dosi, può andare ad interagire con alcuni farmaci. Anche se si fa esclusivamente un uso alimentare (ma con una certa frequenza) è sempre meglio chiedere il parere al proprio medico curante. In alcuni casi mangiare troppo rizoma di zenzero può dare l’effetto contrario a quello desiderato ovvero è possibile veder comparire disturbi gastrointestinali. Meglio sempre quindi non eccedere nelle dosi.

Scritto da Francesca Biagioli per ViverSano.net


Redazione ViverSano.net
ViverSano.net è un sito dedicato al benessere naturale, alla sana alimentazione e alle cure naturali. Collaboriamo con esperti nutrizionisti,... Leggi la biografia
ViverSano.net è un sito dedicato al benessere naturale, alla sana alimentazione e alle cure naturali. Collaboriamo con esperti nutrizionisti, naturopati, erboristi e foodblogger, con lo scopo di diffondere anche nel nostro Paese la cultura del "Vivere-Sano", spesso sottovalutata e poco considerata. Semplici azioni quotidiane come una sana... Leggi la biografia

19 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto