Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Amici Animali

La comunicazione intuitiva con gli animali

Amici Animali

La comunicazione intuitiva con gli animali

Amici Animali

La comunicazione intuitiva con gli animali
12 condivisioni

La Comunicazione Intuitiva con gli Animali è il bellissimo libro di Andrea Contri che racconta com’è possibile ascoltare e comprendere i messaggi dei nostri amici animali e, attraverso loro, conoscere meglio noi stessi.


Sabrina Lorenzoni

La comunicazione intuitiva con gli animali

La possibilità di comunicare con gli animali, utilizzando il nostro stesso linguaggio, è un’idea affascinante alla quale non avevo mai pensato prima di leggere questo libro. Per questo motivo l’ho letto con molta attenzione e curiosità.

Nell’introduzione, Andrea ci racconta che la comunicazione intuitiva con gli animali è un processo naturale: ognuno di noi ha la capacità e la possibilità di comunicare con gli animali. Perché non lo facciamo, allora? Semplicemente perché non abbiamo mai allenato questa capacità e l’abbiamo persa nel corso degli anni.

Si tratta di riappropriarsi di questa facoltà, esercitarsi, provare e riprovare. La comunicazione intuitiva con gli animali è anche un processo molto intimo e ognuno di noi privilegerà i canali comunicativi che preferisce: i sogni, le immagini, i suoni, le emozioni.

 

 

Il libro di Andrea Contri, “La Comunicazione Intuitiva con gli Animali è suddiviso in due parti. Nella prima parte, Andrea racconta la sua storia, come tutto è cominciato. Nella seconda parte, invece, sono narrate brevi e interessanti storie di animali e proprietari con i quali è venuto a contatto.

All’interno ci sono due ampi paragrafi dedicati alla comunicazione vera e propria in modo che ognuno di noi possa iniziare a provare questa esperienza.

Leggendo il libro di Andrea mi ha molto impressionato la storia del suo inizio, del richiamo dei leoni bianchi, così come il messaggio degli orangutan della foresta. Non solo gli animali che vivono sulla terraferma, ma anche tutto ciò che abita le profondità di fiumi, mari e oceani ha un messaggio da comunicarci: ecco, allora, il bellissimo messaggio delle balene.

Il richiamo dei leoni bianchi

Andrea si trovava in Inghilterra per fare ricerche per la sua tesi di laurea in ingegneria. Guardando un documentario alla televisione fu attratto da bellissimi luoghi e dagli animali che popolano le diverse zone del nostro pianeta. In particolare, l’immagine di un leone bianco rimase impressa nella sua mente. Dopo aver fatto delle ricerche, decise di recarsi in Africa presso il centro che studia questi leoni attraverso rigorosi programmi scientifici: il Global White Lion Protection Trust, guidato da Linda Tucker. Si tratta dell’unico centro al mondo per la tutela dei leoni bianchi allo scopo di reintrodurli in natura nella loro zona d’origine: il Timbavati.

"In Africa l’industria della caccia e dei trofei è ancora attiva”: oggi in natura restano soltanto 13 leoni bianchi in libertà, anche grazie all’aiuto del Centro che cerca di salvarli dalle mani di cacciatori e bracconieri. I leoni bianchi sono animali molto particolari con il manto chiaro e gli occhi azzurri: “Essere a tu per tu con un bellissimo leone è un’esperienza che non si dimentica”

Il cucciolo di orangutan e l’olio di palma

Tra i suoi numerosi viaggi, Andrea è stato anche in Malesia. In questo Stato le coltivazioni di palma da olio sono molto numerose.

“Le immense piantagioni di palme stanno infatti distruggendo la giungla e con essa i suoi abitanti, compresi gli orangutan, la cui sopravvivenza è ora a rischio”.

Spesso i turisti chiassosi si accalcano davanti a questi animali in attesa di fotografarli mentre mangiano non pensando che si tratta di animali che hanno storie di vita difficili e non di semplici attrazioni turistiche. Mi ha molto colpito la storia del cucciolo di orangutan che si siede vicino ad Andrea, che decide di ascoltare il suo richiamo e di andare a salutarlo.

Il messaggio che questi animali ci vogliono trasmettere è davvero semplice ma pieno di meraviglia:

“In terra, in acqua e in cielo ci sono diverse comunità di esseri viventi. Tornare semplicemente a riconoscerle è un importante passo avanti verso una più profonda comprensione reciproca”.

La danza delle balene e il mondo sommerso

La storia delle balene di Città del Capo è davvero emozionante. Andrea era su di una barca insieme ad un gruppo di turisti troppo chiassosi e invadenti, purtroppo. Così, durante quel viaggio in mare pieno di aspettative, non riuscì a comunicare con questi animali come avrebbe voluto, anche se le balene si mostrarono a tutta la comitiva. Al rientro, al ristornate, Andrea incontra Chris, un musicista che decide di improvvisare un concerto per i presenti, ma soprattutto per le balene:

“Suoneremo tutti insieme per le balene. Sono loro i nostri spettatori. Suoneremo per ringraziare di averci onorato della loro presenza e gioire tutti insieme di questa esperienza straordinaria”.

A quel punto si presentò loro una bellissima balena con il suo piccolo che, attratta dalla musica, venne a salutare Andrea e i suoi amici. Così come la musica, attraverso le sue vibrazioni, è un linguaggio universale, non solo per l’uomo, ma anche per gli animali, noi uomini possiamo provare ad entrare in contatto con loro, gli animali che vivono insieme a noi su questo meraviglioso pianeta.

La balena ha portato ad Andrea questo bellissimo messaggio:

“Voi vivete sopra questa linea, fuori dall’acqua. Anche noi ogni tanto veniamo fuori a curiosare. Ma non dovete dimenticarvi di tutto il mondo che c’è sotto. Questo è il nostro regno, ma anche il vostro. Non dimenticatevi di noi!”

 

 

Qualche suggerimento per iniziare a comunicare con gli animali

Leggendo il libro La Comunicazione Intuitiva con gli Animali viene voglia di provare a comunicare con loro. Come dice Andrea, tutti possiamo farlo, basta provarci ed allenarsi. Per cominciare, mettiamoci a sedere comodi e liberiamo la mente dai pensieri negativi. Concentriamoci sul respiro, proviamo a controllarlo e a calmarci.

La comunicazione intuitiva avviene a livello energetico: per questo non occorre che l’animale sia presente, può essere anche molto distante da noi, basta avere davanti agli occhi una sua foto o un’immagine. Quindi, se vogliamo, possiamo provare a comunicare con il nostro animale domestico, ma anche con un animale che vive in natura e che amiamo particolarmente: un leone, un’aquila, un lupo…

Ogni animale (anche noi esseri umani) libera nell’ambiente pensieri ed emozioni sotto forma di energia positiva o negativa e soprattutto sotto forma di amore:

“… quando siamo sulla frequenza dell’amore sperimentiamo il trasferimento di un’emozione da un punto a un altro.”

Indirizziamo il nostro amore verso l’animale che vogliamo contattare e cerchiamo di comunicare con lui. Possiamo porre una semplice domanda o lasciare libero l’animale di esprimersi. Possiamo chiedere: come ti senti? Di cosa hai bisogno? Come posso aiutarti?

Poiché ognuno è diverso, ogni individuo comunicherà con gli animali privilegiando un certo canale di comunicazione a lui più congeniale. Chi avrà la risposta sotto forma di pensiero, chi come immagine. Molto spesso si provano forti emozioni e sensazioni, sia a livello psichico che fisico. Ricordiamoci sempre, prima di ogni contatto, di chiedere all’animale il permesso per poter comunicare con lui e ringraziamolo alla fine di ogni incontro.

Spesso si contatta un animale perché ha problemi di salute o comportamentali. Nella seconda parte del libro Andrea racconta molti esempi di come questa comunicazione è stata utile agli scienziati e ai veterinari per poter capire meglio il problema dell’animale e aiutarlo a guarire.

Consigli per ritrovare un animale smarrito

Quando ho letto questa sezione, ho subito pensato di inserire in questo post alcuni suggerimenti utili per poter ritrovare un animale smarrito. Avendo vissuto tutto questo con la mia gatta, spero che i consigli di Andrea vi possano aiutare se vi trovate in questa terribile situazione.

Gli animali smarriti sono spaventati, hanno paura, spesso non sanno orientarsi perché stanno male. Conviene, quindi, cercare di farli tornare a casa più che capire dove si trovano, anche perché si muovono spesso. Cerchiamoli, chiamiamoli, portando con noi il loro cibo preferito e soprattutto non perdiamo mai la speranza e pensiamo positivo. I nostri animali sono uniti a noi da una relazione basata sull’amore, piena di energia e di emozioni e saranno in grado di ritrovarci, di trovare la strada di casa.

Il messaggio di Tati

Non è facile raccontare un libro sulla comunicazione intuitiva con gli animali: occorre leggerlo. Sono convinta che ci sia un’unione profonda tra tutti gli organismi viventi e in particolare tra animali e animali e anche tra uomo e animali.

Per questo mi ha molto colpito il messaggio di una cagnolina di taglia media di nome Tati. Un messaggio di amore universale, da non dimenticare mai, soprattutto nei momenti più difficili della vita:

“…Voi siete luce, io sono luce; non dovete smettere di vedere la vostra luce e di brillare come noi facciamo sempre. Siamo qui per riconnettervi alla terra. Il messaggio più importante è quello di potervi amare come amate noi. Non vi chiediamo nulla, ma vi diamo solo amore perché è quello di cui avete più bisogno”

Leggi anche tu il libro di Andrea


Sabrina Lorenzoni
Sabrina Lorenzoni, laureata in Scienze Biologiche, Indirizzo Ecologico, autrice del blog curiosa di natura. Da sempre appassionata di ecologia,... Leggi la biografia
Sabrina Lorenzoni, laureata in Scienze Biologiche, Indirizzo Ecologico, autrice del blog curiosa di natura. Da sempre appassionata di ecologia, natura e ambiente, hounito le mie competenze scientifiche alla mia grande passione per la scrittura collaborando come blogger e web writer e scrivendo di eventi green legati alla città di Milano per... Leggi la biografia

12 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto