Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza
Home / Blog / Alimentazione e Diete

12 regole da usare al supermercato

Alimentazione e Diete

12 regole da usare al supermercato

Alimentazione e Diete

12 regole da usare al supermercato
59 condivisioni

Prima o poi, il nodo verrà al pettine: ciò che desiderate per il benessere della vostra famiglia è molto diverso da ciò che vogliono alcuni venditori e i produttori di cibo.

Questo significa che al supermercato dovrete usare tattiche da guerriglia, leggendo attentamente le etichette, anche tra le righe. La buona notizia è che ormai esiste un’ampia possibilità di scelta, anche al supermercato. Si aggiungano i negozi di alimentazione naturale e non sarà più tanto difficile riempire la credenza e il frigorifero di alimenti deliziosi e nutrienti.

Ecco le dodici regole auree per gli acquisti.


Redazione Web Macro

SCARICA LA LISTA DELLA SPESA
PER FAR SMETTERE DI MANGIARE SCHIFEZZE A TUO FIGLIO!

 

1. Evitate tutto ciò che contiene grassi idrogenati

Controllate sulle etichette la presenza delle parole “idrogenati” e “oli vegetali”. Se l’alimento ha una lunga data di scadenza e contiene un olio vegetale, si tratta di un olio idrogenato (ovvero, trattato per solidificarlo). I grassi idrogenati interferiscono con l’uso dei grassi essenziali da parte del cervello e quindi, in ultima analisi, con il suo corretto funzionamento.

Saper leggere le etichette alimentari

 

2. Evitate i cibi che contengono zucchero

Controllate nell’etichetta l’eventuale presenza di zucchero in qualunque forma, quindi anche miele, sciroppo, saccarosio, glucosio, destrosio, maltosio e ogni altro “-osio”.

Tra gli zuccheri che non alterano troppo la glicemia del bambino, troviamo xilitolo, fruttosio e sciroppo d’agave blu, usato nelle bevande. Comunque, scegliete solo quei prodotti in cui anche questi zuccheri compaiono solo alla fine degli ingredienti.

Zucchero: l'alternavita dei dolcificanti naturali. I pro e i contro

 

3. Evitate i succhi industriali e le bibite al succo di frutta

I succhi di frutta trattati e le bevande al succo di frutta non sono molto meglio dell’acqua zuccherata. Non fatevi ingannare dalle dichiarazioni del produttore, secondo cui queste bevande sono state migliorate con vitamine e minerali. Questo significa soltanto che gli originali, naturali nutrienti sono stati distrutti dalla lavorazione.

Gli unici succhi accettabili sono quelli appena fatti o tenuti in frigo, con una scadenza brevissima (al massimo, pochi giorni). Il succo di mela è la scelta migliore, in quanto le mele contengono per lo più fruttosio.

Cosa succede quando inseriamo i succhi freschi nella dieta

 

4. Se li mangiate, comprate confezioni piccole di formaggio e di latte

Consumare molti latticini può scatenare un’intolleranza a tali alimenti. Dopotutto, il latte è uno dei principali allergeni. La maggior parte dei formaggi ha anche molti grassi saturi. Se li mangiate, comprarne confezioni piccole terrà i vostri consumi a un livello moderato.

5. Se le mangiate, scegliete uova biologiche da allevamento all’aperto e ricche di omega-3

Le uova sono sane solo nella misura in cui lo sono le galline. Se potete, compratele ricche di omega-3, biologiche o almeno da pollame allevato all’aperto.

6. Evitate additivi, conservanti e altre sostanze chimiche

Imparate quali sono gli additivi inaccettabili ed evitateli scrupolosamenti. Cercate di imparare a memoria la lista molto più breve degli E sani, che in realtà sono vitamine.

Come regola empirica, tanto più l’elenco degli ingredienti sarà corto, tanto più sano sarà il cibo. Per esempio, il pane potrebbe avere tre ingredienti, ma anche trenta. La cosa più importante è che se vi trovate davanti una lunga lista di ingredienti, di cui molti non vi sembrano “cibi” – cioè, cose che crescono sugli alberi o dal suolo – oppure sentite che potreste capirli e pronunciarli meglio se aveste una laurea in chimica, questo dovrebbe essere per voi un campanello d’allarme: quel prodotto non è adatto a voi e soprattutto al vostro bambino.

7. Fate una lista e seguitela senza sgarri

Usate termini generici, come “frutta e verdure”, in modo da non limitarvi e da poter prendere ciò che vi sembra più buono. Non mettete nel carrello nulla che non sia nella lista, a meno ovviamente che non sia qualcosa che avete dimenticato e che vi occorre (e questo non include i biscotti al cioccolato!).

Se fate la spesa con il vostro bambini non cedete mai alle sue richieste e non fatevi spaventare dai capricci. Il vostro cedimento gli insegnerebbe che fare i capricci è utile. Evitate del tutto la corsia di dolci e biscotti. 

Lista della spesa per far smettere di mangiare a tuo figlio

 

8. Mangiate prima di uscire

Se vostro figlio viene con voi, dategli una merenda. Una mela e qualche noce brasiliana presi in macchina, sulla strada verso il supermercato, gli stabilizzeranno la glicemia, prevenendo il desiderio di cibi zuccherati e anche la relativa irritabilità. Al supermercato, portate pure un po’ d’acqua.

9. Comprate biologico ogni volta che potete

Talvolta, la differenza di prezzo tra cibi biologici e non è molto piccola, il che è una fortuna, ma guardatevi dai cibi biologici lavorati. Gli ingredienti sono probabilmente di qualità migliore, non ci saranno additivi inaccettabili, ma pizza e patatine biologiche saranno pur sempre pizza e patatine, così come una torta biologica continuerà verosimilmente a essere piena di zucchero. E come sappiamo, i carboidrati raffinati non aggiungono nulla a una dieta sana.

10. Preferite i cibi integrali a quelli raffinati e industriali

Questo vuol dire riso, pasta e pane integrali, anziché bianchi. Scegliete verdure intere e non già tagliate, in quanto la perdita dei nutrienti comincia con il taglio. È meglio, e molto più economico, comprare una lattuga o un cavolo interi, che comprare insalate o verdure da insalata preconfezionate, che vanno a male pochi minuti dopo l’apertura del pacchetto.

11. La varietà è il bello della vita

Siate avventurosi e provate cose nuove, soprattutto verdure e legumi freschi. Avete mai mangiato la quinoa o l’orzo? Avete mai grattugiato barbabietola cruda dentro un’insalata? La varietà è essenziale per la buona nutrizione e rende l’ora dei pasti molto più piacevole.

12. Attenzione ai prodotti light

La fobia dei grassi è sbagliata. È il tipo di grassi che bisogna controllare per la maggior parte: prodotti che vantano di essere poveri di grassi hanno zuccheri aggiunti per risultare più saporiti, dunque non sono affatto meglio dell’originale. In realtà, sono probabilmente peggio.

Attenzione ai cibi con poco grasso, quando l’originale dovrebbe essere un alimento ricco di grassi. Per esempio, il burro magro: il burro dovrebbe essere, in teoria, grasso al 100 per cento, quindi controllate cosa è stato aggiunto al suo posto.

SCARICA LA LISTA DELLA SPESA
PER FAR SMETTERE DI MANGIARE SCHIFEZZE A TUO FIGLIO!

 

Smettila di Far Mangiare Schifezze a Tuo Figlio - Libro

SCARICA UN ESTRATTO GRATUITO

     


Redazione Web Macro
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli... Leggi la biografia
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli spaziano su tutti i principali argomenti che Macro divulga con passione dal 1987. Il meglio per il benessere di Corpo, Mente e Spirito raccontato da coloro che vedono nascere quotidianamente i... Leggi la biografia

59 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Vivere Macro n. 17 - Fermati e Vivi il Benessere
Omaggio Vivere Macro n. 17 - Fermati e Vivi il Benessere

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 17 - Fermati e Vivi il Benessere