Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza
Home / Blog / Crescita Personale

Pet Therapy per l'iperattività dei bambini

Crescita Personale

Pet Therapy per l'iperattività dei bambini

Crescita Personale

Pet Therapy per l'iperattività dei bambini
289 condivisioni

Un articolo sulla cosidetta A.D.H.D, Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività e in benefici che può apportare la Pet Therapy. Quella di Alberto Dal Negro è una visione che va oltre le etichette, i giudici.  


Alberto Dal Negro

Iperattività: sono affascinato da questi bambini. Bimbi speciali sotto tutti gli aspetti. Certo non facili da gestire, per insegnanti e mamme…ma sempre speciali. Lo dico per come li conosciamo noi in compagnia di un animale, per come questi bambini sanno sintonizzarsi con un cane, per come sanno coglierne bisogni ed esigenze, per la delicatezza dei gesti, l’enorme rispetto che portano nei loro confronti, e nei nostri confronti. L’animale sembra far scomparire quella lunga lista di "questo non va, e nemmeno questo" che spesso ci raccontano, quella lista nera su cui ci viene chiesto di lavorare.

 

Cos'è l'A.D.H.D

Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (ADHD) è, secondo il sito Erickson, "l’etichetta diagnostica utilizzata per descrivere una popolazione eterogenea di bambini che presentano una serie di problemi, le cui manifestazioni più evidenti riguardano la difficoltà a mantenere l’attenzione e a controllare l’impulsività e il movimento" 

Inizialmente, ormai molti anni fa, ci preoccupavamo molto quando ci dicevano dell’oppositività di questi bambini, della loro impulsività e aggressività… e pensavamo ai nostri animali, a come sarebbero potuti uscire da questi incontri. Niente di tutto ciò.

L’animale non chiede…offre. Non parla…ascolta. Non pretende…aspetta.

Scopri cos'è la Pet Therapy, come si svolge, il rapporto animale paziente

 

Per Therapy con i bambini iperattivi

Si instaura quasi sempre una complicità particolare fra bambino e cane: il cane coglie l’unicità di queste persone e il bambino scopre l’unicità dell’essere animale. Si cercano l’un l’altro, si intendono a meraviglia. Con i tempi di attenzione del bambino che si allungano a dismisura, con comportamenti di tutto rispetto verso tutti (animali e adulti presenti), nessun tipo di oppositività, di aggressività, niente di tutto ciò. Emerge in questi incontri la parte più bella e importante del bambino. Fuoriesce tutta la sua profonda essenza di essere speciale.

Penso davvero che questi bimbi abbiano una marcia in più e possano insegnarci molto. E questa è l’idea che sempre più mamme ci manifestano, anche loro comprendono di avere dei figli davvero sorprendenti, senz’altro difficili da gestire con il loro "andare a mille all’ora", per i quali è difficile (e doloroso) vedersi affibbiare l’etichetta della diversità quando è tutto il resto del mondo ad essere diverso da loro.

Essendo bambini che hanno un quoziente intellettivo superiore alla norma e in grado di relazionarsi con un adulto alla pari, dovremmo riflettere su questo…

Pet Therapy: efficace anche contro il bullismo?


E perché con un animale tutto cambia?

  • Forse perché l'animale non pretende nulla, se non di condividere momenti di gioco e di gioia?
  • O forse perché, nella sua essenzialità, vede oltre i comportamenti esteriori?
  • Perché, spogliato di ogni ruolo, è semplicemente se stesso e mostra tutta la propria autenticità, riconoscendo l’integrità e l’autenticità dell’altro?

O tutto questo messo insieme?

Il potere terapeutico degli animali: intervista

Vediamo mamme che sentono questo strappo dentro, combattute fra la specialità dei loro figli e l’immagine che gli altri disegnano di loro... Mamme che il più delle volte soffrono la solitudine di questo sentimento, che ci inondano di pensieri e parole, che cercano il conforto di chi sa cogliere anche gli aspetti migliori dei loro bimbi…perché un cane porta alla luce tutte le loro belle qualità…e quello che vediamo noi lo vedono anche loro. E queste mamme ci guardano dritte negli occhi come per dire “hai visto?”, per chiedere un riscontro sincero della bellezza della loro intesa, di un'interazione morbida, misurata, rispettosa, reciprocamente gratificante.

Chi è l'operatore di Pet Therapy?

E il bambino vive in questa dimensione di accettazione, di totale accoglienza, di non giudizio, di libertà… e vive! Vive, da essere speciale, momenti speciali. E il più delle volte, grato alla mamma per questa opportunità, le si avvicina, la abbraccia, cerca il suo conforto e la condivisione di quest’esperienza, invitandola ogni tanto a provare anche lei cosa quel cane può dare

PDF GRATUITO - IL BENESSERE DEI NOSTRI ANIMALI

 

Pet Therapy e famiglia 

A volte dedichiamo momenti individuali di interazione con un cane esclusivamente alla mamma, senza la presenza del bambino, offriamo insomma questi nostri interventi alla ‘fonte’. Perché le mamme ne hanno bisogno quanto i loro figli. Tutti noi abbiamo bisogno di ascolto, di essere accolti, di un momento di pace. Per cui riteniamo giusto ampliare il raggio della nostra azione a più livelli. Perché alla fine il livello è uno solo.

Pet Therapy: riscontri scientifici nella demenza senile

Con queste famiglie si crea non solo un rapporto professionale…spesso si va oltre. Si fondono un po' i ruoli… si dà prevalenza all’essenza. Ritengo personalmente che sia difficile per tutti vivere con ruoli diversi (sul lavoro sono così, ma fuori sono colà). È un po' un farci violenza. Noi siamo quello che siamo e trovo giusto spogliarci delle diverse identità. Non dobbiamo aver paura di mostrarci al prossimo, con le nostre competenze e anche con i nostri limiti. Non dobbiamo difenderci da nessuno… anche perché questi bambini speciali sanno cogliere benissimo la nostra coerenza interiore, la nostra integrità ed autenticità. Non li possiamo e non li dobbiamo ingannare. Forse ci vogliono insegnare questo…ad essere di più noi stessi.

Emozioni: conoscere noi stessi attraverso gli animali

Circa la solita perplessità del “e dopo l’incontro col cane qualcosa rimane o è tutto finito?” rispondo riportando fedelmente l’sms di una mamma un paio di settimane dall’ultimo incontro:

"Ciao, oggi abbiamo fatto la festa di compleanno ed Alex è riuscito a giocare dalle 14.30 fino alle 18.00 senza litigare con nessuno e soprattutto senza fare dispetti o scenate e a rispettare le regole (“Non si gioca con l'acqua e i regali si aprono quando sono arrivati tutti! Ok?”). Se pensi che la festa di Natale era stato un disastro e avevo dovuto andare via... direi che è quasi un miracolo. Alcune mamme si sono meravigliate del cambiamento di Alex… sono rimaste veramente colpite."

Qualcosa, quindi, rimane…

Articolo scritto da Alberto Dal Negro, autore del libro Il Potere Terapeutico degli Animali, edito da Macro Edizioni e di articoli sulla Pet Therapy nel nostro blog. 

Il Potere Terapeutico degli Animali

Pet Therapy.

Storie ed esperienze reali di vita sulla forza terapeutica del rapporto con gli animali

Il Potere Terapeutico degli Animali - Pet Therapy


Alberto Dal Negro
Alberto Dal Negro, bolzanino, classe 1960, per oltre quindici anni ha diretto un centro studi impegnandosi in  progetti di educazione cooperativa... Leggi la biografia
Alberto Dal Negro, bolzanino, classe 1960, per oltre quindici anni ha diretto un centro studi impegnandosi in  progetti di educazione cooperativa e nella realizzazione di percorsi formativi per persone con problemi di inclusione lavorativa e sociale.Con una curiosità viscerale nel campo della crescita interiore e profondamente convinto della... Leggi la biografia

289 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto