Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Crescita Personale

Pet Therapy: come si svolge?

Crescita Personale

Pet Therapy: come si svolge?

Crescita Personale

Pet Therapy: come si svolge?

La Pet Therapy è una terapia dolce con gli animali. Molte persone però non sanno come si svolge effettivamente. Alberto Dal Negro, esperto e nostro autore, ci spiega in questo articolo cosa succede. 


Alberto Dal Negro

Abbiamo visto cos'è la Pet Therapy: ma come si svolge, effettivamente? Quando vengo chiamato a parlare di Pet Therapy, ovunque vada, ad un certo punto qualcuno mi chiede sempre: “Scusi, ma in concreto cosa fate? Cosa fa l'animale?”

Animale che deve sostanzialmente essere se stesso, a cui non sono richieste abilità particolari, se non quella di avere una particolare vocazione nell’incontrare le persone. Ma cosa deve fare, per esempio, il cane? Il cane deve essenzialmente fare il cane, ma lo deve fare bene. Niente acrobazie, né effetti speciali…niente di tutto ciò.

 

Quando arriva l'animale: cosa succede

Vediamo ora dunque quel che succede quando arriviamo coi nostri animali. Quando entriamo, ad esempio, in una residenza per anziani, la prima cosa è quella di presentarci alle persone presenti, a partire dagli operatori che ci affiancheranno in questo percorso: presentiamo quindi noi e i nostri animali, che teniamo per il guinzaglio non tanto perché temiamo succeda chissà cosa, ma solo per rassicurare chi ci vede per la prima volta, e non ha la più pallida idea se i nostri cani sono dei paciocconi o ‘terribili'. 

La nostra prima responsabilità è nei confronti dei nostri animali, che cerchiamo di mettere a proprio agio stendendo per terra una copertina, riempiendo per esempio una ciotola d’acqua, tirando fuori qualche giochino. In questo frattempo la persona che si trova lì con noi ci osserva, osserva i nostri cani, prende piano piano confidenza con chi ha ‘invaso’ simpaticamente quel loro spazio, prendendo le misure di ciò che sta per succedere.

Non ci dev’essere fretta, perché i tempi in questa situazione sono come dilatati. Non si tratta di un ‘tocca e fuggi’, ma di un momento di incontro denso di significato, capace di far emergere vissuti ed esperienze anche molto significative, alcune felici, altre magari tristi, ma entrambe comunque importanti. Cerchiamo di creare una certa vicinanza, fisica ed emotiva, con ciascuno dei presenti, ascoltando con interesse e la massima attenzione quanto ci viene detto e richiesto, offrendo ascolto e partecipazione. Assicurando la nostra massima presenza, in tutti i sensi; senza forzare mai la mano, senza fare pressioni, senza attenderci alcunchè: siamo lì, noi e il nostro animale, e assecondiamo quello che persone e animali intendono fare, valorizzandone intendimenti e desideri.

pet therapy l'animale

SCOPRI LA STORIA DI OMAR E BAFFONERO

 

Il Potere Terapeutico degli Animali

Niente performances: si tratta squisitamente di spontaneità, naturalezza, armonia. E tutto si svolge con semplici gesti, con sorrisi autentici, con un incrocio di sguardi, con sobrietà e leggerezza.

Sono momenti unici, ricchi di senso, con una bella intensità anche se apparentemente non accade nulla. Esternamente non accade nulla, ma dentro ciascuno di coloro che incontriamo qualcosa si muove di certo. Nessun'ombra di dubbio su questo. L’abbiamo sperimentato troppe volte e oggi lo diamo per assodato.

Si lavora su dimensioni sottili, su leggere ma acute vibrazioni, si toccano tasti invisibili capaci di lenire sofferenze e riportare equilibrio. Non certo in un colpo solo, ma incontro dopo incontro, in un inanellarsi di momenti benefici e rigeneranti.

Sono semplici le cose che si fanno: tanta osservazione, qualche carezza, una bella spazzolata, la consegna di un biscottino, una breve passeggiata col cane al proprio fianco, il lancio di una pallina…

E l’ora corre veloce, ed è già arrivato il momento dei saluti: un’ultima carezza o anche solo uno sguardo affettuoso. Il saluto affettuoso di noi umani, alle persone partecipanti e, in ultimo, a chi le ha accompagnate in questo incontro, con cui si scambia un’occhiata fugace o due parole veloci per avere un ritorno sull’andamento della visita. Rimandando eventuali approfondimenti nei giorni seguenti, ad ogni modo prima dell’incontro successivo

Proprio nessun effetto speciale. Presenza, ascolto, umiltà, semplicità…

Articolo scritto da Alberto Dal Negro, autore del libro Il Potere Terapeutico degli Animali, edito da Macro edizioni.

Leggi anche:

Pet Therapy: il rapporto animale paziente

Pet Therapy: intervista all'autore del libro, Alberto Dal Negro

 

Il Potere Terapeutico degli Animali

Pet Therapy. Storie ed esperienze reali di vita sulla forza terapeutica del rapporto con gli animali

Il Potere Terapeutico degli Animali - Pet Therapy


Alberto Dal Negro
Alberto Dal Negro, bolzanino, classe 1960, per oltre quindici anni ha diretto un centro studi impegnandosi in  progetti di educazione cooperativa... Leggi la biografia
Alberto Dal Negro, bolzanino, classe 1960, per oltre quindici anni ha diretto un centro studi impegnandosi in  progetti di educazione cooperativa e nella realizzazione di percorsi formativi per persone con problemi di inclusione lavorativa e sociale.Con una curiosità viscerale nel campo della crescita interiore e profondamente convinto della... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



ASPETTANDO NATALE - Sconto 5€ per tutti i nuovi iscritti
Omaggio ASPETTANDO NATALE - Sconto 5€ per tutti i nuovi iscritti

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere ASPETTANDO NATALE - Sconto 5€ per tutti i nuovi iscritti