Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Alimentazione e Diete

Profumi e aromi esotici con la salsa chutney

Alimentazione e Diete

Profumi e aromi esotici con la salsa chutney

Alimentazione e Diete

Profumi e aromi esotici con la salsa chutney

Originario dell’India, il chutney è stato importato in Europa nel diciassettesimo secolo. Il nome deriva dal verbo chatni che in Hindi significa fortemente speziato. Hanno infatti il merito di riunire una varietà di profumi e di aromi che nella cucina di ogni giorno rischiamo di dimenticare


Stefano Momenté

Originario dell’India, il chutney è stato importato in Europa nel diciassettesimo secolo. Il nome deriva dal verbo chatni che in Hindi significa fortemente speziato. Hanno, infatti, il merito di riunire una varietà di profumi e di aromi che nella cucina di ogni giorno rischiamo di dimenticare:  chiodi di garofano - coriandolo - tamarindo - menta - pepe di cayenna - noce moscata - macis - cannella - zenzero - cardamomo.

Il chutney, in tutte le sue varianti, è una salsa di accompagnamento agrodolce. Contiene, quindi, frutta o verdura più zucchero e aceto. Rarità esotica fino a pochi anni fa, ora questa salsa si è radicata nelle nostre abitudini.
Il chutney più famoso è quello di mango, ma ne esistono davvero migliaia di varianti.

Chutney di mele

Ingredienti:

  • 225 g di cipolle tagliate a cubetti
  • 900 g di mele gialle, sbucciate e tagliate a cubetti 
  • 110 g di uvetta 
  • 15 g di coriandolo in polvere 
  • 15 g di paprika dolce 
  • 15 g di spezie miste (cannella, noce moscata, etc) 
  • 15 g di zenzero e polvere di chiodi di garofano 
  • 15 g di sale
  • 340 g di zucchero integrale 
  • 425 ml di aceto di mele

Preparazione:
mettere tutti gli ingredienti in una pentola antiaderente profonda, di quelle adatte per fare la marmellata. Portare il miscuglio ad ebollizione su fiamma media, poi fare sobbollire per circa due ore, mescolando di tanto in tanto col cucchiaio di legno per evitare che il chutney si attacchi al fondo della pentola. Quando il chutney è davvero denso e appiccicoso si può spegnere il fuoco, trasferire in vasetti di vetro puliti e chiudere. Si conserva in frigo per alcuni mesi.

LEGGI gli altri articoli e ricette di Stefano Momentè basati sull'alimentazione crudista.

 

 


Stefano Momenté
Illuminato sulla strada del vegetarismo nel febbraio 1985, attualmente Momentè è l'autore più prolifico in Italia in tema di vegetarismo e... Leggi la biografia
Illuminato sulla strada del vegetarismo nel febbraio 1985, attualmente Momentè è l'autore più prolifico in Italia in tema di vegetarismo e veganismo. Nel 2001 ha fondato Vegan Italia (associazione nazionale per una corretta informazione sul veganismo/vegetarismo), in seguito sito informativo, ora nuovamente associazione. Ha pubblicato il... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto