Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza

Coriandolo, erba e semi: tutti i benefici

Scritto da: Giuliana Lomazzi | Alimentazione e Diete

Coriandolo, erba e semi: tutti i benefici

Se il coriandolo ti fa pensare solo al carnevale, allora è il momento di scoprire le sue proprietà salutistiche e gastronomiche.

Se invece già lo conosci, leggi oltre per scoprire qualcosa di più di questa pianticella con foglie e semi aromatici.

Scopri le erbe e piante aromatiche di maggio: salvia, malva e menta

Le foglie del coriandolo

Il coriandolo (Coriandrum sativum) è un'ombrellifera (come la carota e il finocchio) originaria del Mediterraneo sudoccidentale, ma ormai da alcuni anni entrata nei nostri piatti sull'onda della moda delle cucine etniche.

Prova 150 ricette da tutto il mondo!

Ha foglioline verde chiaro simili a quelle del prezzemolo (non a caso viene detto anche prezzemolo cinese), dall'odore insolito e intenso che viene paragonato a quello della cimice! Infatti il suo nome latino, coriandrum, deriva da un termine greco che significa appunto cimice.

Ciò nonostante le foglie hanno apprezzatori in tutto il mondo: sono impiegate in tutta l'area che va dal Vicino all'Estremo Oriente, ma anche in Nordafrica e Messico (dove il cilantro giunse dopo la conquista spagnola).

Sono ottime aggiunte alle insalate o trasformate in salse.

 

IL MIO ERBARIO

 

I semi

Detti impropriamente semi, i frutti del coriandolo sono giallo chiaro e simili nell'aspetto a chicchi di pepe. Insieme alle foglie, erano apprezzati già dai romani.

Nel '400 si usava ricoprirli di zucchero e lanciarli a carnevale: da qui il nome dei dischetti di carta che ancora oggi tiriamo in quei giorni.

I semi hanno un gusto sottile e aromatico, che fa pensare alla scorza d’arancia. Vengono utilizzati in molte cucine etniche tanto interi quanto pestati. In India, per esempio, sono usati interi nei curry e nei chutney (le tipiche conserve agrodolci di verdura e frutta).

Scopri la ricetta del chutney di mele

Chi crede di non averli mai assaggiati probabilmente si sbaglia: i semi del coriandolo sono utilizzati per preparare alcuni liquori digestivi, aromatizzare i sottaceti tedeschi e scandinavi, il pane balcanico e certi dolci anglosassoni.

Sono squisiti macinati sulle verdure (soprattutto cavoli, ma anche zucchine e pomodori), legumi e riso. Regalano poi un sapore delizioso a biscotti e torte, soprattutto se in associazione ad altre spezie, come l'anice e la cannella.

Dai semi si ricava un olio essenziale.

Cucinare con le spezie 

 

Le proprietà del coriandolo

I semi vengono utilizzati per molte problematiche legate all'apparato gastrointestinale. Infatti, impiegati sotto forma di tisane facilitano la digestione, stimolano l’eliminazione di gas da stomaco e intestino, calmano gli spasmi addominali, aiutano contro i mal di testa provocati dall'indigestione. Inoltre rinfrescano l'alito e combattono l'inappetenza.

 

SCOPRI TÈ E TISANE CURATIVE

 

I decotti concentrati dei semi possono essere versati nell'acqua della vasca o nei catini per i pediluvi: hanno effetti stimolanti e deodoranti.

Dolce e speziato, l'olio essenziale che si ricava dai semi viene utilizzato esternamente contro i dolori reumatici, muscolari, artritici. È abbastanza sicuro ma, a forti dosi, può rivelarsi stupefacente.

Dolori muscolari e articolari: i rimedi naturali

Da parte sua il coriandolo non presenta controindicazioni, salvo nei casi individuali di intolleranza a un suo componente.

Uno studio attribuisce alle foglie del coriandolo proprietà chelanti nei confronti dei metalli tossici. Aggiungerle ai cibi può quindi essere utile per espellere dall'organismo i metalli pesanti.

 

SCARICA GRATIS L'ESTRATTO DEL LIBRO Il Mio Erbario

 

Le ricette con il coriandolo

Salsa indiana al coriandolo

  • 15 rametti di coriandolo
  • 1 pomodoro
  • 2 cucchiai di yogurt di soia
  • un pizzico di cumino
  • 1 cucchiaino di curry
  • sale marino integrale

Lava e asciuga le foglie del coriandolo e il pomodoro.

Frullali con lo yogurt, il cumino, il curry e il sale.

Salsa egiziana al coriandolo

  • 20 spicchi d’aglio grossi
  • 1 cucchiaino di semi di coriandolo
  • olio extravergine d’oliva
  • sale marino integrale

Lava l’aglio con la buccia e asciugalo. Mettilo in forno a 170° per circa 10 minuti, quanto basta per ammorbidirlo. Fallo intiepidire.

Intanto metti il coriandolo in una padellina e tostalo a fuoco medio finché non profuma. Attendi che sia tiepido per macinarlo.

Schiaccia gli spicchi d’aglio in modo che esca la polpa. Versala tutta in una terrina, unisci il coriandolo, il sale e l’olio necessario per avere un composto cremoso.

Salsa messicana al coriandolo

  • 5 peperoncini jalapeño
  • 2 spicchi di aglio
  • 2 rametti di coriandolo
  • il succo di 2 lime
  • olio extravergine d’oliva
  • sale marino integrale

Priva i peperoncini dei semi, sbuccia l'aglio, lava le foglie di coriandolo. Raduna tutto in un mixer con il lime e il sale.

Frulla gli ingredienti versando l'olio a filo finché la salsa non è omogenea.

Scopri 100 erbe per curare più di 150 patologie

Leggi gli altri articoli di Giuliana Lomazzi:

Asparagi: proprietà e benefici
Batteri intestinali:preziosi alleati del benessere
Le proprietà del miele di manuka
Come usare i fiori commestibili in cucina
Semi oleosi: 10 motivi per metterli a tavola



Potrebbero interessarti