Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Yoga e Benessere

Yoga nel bosco: scopri i benefici di meditare nel bosco

Yoga e Benessere

Yoga nel bosco: scopri i benefici di meditare nel bosco

Yoga e Benessere

Yoga nel bosco: scopri i benefici di meditare nel bosco
25 condivisioni

Se lo yoga offre già, di per sé, grandi benefici per la salute di mente e corpo, è nel contatto con la natura che dà il meglio di sé e risulta ancora più rigenerante. Ce lo insegna lo Shinrin Yoku.


Tatiana Berlaffa

Forse conosci già lo yoga (e magari lo pratichi anche). Quello che, però, potresti non conoscere, è lo Shinrin Yoku, o bagno nella foresta.

Si tratta di una disciplina antichissima che in Giappone è addirittura prescritta dal Sistema Sanitario Nazionale.

Ce lo spiega bene Bettina Lemke nel suo Piccolo Manuale dello Shinrin Yoku, un libro ricco di spunti e consigli pratici per trasformare una passeggiata nel bosco in un vero e proprio rito rigenerante.

La natura, infatti, permette al nostro organismo di rilassarsi, aumenta l’ottimismo e le emozioni positive e, ormai lo dice anche la scienza, innalza le nostre difese immunitarie.

 

 

La Scienza e lo Shinrin Yoku

Diversi studi scientifici hanno ormai dimostrato che gli alberi rilasciano particolari sostanze (i fitoncidi) per proteggersi dai parassiti. La cosa interessante è che, queste molecole, per noi esseri umani hanno effetti terapeutici e stimolano le difese dell'organismo.

Inoltre, l'aria all'interno di un bosco è più fresca e ricca di ossigeno e contribuisce a farci respirare meglio anche dopo che siamo usciti dalla 'macchia verde'.

Infine, le ricerche confermano anche un sostanziale abbassamento della pressione arteriosa dovuto all'attività del cammino e alla permanenza nel bosco. E le scoperte sono ancora soltanto all'inizio.

Dal Giappone questa 'terapia dei boschi' si sta diffondendo anche negli Stati Uniti e in Europa.

Oltre al fatto di essere un'attività benefica, è anche chiaro come sia un pratica altamente sostenibile e alla portata di tutti. Ma quali sono le caratteristiche che deve rispettare il 'bagno nella foresta' per essere il più efficace possibile?

La Meditazione nel bosco

Lo scopo dello Shinrin Yoku è rendere la passeggiata nei boschi una sorta di 'meditazione'. Affinché questo sia possibile, è necessario seguire alcuni istruzioni semplici ma, allo stesso tempo, molto efficaci.

1. Vestiti in modo comodo

Per godere appieno del movimento del tuo corpo, devi sentirti 'libero' di sperimentare i movimenti in tutta la loro ampiezza. Un abbigliamento troppo aderente potrebbe limitarti e non farti sentire a tuo agio.

2. Fai un Digital Detox

Non puoi immergerti completamente nella natura se tieni acceso lo smartphone, ricevi notifiche e non riesci a resistere alla tentazione di rispondere a quel messaggio su whatsapp. Per il tempo che hai deciso di dedicare a quest'attività (l'ideale è che lo shinrin yoku duri 2 o 3 ore ma, se non puoi impegnare tutto questo tempo, anche 1 ora o mezz'ora saranno perfetti), renditi irreperibile e lascia spento il telefono.

3. Lascia andare i pensieri negativi

Mentre ti immergi nel bosco, senti pensieri negativi e preoccupazioni che, a poco a poco, lasciano la tua mente. Immagina di 'affidarli' al bosco e sentiti sempre più leggero mentre ti addentri nella natura con la mente più libera e fresca.

4. Rilassa il corpo

Presta attenzione alla postura mentre cammini nel bosco. Come sono le tue spalle? E la nuca? La mascella è serrata o rilassata? Cerca di rilasciare tutte le tensioni. Il solo fatto di accorgerti delle 'contratture' ti aiuterà a lasciarle andare. 

5. Attiva i tuoi sensi

Prova a praticare una vera e propria meditazione di consapevolezza. Attiva i tuoi sensi e 'sintonizzati' su tutto quello che è intorno a te. Cosa sentono le tue orecchie? Quali profumi ci sono nell'aria? Quali sono i colori dominanti che riempiono i tuoi occhi?

Non serve sforzarsi più di tanto, occorre solo avere l'intenzione di essere più ricettivi nei confronti dell'ambiente che ci circonda per trarne enormi vantaggi.

6. Prova la 'Meditazione Camminata'

La Meditazione Camminata è una delle pratiche buddiste più famose ed è stata ripresa in Occidente anche dai protocolli di Mindfulness di Jon Kabat-Zinn, ad esempio.

Si tratta di scegliere un piccolo tratto di strada, (in mezzo alla natura, come nello Shinrin Yoku, è l'ideale) e percorrerlo diverse volte avanti e indietro senza preoccuparsi del punto di arrivo ma concentrandosi soltanto sulle sensazioni e i movimenti del corpo. Se non vuoi percorrere lo stesso tratto di strada più volte, puoi inserire una variante e praticare la meditazione camminata all'interno della tua passeggiata nei boschi

Prima ancora di concentrarti sui movimenti dei tuoi piedi e delle tue gambe mentre cammini, nota l'intenzione della mente di compiere un passo, osserva come la mente 'vuole' un punto da raggiungere a tutti i costi, oppure si distrae ecc. Ogni volta che noti tutto questo, ritorna al momento presente. Senti la pianta del piede che appoggia a terra, poi senti l'altro piede che si alza a poco a poco e così via.

Per rendere ancora più efficace l'esercizio, se vuoi e puoi, togliti le scarpe. Senti l'erba o il terriccio sotto i tuoi piedi. Ti aiuterà a riconnetterti ancora di più con il tuo corpo e con la natura.

La meditazione camminata è da svolgere con lentezza, ma ognuno di noi ha il proprio ritmo. Divertiti a sperimentare e a trovare il tuo.

 

Bagno nella foresta: i consigli per praticare lo shinrin yoku

 

Yoga nel bosco

Un altro modo per godere appieno dei benefici del contatto con la natura e del 'bagno nella foresta' è la pratica dello yoga.

Se già di per sé lo yoga aiuta a rilassare mente e corpo e ci permette di essere più 'centrati' ed in armonia, il fatto di praticarlo tra gli alberi con il loro effetto positivo sul sistema nervoso ed immunitario amplifica il raggiungimento del benessere.

Comincia così.

La posizione dell'albero

Scegli un posto tranquillo all'interno del bosco in cui non in cui ti senti sicuro e in cui non avere troppi disturbi dall'esterno.

Avvicinati ad un albero che ti piace particolarmente. Scegline uno che abbia caratteristiche che ti 'ispirano' e che senti di voler rafforzare in te stesso. Ad esempio, puoi avvicinarti ad un albero forte, alto, robusto, con grandi radici o, al contrario, ad un arbusto leggero, con la capacità di piegarsi al vento senza spezzarsi.

Qualsiasi sia l'albero che sceglierai, connettiti con l'intenzione di lasciarti ispirare da questo elemento naturale così forte e potente.

Assumi la posizione dell'albero. Si tratta di una posizione cosiddetta 'di equilibrio', che connette alla terra e favorisce concentrazione, determinazione e armonia interiore.

Inizia a metterti in piedi, in posizione eretta, a gambe unite.

Poi distendi le braccia di lato, respira in modo profondo e regolare. Ora sposta il peso sulla gamba destra e solleva leggermente la sinistra. Una volta trovato l’equilibrio in questa posizione, ruota con cautela il ginocchio sinistro verso l’esterno e porta il piede sinistro sul lato interno della coscia destra. Congiungi i palmi delle mani davanti al petto ed estendi le braccia verso l'alto. Resta in questa posizione per 15 secondi circa, poi ritorna nella posizione di partenza ed esegui lo stesso esercizio sull'altro lato.

Mentre esegui l'asana (posizione dello yoga), presta attenzione alle sensazioni del corpo ma anche ai pensieri che attraversano la tua mente e le emozioni del tuo cuore. Sentiti connesso alla terra e all'albero che hai scelto e lascia crescere la loro energia dentro di te.

La pratica dello yoga nella natura

Questa è solo una delle posizioni consigliate per praticare yoga nella natura. In realtà, essere immersi nel verde, nella calma e nella bellezza di un bosco è la cornice ideale per qualsiasi tipo di asana. 

Prova tu stesso a sperimentare i movimenti del corpo e il fluire dell'energia all'aria aperta. Sentirai la differenza rispetto alla pratica in una stanza chiusa. Al termine di qualsiasi pratica yoga, ricordati di inserire una breve meditazione. (Scopri 10 consigli per imparare a meditare!)

Riconnettiti con il respiro e 'ringrazia' mentalmente il luogo che ti circonda per averti 'accolto'. Amplificherai gli effetti positivi della pratica e non vedrai l'ora di sperimentarla di nuovo.

Consigli pratici, curiosità e meditazioni per praticare al meglio lo shinrin yoku!


Tatiana Berlaffa
Il mondo della comunicazione è il mio lavoro e la mia passione.Scrivo come blogger, giornalista freelance e social media editor.Prima di scrivere... Leggi la biografia
Il mondo della comunicazione è il mio lavoro e la mia passione.Scrivo come blogger, giornalista freelance e social media editor.Prima di scrivere di qualsiasi cosa, la provo in prima persona.Sono appassionata di tematiche legate al benessere e alla crescita personale. Amo le novità, viaggiare da sola e imparare lingue straniere.Tra i miei... Leggi la biografia

25 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto