Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Salute e Benessere

I rimedi naturali contro la forfora

Salute e Benessere

I rimedi naturali contro la forfora

Salute e Benessere

I rimedi naturali contro la forfora

La forfora può essere un problema estetico che crea imbarazzo: ammettiamo che non piace a nessuno trovarsi con i vestiti ricoperti di scaglie biancastre che continuano a cadere dalla testa.

Ma sai cos’è la forfora e perché viene? E come si può alleviare in maniera naturale? Se hai risposto no ad almeno una di queste domande, o se hai risposto sì ma ancora non hai trovato il rimedio che funziona, il libro di Gwendoline & Lionel Clergeaud, Tinte Naturali per i Capelli, è quello che fa per te.


Romina Rossi

SCOPRI SUBITO IL LIBRO "TINTE NATURALI"

 

Il ciclo vitale del capello

In testa abbiamo dai 100.000 ai 150.000 capelli, anche se la loro densità può variare con il passare dell’età. La densità è data da fattori quali: cause genetiche, ormonali, emotive, legate allo stile di vita, alla salute e alla cura dei capelli stessi. Ogni giorno, inoltre, perdiamo dai venticinque ai sessanta capelli. Il capello ha un suo ciclo vitale suddiviso in 3 diverse fasi:

  1. fase anagen: corrisponde alla nascita del nuovo capello che cresce all’interno del follicolo anche per 5-6 anni (anche se è diverso a seconda del sesso: negli uomini dura in genere 3 anni mentre nelle donne fino a 7). Se questa fase è breve, si ha più difficoltà a farsi crescere i capelli;
  2. fase catagen: il follicolo subisce un restringimento, il bulbo si assottiglia e l’attività delle cellule della matrice si ferma. In questa fase il capello si prepara alla fase di riposo, e dura dalle 2 alle 3 settimane;
  3. fase telogen: pur non crescendo e non avendo attività vitali, il capello rimane attaccato al follicolo fino alla sua completa espulsione. Questa fase può durare 6-7 mesi: dopo tale periodo cade e lascia il posto a un nuovo capello che ricomincia la fase anagen.

Cos’è la forfora e perché viene

Anche il cuoio capelluto, come il resto dell'organismo, può essere interessato da diversi problemi. Fra i più frequenti c’è la forfora: un problema che tende a comparire generalmente fra i 10 e i 25 anni e può, in alcuni casi durare fino alla vecchiaia, anche nella maggior parte dei casi tende a scomparire intorno ai 45-50 anni.

La causa di queste squame bianco-grigio si deve a un accelerato ricambio delle cellule epiteliali del cuoi capelluto, che compiono il loro ciclo vitale in meno tempo rispetto a quello solito, dovuto alla presenza di un fungo, il Malassezia furfur.

Nutrendosi di sebo, questo fungo accelera il ricambio cellulare che, morendo precocemente, tendono a staccarsi e cadere sulle spalle. Alcuni fattori, come stress e alimentazione povera di nutrienti, in certi periodi dell’anno possono peggiorare la condizione.

Allo stesso modo, la forfora è facilitata da un cuoio capelluto sensibile e dalla presenza di sebo in eccesso – un mix di cheratina, detriti cellulari e lipidi. La forfora, inoltre, si divide in due diversi tipi:

  • forfora secca, quando si stacca e, cadendo sulle spalle, forma quello spiacevole velo biancastro;
  • forfora grassa, quando le scaglie morte si staccano ma restano fra i capelli e li rendono grassi.

SCARICA 3 ESTRATTI OMAGGIO DEL LIBRO "TINTE NATURALI"

 

Rimedi naturali per la forfora

Per alleviare la forfora possiamo usare maschere e shampoo che possono aiutare a limitare la perdita di scaglie, agendo sul cuoio capelluto. Vediamo i più indicati.

  • OLIO DI CHAULMOOGRA: quest’olio viene usato in Oriente per trattare i disturbi della pelle, come psoriasi, acne e dermatite atopica. Ha proprietà antinfiammatorie e in Ayurveda viene comunemente usato per la cura di unghie e capelli. Le sue proprietà benefiche si devono alla presenza dell'acido chaulmoogrico, che vanta una spiccata azione antibatterica, soprattutto verso i mycobacteria. Poiché è molto concentrato, non utilizzarlo puro ma sempre diluito un olio vegetale per evitare che possa irritare.

  • OLIO ESSENZIALE DI PALMAROSA: quest’olio ha azione antisettica, battericida e febbrifuga. Sulla pelle ha azione disinfettante, idratante e ammorbidente. È indicato se la cute dei capelli è particolarmente secca; per chi ha la forfora viene consigliata una maschera da applicare prima dello shampoo che contenga quest'olio, massaggiando il cuoio capelluto e da lasciare in posa.

  • OLIO ESSENZIALE DI CADE: estratto dal ginepro rosso, il Cade gode di proprietà disinfettanti, antisettiche e repellenti, ed è usato per trattare diverse patologie cutanee. Aiuta ad alleviare la forfora e rendere più forti i capelli, prevenendone la caduta. È indicato anche per riequilibrare la produzione di sebo.
  • OLIO ESSENZIALE DI CEDRO DELL'HIMALAYA: uno degli oli essenziali più rinomati per la cura dei capelli è il Cedro dell’Himalaya, che viene usato anche per alleviare l’alopecia. Indicato per chi ha i capelli grassi, aiuta a regolare la produzione sebacea, togliendo l’effetto unto ai capelli. In caso di cuoio capelluto infiammato aiuta a dare sollievo. Usandolo aggiunto allo shampoo rende i capelli più sani, luminosi e idratati.

  • OLIO ESSENZIALE DI PATCHOULI: apprezzato per le proprietà antinfiammatorie aiuta a rinforzare i capelli, ne previene la caduta ed è efficace contro la forfora, poiché a lungo andare ne previene la formazione.

Prova le ricette antiforfora

Ecco due ricette che trovi nel libro Tinte Naturali per i Capelli, efficaci per alleviare questo fastidioso problema.

Maschera antiforfora I

  • 5 cucchiai di un olio a scelta fra olio di oliva e olio di Chaulmoogra;
  • 20 gocce di olio di bacche di Alloro;
  • 4 gocce di o.e. di Palmarosa;
  • 4 gocce di o.e. di Cade.

Cospargi i capelli con la miscela ottenuta e massaggia il cuoio capelluto. Avvolgi i capelli in un asciugamano caldo e mantieni in posa tutta la notte. Lava i capelli al mattino con un decotto di legno di Panama.

Shampoo antiforfora II

Aggiungi direttamente al flacone dello shampoo (da 200 ml):

  • 15 gocce di o.e. di Palmarosa;
  • 40 gocce di o.e. di Cedro dell’Hymalaya;
  • 40 gocce di o.e. di Patchouli.

Massaggio al sale

Sai che anche il sale può essere utile per alleviare la forfora? Se massaggiato sul cuoio capelluto ha azione esfoliante, ed è efficace nel rimuovere la pelle secca e le cellule morte dalla cute.

Ecco come usarlo: massaggia per due o tre sere a fila il cuoio capelluto con il sale fino. Mantieni in posa tutta la notte e lava i capelli il mattino seguente.

SCOPRI IL LIBRO "LE TINTE NATURALI PER I CAPELLI"

 

LEGGI ANCHE L'ARTICOLO "COME AVERE CAPELLI MAGNIFICI E UN CUOIO CAPELLUTO SANO"


Romina Rossi
Giornalista freelance e web writer, collabora con la rivista “Vivi Consapevole” e diversi siti web, occupandosi prevalentemente di medicina... Leggi la biografia
Giornalista freelance e web writer, collabora con la rivista “Vivi Consapevole” e diversi siti web, occupandosi prevalentemente di medicina naturale, benessere olistico e tecniche naturali di guargione.L’amore per la Natura e la curiosità di capire i complicati e delicati meccanismi di funzionamento dell’uomo, la portano a intraprendere... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto