Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Spiritualità

Come contattare il proprio angelo e guarire i traumi emotivi

Spiritualità

Come contattare il proprio angelo e guarire i traumi emotivi

Spiritualità

Come contattare il proprio angelo e guarire i traumi emotivi

Nei momenti di difficoltà tendiamo a rivolgerci agli angeli, a chiedere che ci aiutino o ci ascoltino e ci diano un segno quando siamo in mezzo a uno dei bivi della nostra vita. In realtà gli angeli non ci sono solo quando abbiamo bisogno, sono sempre al nostro fianco e se li invochiamo e facciamo pratica, possono aiutarci a migliorare molti aspetti della nostra vita.

Isabelle von Fallois ci spiega come metterci in contatto con gli angeli e come poter lavorare su noi stessi nel suo best seller Il Potere di Guarigione degli Angeli.


Romina Rossi

Gli angeli non vedono l’ora di aiutarci

La vita di Isabelle von Fallois, pianista di successo, è cambiata radicalmente quando le è stata diagnosticata una forma di leucemia incurabile, che l’avrebbe portata alla morte entro pochi mesi. Chiusa in una stanza d’ospedale, un giorno Isabelle riceve un messaggio da un angelo. Non solo comincia a comunicare con l’angelo, e a meditare ricevendo messaggi da parte loro, ma in pochi mesi la malattia scompare definitivamente.

Da quel giorno Isabelle ha cambiato la sua vita radicalmente e si è dedicata a far conoscere alle persone i messaggi che gli angeli hanno per noi e il modo in cui poterci connettere, a nostra volta, con loro, in modo da poter migliorare, curare e prenderci cura di quegli aspetti che non ci fanno vivere appieno e serenamente la nostra vita.

Afferma la von Fallois che gli angeli sono sempre al nostro fianco e ci mandano messaggi di continuo, ma noi non siamo in grado o non vogliamo sentirli. Allo stesso modo, attendono da noi i messaggi che abbiamo per loro, e sono ben felici di poterci aiutare.

A questo scopo ha creato un programma di 28 giorni per aiutare le persone a raggiungere i propri obiettivi e per far in modo di instaurare un rapporto ancora più profondo con il nostro sé autentico grazie all’aiuto degli angeli. Spiega la von Fallois che: “Il ritorno al tuo vero Sé non sarà sempre facile, poiché in questo viaggio ti troverai continuamente di fronte alle tue paure e alle tue debolezze. Ma solo se avrai il coraggio di guardare la verità negli occhi potrai trasformarti, seguire la tua strada e realizzare i sogni della tua vita”.

ACQUSTA ORA IL LIBRO "IL POTERE DI GUARIGIONE DEGLI ANGELI"

 

La von Fallois propone, all’interno del suo libro, di seguire le meditazioni per un periodo di 28 giorni, dedicando almeno un’ora al giorno agli angeli. Non servono tante cose: un diario in cui scrivere impressioni e domande che abbiamo per gli angeli, una pietra che può aiutare a entrare meglio in contatto con queste creature celesti e uno spazio sacro in cui poter meditare.

Durante il giorno è bene pronunciare le affermazioni, così da connetterci in modo ancora più profondo con gli angeli. Si può lavorare con gli angeli in diversi modi per migliorare diversi aspetti della propria vita; la von Fallois propone infatti esercizi e meditazioni per:

  • purificare,
  • innalzare la frequenza vibratoria, 
  • manifestare.

Ogni giorno puoi lavorare su un obiettivo specifico, con l’aiuto di un angelo o di un arcangelo.

1. Purificazione: come far pace con il nostro doloroso passato

Per per poter curare le ferite interiori abbiamo bisogno dell’aiuto dell’arcangelo Jeremiel, che è colui che aiuta a superare le difficoltà e a lasciare alle spalle ogni attaccamento al passato.

A volte il nostro passato può essere molto doloroso, perché abbiamo esperienze che ci hanno segnato e ci hanno lasciato cicatrici che ogni tanto tornano a infettarsi, a sanguinare e a far male. Nella nostra vita quotidiana si traducono con dei blocchi emotivi che ci impediscono di ottenere ciò che vogliamo raggiungere.

Oppure succede che tendiamo a ripetere sempre gli stessi errori, a incontrare sempre lo stesso tipo di persone: non vorremmo, eppure, ci troviamo catapultati indietro a rivivere le stesse situazioni.

Il perché lo spiega l’Autrice nel libro, Il Potere di Guarigione degli Angeli: “Il motivo è che se da una parte desideriamo un altro tipo di partner o di situazione, dall’altra non abbiamo chiarito ciò che riguarda il passato e ora siamo come una tela dipinta a strati: anche se creiamo un altro quadro, sotto ci sono ancora molti strati di colore che ci influenzano e ci sabotano.

Tutti i dipinti insieme formano la risonanza che emaniamo verso l’esterno, e in base alla legge della risonanza è impossibile attirare qualcosa di completamente nuovo se siamo ancora una miscela di colori del passato. Perciò è davvero indispensabile chiarire il passato e lasciarci definitivamente alle spalle il nostro vittimismo per diventare una tela bianca così pura e luminosa che tutto per noi diventa possibile”.

Lavorare sulle ferite che ancora ci fanno stare male ci permette di poter progredire nel nostro cammino personale, evitando di ripetere quelle situazioni che invece ci ancorano a un passato che ci fa soffrire.

Esercizio per lasciar andare il passato

Ora chiudi gli occhi, chiedi a Jeremiel di avvolgerti ancora una volta nella sua luce viola e inspira ed espira profondamente per tre volte.

Sii consapevole del fatto che tutte le esperienze senza eccezione hanno contribuito a fare di te proprio la persona meravigliosa che sei oggi.

Indica con la mano destra un punto alle tue spalle e pronuncia queste parole: «È solo il passato». Poi appoggia la mano sinistra sul chakra del cuore e continua dicendo: «La mia realtà è un’altra». Ripeti questa procedura per tre volte e poi inspira ed espira per tre volte profondamente: inspira attraverso il naso contando fino a quattro ed espira lentamente dalla bocca emettendo il suono “Aaaaah”.

Abbi cura di pronunciare le parole esatte! Se per esempio dicessi: «Questo è il mio passato», te ne “approprieresti” di nuovo. Invece lo scopo di questa affermazione semplice, ma collaudata un infinito numero di volte e provatamente molto potente, è proprio lasciarci il passato alle spalle.

2. Innalzare la frequenza vibratoria: rafforza la fiducia e il coraggio con l’arcangelo Ariel

A quante cose rinunciamo nella vita perché siamo convinti di non valere abbastanza, di non avere le capacità adatte e di non essere all’altezza? Quante volte ci autosabotiamo senza nemmeno rendercene conto? Ogni volta che abbiamo paura, temiamo di non raggiungere un obiettivo o pensiamo di non essere in grado di fare qualcosa, ci mettiamo i bastoni fra le ruote da soli.

Così, senza coraggio e fiducia nelle nostre capacità, non compiamo quei passi che sono necessari per manifestare la vita che vorremmo.

La paura, che nasce come una emozione positiva, un salvavita che ci mette in guardia quando ci troviamo in una situazione pericolosa, ci può impedire di vivere appieno, se diventa troppa e costante, perché diventa un impedimento.

Secondo l’autrice tutte le forme di paura che sperimentiamo si possono ricondurre a due principali emozioni:

  • la paura di non essere amati, 
  • la paura di morire.

“Forse pensi che non sia possibile – spiega l’Autrice – ma se esamini con coerenza le paure, vedrai che puoi ricondurle tutte a una delle due. Prendi per esempio la paura di fallire: che cosa vi si cela dietro? Il timore di deludere qualcuno o di essere giudicato e quindi di non essere più amato.

Ma se osservi le cose più attentamente, ti rendi conto che le persone che ti amano con tutto il cuore continueranno a farlo anche nel caso di un tuo insuccesso. Tutti gli altri non ti amano veramente. Inoltre, come me, anche tu sai di essere sempre circondato da angeli che ti amano incondizionatamente.

Questo significa che la paura di fallire è infondata quanto quella di non essere amato. E la paura della morte? Anche questa non è reale, perché nel tuo profondo sai benissimo che la morte è solo il passaggio a una dimensione superiore, cioè una nuova nascita”.

Trovare il coraggio di affrontare le nostre paure e di credere nelle nostre capacità ci permetterà di poter realizzare i nostri obiettivi molto più velocemente.

 

MEDITAZIONE GUIDATA CON L'ARCANGELO ARIEL

 

Esercizio per affrontare le proprie paure

Ricordati di predisporre uno spazio sacro prima di rispondere per iscritto alle seguenti domande. Chiama al tuo fianco l’arcangelo Ariel e chiedile di accompagnarti per tutto il giorno e di avvolgerti nella sua luce rosa così da collegarti con la frequenza dell’amore, della fiducia e del coraggio. Inspira ed espira profondamente per accogliere in te la luce e rilassati.

  • Quali sono le tue più terribili paure? Analizzale e riconducile a una delle due paure fondamentali.
  • Qual è la cosa peggiore che ti potrebbe capitare in relazione a queste paure? È davvero così brutta come ti ha suggerito la tua paura? O è molto più innocua di quanto pensavi? Ricordati che per tutta la durata del processo avrai l’arcangelo Ariel al tuo fianco.

Potrai inspirare di nuovo la sua luce in qualsiasi momento e prenderti il tempo per rilassarti prima di procedere.

  • Quali paure ti trattengono dal mettere in pratica i tuoi sogni? Quanto sono effettivamente reali? Ricorda: essere coraggioso non vuol dire non avere più paure, ma osare nonostante la loro presenza!
  • C’è qualcuno a cui vorresti rivolgerti perché credi che ti potrebbe aiutare nel tuo percorso verso la realizzazione dei sogni della tua vita? Se sì, perché non l’hai ancora fatto? Hai paura di essere respinto? Nel frattempo hai appreso che dietro a questa paura si nasconde quella di non essere amato: una paura che non è reale. Dunque che cos’hai da perdere?

Se non chiedi, la risposta è comunque un “no”, ma se chiedi potresti anche ottenere un “sì”. Pensi che sia meglio essere coraggiosi o no? La risposta è evidente, quindi osa (e vinci). Solo uscendo dal tuo guscio protettivo crei la risonanza per ottenere ciò che desideri. Fallo subito!

3. Manifestazione: purificati con l’aiuto dell’angelo Shushienae

Così come ci prendiamo cura del nostro corpo, con cosmetici naturali ma anche con un’alimentazione che lo possa nutrire e sostenere, è importante prenderci cura della mente e dello spirito.

Il modo migliore per farlo è attraverso la meditazione, che permette di eliminare le tossine che si creano quando abbiamo pensieri ricorrenti, negativi, frenetici, e rischiamo di perdere la nostra tranquillità e la concentrazione su ciò che vogliamo ottenere.

Meditare permette anche di raggiungere quello stato di serenità interiore che diventa la nostra ancora nelle tempeste della vita: perché avendo un saldo timone, la nostra nave può procedere anche in mezzo alle onde più alte e furiose.

Un altro beneficio della meditazione è quello di riuscire a fare silenzio dentro di noi e di poter ascoltare, finalmente, la voce del nostro vero sé, che è quella che ci indica la via, come un faro illumina la rotta a una nave in un mare buio e sconosciuto.

Esercizio: purificati con l’angelo Shushienae

Inspira a fondo con gli occhi aperti ed espira lentamente mentre chiudi gli occhi con un movimento al rallentatore e impartisci al tuo cervello l’ordine di passare automaticamente nello stato theta. Inspira ed espira profondamente e rilassati. Lascia che i tuoi pensieri ti passino davanti agli occhi come foglie trasportate da un fiume e rivolgiti al tuo essere interiore.

Con ogni atto respiratorio entra in uno stato di rilassamento sempre più profondo. Assapora la sensazione di venir purificato a ogni respiro e di rilassarti sempre di più. Senti, percepisci, vedi o immagina di essere avvolto nella luce bianca più splendente che tu abbia mai visto.

La luce pervade con grande delicatezza tutti gli strati della tua aura. Senti come il tuo campo energetico diviene sempre più sfolgorante e luminoso quando ti ritrovi in un luogo celestiale in mezzo alla natura. Poco distante da te odi il fragore di una cascata. Ti muovi in quella direzione e accanto alla cascata scorgi un angelo straordinariamente bello, dall’aria eterea. È l’angelo Shushienae, l’angelo della purezza, che emana un bianco luminosissimo in cui avvolge anche te mentre ti circonda con le sue ali. È una sensazione meravigliosa.

L’angelo ti porge la mano e ti guida sotto la cascata, la cui acqua è particolare: sgorga da fonti sacre e ha proprietà straordinariamente terapeutiche e purificatrici. Percepisci all’istante come quest’acqua purifica la tua aura strato dopo strato. In modo meraviglioso ti libera dai pensieri immagazzinati nel tuo corpo mentale di cui non hai più bisogno e anche dalle emozioni che non erano in equilibrio.

A ogni secondo trascorso sotto la cascata sacra ti senti più luminoso e leggero, poiché essa purifica non solo tutti gli strati della tua aura, ma anche ogni tuo singolo chakra, finché tutti non risplendono di una magnifica purezza, diventando una colonna di purissima luce bianca che unisce in sé tutti i colori dell’arcobaleno.

Favorisci questa purificazione respirando con un ritmo fluente e rimani sotto alla cascata celeste finché lo desideri. Subito dopo Shushienae ti avvolge in un soffice asciugamano. Ti senti meravigliosamente puro e protetto. Assapora questa sensazione. Quando infine, colmo di gratitudine, guardi negli occhi Shushienae, vedi specchiandoti che il tuo corpo di luce è più splendente che mai.

Ora riconnettiti con la Madre Terra, stiracchiati e allungati per ritornare completamente nel tuo corpo terreno, il tempio della tua anima, e lentamente apri gli occhi.

ACQUISTA ORA IL LIBRO!


Romina Rossi
Giornalista freelance e web writer, collabora con la rivista “Vivi Consapevole” e diversi siti web, occupandosi prevalentemente di medicina... Leggi la biografia
Giornalista freelance e web writer, collabora con la rivista “Vivi Consapevole” e diversi siti web, occupandosi prevalentemente di medicina naturale, benessere olistico e tecniche naturali di guargione.L’amore per la Natura e la curiosità di capire i complicati e delicati meccanismi di funzionamento dell’uomo, la portano a intraprendere... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto