Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Salute e Benessere

Il ciclo mestruale: come imparare a conoscerlo e a conoscersi grazie ad esso

Salute e Benessere

Il ciclo mestruale: come imparare a conoscerlo e a conoscersi grazie ad esso

Salute e Benessere

Il ciclo mestruale: come imparare a conoscerlo e a conoscersi grazie ad esso
27 condivisioni

Il ciclo mestruale accompagna gran parte della vita di noi donne. E la influenza anche. Come parte della natura il nostro ciclo è infatti influenzato dalla natura stessa: nel caso più specifico dalla luna e le sue fasi, che influenzano la nostra energia e creatività.

Luna e ciclo sono fortemente connessi proprio perché il corpo femminile rispecchia le fasi lunari. Ad esempio, alcune studiose americane si sono rese conto che la maggior parte delle donne ha il ciclo durante le fasi di luna piena o luna nuova. Per capire quindi noi stesse e la nostra fisiologia è indispensabile conoscere i cicli della luna: ci spiega come fare Miranda Gray nel suo best seller, che tutte le donne dovrebbero leggere, Luna Rossa.


Romina Rossi

 

Il ciclo: una benedizione piuttosto che una maledizione

Per molte donne oggi il ciclo mestruale è una condanna: si presenta nelle fasi prima, dopo o durante con sintomi vari che possono essere più o meno gravi e che possono rendere la qualità della vita non proprio ottimale. I sintomi possono essere diversi e spesso anche multifattoriali. Fra i più comuni:

  • mal di schiena,
  • emicrania,
  • svenimenti,
  • voglia smodata di carboidrati e zuccheri,
  • cistite,
  • crampi addominali,
  • ritenzione idrica,
  • stanchezza,
  • irritabilità,
  • sbalzi di umore,
  • mancanza di concentrazione.

Secondo Miranda Gray i rimedi naturali e fitoterapici che aiutano a contrastare questi disturbi possono aiutare ma non risolvere, poiché curano la condizione mestruale come una malattia del corpo, separata dalla mente. E quindi che fare? Bisogna imparare a conoscersi, perché spiega la Gray:

“Se una donna impara a comprendere il suo ciclo, ad accettare i cambiamenti e a essere fedele alla sua natura, può riconquistare l’equilibrio del suo ciclo”.

Spesso, infatti, siamo noi stesse a ignorare i cambiamenti interiori che finiscono irrimediabilmente per influenzare e modificare anche la nostra sessualità, la spiritualità e la creatività.

Vivere la propria femminilità senza vergogna

Durante l’età fertile noi donne siamo cicliche per natura, anche se spesso non ce rendiamo conto. Oggi infatti abbiamo una visione lineare e non circolare del tempo, per cui perdiamo la percezione della ciclicità.

In passato le mestruazioni erano considerate un tabù in molte culture, erano viste come il marchio del peccato, nei giorni del ciclo la donna era confinata ai margini del villaggio, non poteva vedere gli uomini o toccare strumenti o oggetti di uso comune. La donna usava questo tempo di “riposo” per se stessa, e per stare in compagnia di altre donne, consapevoli che la loro natura riservava loro molti doni che gli uomini non potevano avere.

Oggi, invece, pur non essendo più confinata, il ciclo mestruale è ancora un qualcosa di negativo. E sono le donne stesse a considerarlo in maniera negativa: non essendoci più i riti di passaggio, molte ragazze sentono l’arrivo delle mestruazioni come una scocciatura più che come un dono dell’essere donne.

Fino a qualche decennio fa per molte madri era difficile parlare di ciclo mestruale con le proprie figlie: se il tema doveva essere affrontato, c’era un alone palpabile di senso di vergogna e inadeguatezza. Perché di “certe cose” non stava bene parlare.

Così oggi, pur essendo più libere di parlare di ciclo mestruale, lo si fa come se fosse una malattia. Da curare, o da estirpare a seconda dei casi, senza prendere consapevolezza di quanto invece questo ciclo ci possa essere di aiuto nella realizzazione personale.

Le energie del ciclo mestruale

Durante il ciclo mestruale, inteso come intero periodo e non come giorni di sanguinamento, sperimentiamo energie diverse. Un ciclo dura infatti 28-30 giorni, e se ci pensate, non abbiamo lo stesso grado di energia durante un intero mese.

Legate al nostro ciclo sono anche le nostre forze creative: se l’ovulo rilasciato durante l’ovulazione viene fecondato, le energie vengono impiegate per creare una nuova vita. Viceversa, se l’ovulo non viene fecondato, l’energia si esprime nella vita della donna in altre forme.

Questo flusso di energia dovrebbe essere, nell’ordine, capito, accettato e valorizzato: bloccarlo, reprimerlo o negarlo significa combattere contro la propria natura. Una guerra che alla lunga porterà solo rabbia, frustrazione e insoddisfazione. Proprio per far sì che le giovani donne non reprimessero la loro natura, ma la accogliessero e la sfruttassero, nei giorni di ciclo, approfittavano di quell’isolamento dalla società per imparare sulla la natura del loro corpo, per permettere loro di riconoscere le energie e apprendere le tradizioni spirituali.

Nella tradizione popolare, la donna sperimenta 4 tipi diversi di energia, ognuno dei quali corrisponde a una fase lunare. Vediamole brevemente.

Fase di luna crescente – Energia della Vergine

Questa fase rappresenta il periodo fra la fine del sanguinamento e l’ovulazione. Le energie sono simili a quelle di una donna, dinamica e ispirata. In questa fase la donna è libera dal ciclo procreativo e appartiene solo a se stessa. È più sicura, socievole, in grado di affrontare i problemi. Allo stesso tempo è determinata e concentrata sui propri obiettivi: è la fase in cui si può ottenere di più sul lavoro e può dare avvio a nuovi progetti.

Fase di luna piena – Energia della Madre

Corrisponde all’ovulazione, per cui l’energia è volta a nutrire, accudire, sostenere e arricchire. Essendo la fase in cui la donna si prepara a procreare una nuova vita, è maggiormente proiettata verso gli altri, al loro benessere. Irradia amore profondo e benessere. In questa fase è in grado di portare avanti i progetti avviati.

Fase di luna calante – Energia dell’Incantatrice

Questa fase corrisponde alla mancata fecondazione dell’ovulo dopo il suo rilascio. La donna si guarda dentro, la sua sessualità diventa potente, maggiormente consapevole del potere e dell’effetto che ha sugli uomini. Le energie qui sono impetuose e, come una grande onda, possono dare avvio a una grande fase di creatività. Mano a mano che questa fase si avvicina a quella successiva, la donna diventa più intollerante verso il mondo reale, ma più propensa a sognare a occhi aperti. Il suo intuito si rafforza e la sua ispirazione diventa più vivida.

Fase di luna nuova – Energia della Strega

È la fase che corrisponde alle mestruazioni. L’energia qui si fa più interiore e intuitiva: c’è una introspezione che le permette di interagire di più con i propri sogni e obiettivi, sentendosi maggiormente parte della natura circostante. Rallentando il ritmo di vita, ha la possibilità di trovare la soluzione ai problemi, imparare ad accettare il passato e abbracciare il futuro pur con le sue incertezze. L’energia e l’istinto si fanno primordiali e accrescono la sua spiritualità.

 

 

Sviluppare la conoscenza di sé e la consapevolezza

Come si fa a capire quale fase stiamo vivendo in questo momento? Dobbiamo imparare a conoscere bene il nostro ciclo: solo in questo modo avremo la possibilità di poter usare a nostro vantaggio le diverse energie che si susseguono. Un buon modo per imparare a conoscerlo è quello di costruirsi un disco lunare.

Su un foglio si disegna un grande cerchio, da dividere in tanti spicchi quanti sono i giorni del ciclo mestruale (per contare i giorni di un ciclo partite dal primo giorno dell’ultima mestruazione fino al giorno precedente il ciclo seguente). Un ciclo mestruale, generalmente, è di 28-30 giorni, anche se possono esserci scarti di qualche giorno in più o in meno. Quindi se il vostro ciclo mestruale è di 28 giorni, dividete il disco in 28 spicchi.

In corrispondenza di ogni spicchio, ma esternamente al cerchio scrivete le date del calendario (mese e giorno), mentre internamente a ogni spicchio i giorni del ciclo. Segnate anche le varie fasi lunari. Ogni giorno annotate sul vostro disco lunare queste informazioni:

  • livello di energia: dinamica, socievole, scarica, ritirata;
  • emozioni: pacifica, armonica, arrabbiata, irritabile, amabile, magnanima, materna, intuitiva, sensazioni paranormali;
  • salute: stanchezza, qualità del sonno, particolari voglie di cibo, cambiamenti fisici;
  • sessualità: attiva, passiva, erotica, sensuale, bisognosa, aggressiva, amorevole, attenta, lussuriosa, nessuno stimolo;
  • sogni: atti sessuali, interazione con uomini o donne, colori forti, animali, contenuto magico o mestruale, premonitori, ricorrenti;
  • espressione esteriore: creatività, attività sportiva, fiducia, abilità organizzativa, concentrazione, capacità di affrontare le situazioni, modo di vestire.

Compilando il disco giorno dopo giorno, ogni mese, vi accorgerete che emergerà uno schema. Spiega la Gray, infatti che:

“Le corrispondenze non saranno esatte, ma scoprirete che in certi giorni del mese sperimentate energie o cambiamenti fisici simili, o che fate sogni di simile contenuto prima delle mestruazioni e prima dell’ovulazione. Riassumete queste corrispondenze in un singolo disco lunare. Se trovate difficile vedere le corrispondenze tra i vari dischi, continuate a prendere nota sul diario ancora per qualche mese. Le vostre annotazioni sul diario e il conseguente disco lunare rappresentano un riscontro continuo allo scopo di mantenervi in contatto con il vostro ciclo nel corso degli anni. Scoprirete che, dopo un po’, conoscerete le vostre reazioni così bene che vi basterà annotare solamente le cose insolite che potrebbero alterare il ciclo. Oltre a notare la ricorrenza dei cambiamenti fisici nei mesi, noterete delle fasi ricorrenti di energie emotive, creative e sessuali particolari”.

Esercizio per diventare consapevoli del proprio ciclo mestruale

Il disco lunare serve a registrare le espressioni esteriori del tuo ciclo mensile osservando le emozioni, la salute, la sessualità e la creatività. Avendo cominciato a comprendere il ciclo esteriore, è anche necessario imparare a interagire con le sue energie.

Ecco un semplice e divertente esercizio che può aiutare ancora di più a conoscere in maniera approfondita il nostro ciclo mestruale e, di conseguenza, anche noi stesse.

"Osserva il tuo disco lunare riassuntivo di vari mesi e nota dove, nel tuo ciclo, sembrano intervenire differenti energie. Potresti notare che, per esempio, sei cosciente di sperimentare solo alcune energie e per un tempo limitato. Le energie sono ancora in te ma le influenze esteriori, come lo stress e la stanchezza oppure l’interruzione del legame intuitivo tra corpo e mente, ti rendono difficoltoso esserne cosciente.

Usa quattro matite colorate per segnare i giorni in cui sei cosciente delle tue diverse energie. Nei mesi che seguiranno, mentre diventi più consapevole del tuo ciclo, sarai in grado di formare un disco lunare completamente colorato che diventerà la chiave del tuo ciclo mestruale".

Il libro che tutte le donne dovrebbero leggere


Romina Rossi
Giornalista freelance e web writer, collabora con la rivista “Vivi Consapevole” e diversi siti web, occupandosi prevalentemente di medicina... Leggi la biografia
Giornalista freelance e web writer, collabora con la rivista “Vivi Consapevole” e diversi siti web, occupandosi prevalentemente di medicina naturale, benessere olistico e tecniche naturali di guargione.L’amore per la Natura e la curiosità di capire i complicati e delicati meccanismi di funzionamento dell’uomo, la portano a intraprendere... Leggi la biografia

27 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto