Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza
Home / Blog / Salute e Benessere

Alitosi: cause e rimedi naturali

Salute e Benessere

Alitosi: cause e rimedi naturali

Salute e Benessere

Alitosi: cause e rimedi naturali
6 condivisioni

L'alitosi è un problema piuttosto diffuso: nel mondo ne soffre quasi una persona su due. Giuliana Lomazzi ci parla in questo articolo dei rimedi naturali fai-da-te per combattere l'alito cattivo.


Giuliana Lomazzi

Il vostro problema si chiama alitosi, ossia alito cattivo?

Se vi può far piacere saperlo (magra consolazione) non siete i soli a soffrirne: nel mondo ne è afflitto quasi un individuo su due, e l'Italia non fa eccezione.

L'alito cattivo è comprensibilmente fonte di stress e di calo dell'autostima perché ha come immaginabile un impatto sociale, con ripercussioni nella vita lavorativa e in quella privata.

Ma quali sono le cause dell'alito cattivo e quali i rimedi, ovviamente naturali?

 

Alitosi: cause di un disturbo antichissimo

Perfino i nostri antenati cercavano rimedi per combattere l'alitosi, segno che l'alito pesante non è prerogativa dei tempi moderni. Forse il più antico rimedio che si conosca risale al 1550 a.C. ed era un collutorio a base di erbe macerate nel vino. Probabilmente molto utile ancora oggi per attenuare il “ricordo” lasciato da aglio e cipolla, al pari dei collutori odierni è però insufficiente a eliminare il problema alla radice.

Infatti le cause dell'alitosi vanno ben oltre il consumo di questi squisiti ortaggi. Nel 10% dei casi il problema è di competenza medica, imputabile per esempio a disturbi respiratori o gastrointestinali, quindi qui non ce ne occuperemo. Nel restante 90%, la principale responsabile è la cattiva igiene orale.

Bocca... batterica!

Lavarsi i denti male e in modo irregolare ha proprio l'effetto di aumentare la carica batterica presente in bocca. Questo perché i residui alimentari non vengono eliminati e diventano nutrimento per i batteri che si affollano su denti, gengive e lingua, formando la ben nota placca batterica e creando, tramite la fermentazione del cibo, composti tutt'altro che profumati.
Perciò l'igiene orale va presa sul serio. 

ESTRATTO GRATUITO DEL LIBRO CURA I TUOI DENTI IN MODO NATURALE

Si comincia fin dal mattino, dopo colazione, e non prima come fanno molti! Per quanto possibile bisognerebbe lavare i denti anche dopo pranzo, per poi dedicare loro maggiore cura la sera. Durante questa operazione non bisogna trascurare la lingua, come insegna l'ayurveda da millenni. Infatti molti studi scientifici sull'alitosi dimostrano che spesso la causa sta proprio sulla lingua, la cui superficie irregolare è molto accogliente per i batteri. Su di essa si forma così una patina che va eliminata con un apposito strumento o con uno spazzolino morbido. Ovviamente si deve massaggiare delicatamente, cercando di arrivare più in fondo possibile (cioè dove maggiormente prosperano i batteri), anche se la sensazione non è piacevolissima. Ma lo sforzo premia, non solo per quanto riguarda l'alito fresco: infatti vari studi mostrano che un'adeguata pulizia della lingua aiuta a ostacolare la formazione di placca dentaria.

 

Come combattere l'alitosi

Serve prima di tutto un buono spazzolino di durezza media, con cui spazzolare dall'alto in basso l'arcata superiore e dal basso in alto quella inferiore. Il movimento deve essere verticale, così le setole penetrano tra i denti. Prima di intraprendere questa operazione, la sera bisogna munirsi anche di filo dentario e scovolino, per una pulizia davvero completa. Di notte i batteri agiscono più indisturbati, perciò occorre eliminare più residui alimentari che si può! Rimane poi l'indispensabile pulizia della lingua, che aiuta le papille gustative a percepire meglio i sapori e favorisce la secrezione degli enzimi digestivi. 

OMAGGIO GRATUITO - LA VERITÀ SU DENTIFRICIO E SPAZZOLINO

 

Collutori naturali fai-da-te

Il tocco finale lo fa il collutorio. Naturalmente in commercio non mancano buoni prodotti biologici, ma perché non prepararseli in casa? Ecco qualche suggerimento per ottenere in modo semplice rimedi naturali casalinghi contro l'alito cattivo. Attenzione a eventuali controindicazioni o allergie individuali!

Salvia, timo, menta, prezzemolo. Sono tutte erbe rinfrescanti e antisettiche. Una volta scelta quella che si preferisce, è sufficiente metterne in infusione un paio di cucchiaini in una tazza di acqua bollente. Dopo 10 minuti si filtra e si fa raffreddare.
Chiodo di garofano. Antisettico e deodorante, ha effetti analgesici che aiutano in caso di mal di denti. Si prepara un decotto bollendo qualche chiodo in un bicchiere di acqua per 5 minuti, si fa riposare per 10 minuti e si filtra; si usa freddo.
Olio essenziale di menta. Basta diluirne tre gocce in un bicchierone di acqua, rimestare e procedere agli sciacqui.
Semi di anice verde o finocchio. Preparati sotto forma di decotto danno ottimi sciacqui.

Amica saliva 

Sciacquarsi bene il cavo orale con il collutorio o semplicemente con l'acqua è di grande aiuto per la saliva, che con i suoi anticorpi svolge un ruolo di primo piano nella pulizia e disinfezione della bocca.

La ricetta per un collutorio naturale!

Non è un caso che la mattina, al risveglio, si possa sentire l'alito pesante: infatti di notte la saliva lavora meno, soprattutto nella parte posteriore della lingua, facilitando l'accumulo dei batteri. Per evitare che questo prezioso liquido diminuisca bisogna anche evitare i cibi che ne riducono la produzione, cioè quelli con molto sale e tannini. E naturalmente bisogna bere sufficienti liquidi durante il giorno.

La tavola per l'alito fresco

Ebbene sì, anche le nostre scelte alimentari influiscono sull'alitosi. Infatti alcuni alimenti, come dimostrato da vari studi, creano una maggiore acidità orale, agevolando così i batteri e poco gradevoli effluvi. Attenzione prima di tutto all'eccesso di carboidrati, che non si limita ad alimentare batteri e alito cattivo, incide anche sul maggiore rischio di carie!

Come fare? Ovviamente va evitato il cibo spazzatura (per inciso, anche alcol e fumo sono grandi nemici dell'alito fresco!) a favore di alimenti naturali e biologici. La verdura cruda, ricca di fibre, aiuta a mantenere i denti puliti e a rafforzare le gengive. L'ideale è consumarla prima del pasto, non limitandosi però a una semplice insalata: mangiati a morsi, carote, sedano, ravanelli sono utilissimi a questo scopo. L'abbondanza di vegetali, con i loro antiossidanti, aiuta anche a prevenire le intolleranze, altra causa di alito cattivo. I cereali (ovviamente integrali) non vanno certo eliminati, ma mangiati con raziocinio e associati sempre con una fonte proteica (ottimi i legumi)

Le fibre dei vegetali aiutano anche a regolarizzare il transito intestinale: non dimentichiamo che la stitichezza porta con sé vari disturbi, tra cui anche l'alito pesante!

Masticare, un esercizio di pazienza

Masticare male vuol dire favorire l'accumulo di frammenti negli spazi interdentali – e quindi ancora una volta il prosperare di batteri e l'alito cattivo – ma anche ostacolare la buona digestione. Perciò bisogna abituarsi a masticare a lungo, da 30-50 volte per ogni boccone, secondo la durezza.

E già che siamo in argomento, può essere di aiuto ogni tanto masticare una bacca di ginepro oppure qualche seme di finocchio o di anice, che rinfrescano l'alito e favoriscono la digestione.

Depurarsi

Ogni tanto, un po' di disintossicazione alleggerisce l'organismo e può avere effetti positivi anche sull'alitosi. Ogni stagione offre i suoi alimenti depuratori: in autunno, per esempio, è il trionfo dell'uva, in primavera del tarassaco e così via.

Tutto l'anno ci vengono in soccorso le alghe e il tè verde. Un grande aiuto viene poi dai succhi, soprattutto quelli a base di verdura a foglia.

Insomma, ancora una volta dobbiamo ringraziare la Natura per tutto quello che ci offre!  

Cura i Tuoi Denti in Modo Naturale - LIBRO

Guida completa alla salute di denti e gengive. L'igiene orale in 8 mosse.

La verità su dentifrici, spazzolini e collutori. Gli alimenti che nutrono e rinforzano i denti.

cura i tuoi denti in modo naturale


Giuliana Lomazzi
Giuliana Lomazzi è nata a Busto Arsizio (VA) e da qualche anno vive a Trieste. Laureata in Lingue e Letterature straniere moderne presso... Leggi la biografia
Giuliana Lomazzi è nata a Busto Arsizio (VA) e da qualche anno vive a Trieste. Laureata in Lingue e Letterature straniere moderne presso l'Università di Milano, dopo un'esperienza di insegnamento nelle scuole superiori, ha iniziato nel 1990 a lavorare nell'editoria, prima come traduttrice e poi come autrice e giornalista.I suoi interessi... Leggi la biografia

6 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto