Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza
Home / Blog / Alimentazione e Diete

Risparmia sulla spesa con il pane fatto in casa

Alimentazione e Diete

Risparmia sulla spesa con il pane fatto in casa

Alimentazione e Diete

Risparmia sulla spesa con il pane fatto in casa
843 condivisioni

Fare la spesa spesso comporta una grossa perdita di denaro, che di questi tempi, si sà, molti vorrebbero evitare. Ci sono però dei trucchi per risparmiare sulla spesa. Solo con il pane, per esempio, una famiglia di quattro persone può mettere da parte annualmente ben 262,80 euro. E pensate a quanto risparmio potrebbe arrivare se iniziasse a preparare in casa anche panini, pizza, dolci, cracker, grissini, biscotti! Scopriamo come fare.


Redazione Web Macro

Fare la spesa spesso comporta una grossa perdita di denaro, che di questi tempi, si sà, molti vorrebbero evitare. Ci sono però dei trucchi per risparmiare sulla spesa. 

Lo sa bene Lucia Cuffaro, esperta di autoproduzione, fai da te e decrescita, che del risparmio e del fare in casa ne ha fatto il suo lavoro!

 

SCOPRI COME RISPARMIARE CON LUCIA

 

Solo con il pane, per esempio, una famiglia di quattro persone può mettere da parte annualmente ben 262,80 euro. E pensate a quanto risparmio potrebbe arrivare se iniziasse a preparare in casa anche panini, pizza, dolci, cracker, grissini, biscotti!

Un altro enorme vantaggio è la qualità. I prodotti da forno del supermercato durano poco, costano molto e sono realizzati con ingredienti non poco discutibili, come:

  • farine di grano tenero 00 (ricche di glutine e zuccheri e con minor presenza di sostanze nutrienti)
  • oli vegetali di dubbia qualità
  • lieviti chimici
  • sale raffinato
  • acqua di cui non conosciamo le caratteristiche.

Quelli fatti da noi hanno ingredienti scelti che ci aiuteranno a stare in forma e anche a dimagrire perché hanno meno zuccheri e più sostanze nutrienti.

Laddove è possibile utilizziamo sempre la nostra amata pasta madre.

Non hai la pasta madre? Autoproducila!

Ma cos’è la pasta madre? È una colonia di batteri e lieviti che permettono una lievitazione lenta e naturale che rende pane, pizza, cracker, grissini e dolci più digeribili, dietetici ed estremamente più nutrienti rispetto al prodotto commerciale fermentato con lievito chimico.

La possiamo impiegare in centinaia di preparazioni permettendoci così di essere indipendenti dall’acquisto di questo alimento base.

Come fare il pane a lievitazione naturale 

Ingredienti e materiali

  • 600 g di farina biologica
  • 400 ml circa di acqua
  • 80 g di pasta madre (conservata in un barattolo di vetro)
  • ciotola e canovaccio
  • 1 cucchiaio di sale integrale
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • teglia

Non serve tanto tempo per fare il pane. Giusto qualche minuto effettivo per la lavorazione.

Procedimento (Prima lievitazione)

Riempiamo di acqua tiepida il barattolino che contiene la pallina di pasta madre per ammorbidirla. La riversiamo interamente in una ciotola grande aggiungendo 200 g di farina (a scelta tra le più salubri o un mix di farina integrale, semintegrale, di grano duro, di grani antichi ecc.) e altra acqua fino ad arrivare alla corposità di una pastella per i fritti.

Diamo una veloce mescolata con il cucchiaio per incorporare tutta la farina. L’impasto, coperto da un canovaccio, va lasciato riposare tra le otto e le dodici ore in un luogo fresco, chiuso e asciutto.

Seconda lievitazione

Al precedente impasto aggiungiamo 400 g di farina (sempre del mix o del tipo scelto) e acqua quanto basta affinché la consistenza sia giusta. Lavoriamolo finché non diventa un bel panetto sodo ed elastico. Lasciamolo lievitare dalle due alle sei ore a seconda della stagione, meno tempo in estate e di più in inverno.

Prima di aggiungere i condimenti (sale, olio extravergine d’oliva per rendere il pane più fragrante, semi, spezie, uvetta, cioccolato, o quello che preferiamo per insaporire) mettiamo di nuovo nel barattolino iniziale una pallina di impasto per la successiva panificazione, con l’aggiunta di un pizzico di farina ovvero il "cibo" dei lieviti e batteri che compongono la pasta madre. Poniamo in frigo il barattolo con il coperchio appoggiato sopra. Ma non sigilliamolo completamente: la pasta madre deve respirare.

Cottura del pane

Sistemiamo delicatamente il panetto su una teglia precedentemente cosparsa con dell’olio d’oliva. Spennelliamo sempre con l’olio anche la superficie del pane al fine di rendere la crosta bella croccante.

Lo cuociamo in un forno preriscaldato, a 250 °C gradi per dieci minuti, poi a 180-200 °C per i restanti trenta minuti. Il risultato è una splendida pagnotta dal peso finale di 1 kg.

Prima di essere mangiato va fatto raffreddare per alcune ore su un tagliere e poi conservato avvolto da un canovaccio. In questo modo può durare anche fino a dieci giorni. Se proviamo a confrontare il tempo speso nel farci il pane in casa con il tempo che destiniamo all’acquisto del pane per tutta la settimana − considerando che diventa gommoso in breve tempo e dovremo riacquistarlo quasi quotidianamente − ci rendiamo subito conto che è davvero poco!

Cosa c'è nel pancarrè e nei panini morbidi che si acquistano?

    • Farina tipo 00, povera di sostanze nutrienti
    • acqua intorno al 40%
    • alcol etilico per rendere il pane più morbido
    • oli vegetali economici (spesso quello di palma poco salutare sia per noi che per l'ambiente)
    • grande quantità di sale
    • glutine, spesso aggiunto per aumentare la lievitazione
    • lievito industriale che fa crescere il pane in modo velocissimo
    • conservanti
    • additivi 

SCOPRI IL DVD DI LUCIA SULL'AUTOPRODUZIONE

 

Risparmia 700 € in 7 giorni

Risparmio Green: per ridurre le spese e autoprodurre in casa.

In risposta al consumismo fatto di sprechi e apparenti necessità, l’autrice si fa portavoce del ritorno a un risparmio green in grado di ottimizzare le risorse attraverso gesti eco-compatibili.

Ti potrebbero interessare:

Crema mani e burrocacao: una sola ricetta per due prodotti

Pulire il bagno con aceto e bicarbonato

Risparmiare sulla bolletta non è mai stato così facile

Snack fai da te per una merenda sana

Shampoo e balsamo naturali fatti in casa

Scopri tutti gli articoli di Lucia nella sua rubrica Chiedilo a Lucia!

Se hai qualche dubbio, una curiosità, vorresti qualche dritta per rimedi ecologici ed autoprodotti #chiediloaLucia
Lasciaci un commento qui sotto o scrivici sulla nostra pagina facebook Lucia risponderà alle domande più belle e interessanti!


Redazione Web Macro
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli... Leggi la biografia
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli spaziano su tutti i principali argomenti che Macro divulga con passione dal 1987. Il meglio per il benessere di Corpo, Mente e Spirito raccontato da coloro che vedono nascere quotidianamente i... Leggi la biografia

843 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto