Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Vivere Ecologico

Coltivare erbe e piante aromatiche, anche sul tuo balcone!

Vivere Ecologico

Coltivare erbe e piante aromatiche, anche sul tuo balcone!

Vivere Ecologico

Coltivare erbe e piante aromatiche, anche sul tuo balcone!

Coltivare erbe e piante aromatiche oltre ad essere un piacere per i sensi (pensate al profumo!) è anche una maniera per averle sempre fresche a portata di mano; avendole coltivate voi sarete certi della loro qualità. 

Le piante ed erbe aromatiche, inoltre, hanno bisogno di poco spazio, e potete quindi coltivarle tranquillamente anche sul vostro balcone.

Vi proponiamo 3 piante di uso comune, forse sapete già come utilizzarle in cucina, ma sapevate che sono utilissime anche per tante altre cose?


Redazione Web Macro

Coltivare erbe e piante aromatiche oltre ad essere un piacere per i sensi (pensate al profumo!) è anche una maniera per averle sempre fresche a portata di mano; avendole coltivate voi sarete certi della loro qualità. 

Le piante ed erbe aromatiche, inoltre, hanno bisogno di poco spazio, e potete quindi coltivarle tranquillamente anche sul vostro balcone, leggete qui come.

Vi proponiamo 3 piante di uso comune, forse sapete già come utilizzarle in cucina, ma sapevate che sono utilissime anche per tante altre cose?

Basilico

Pianta dalle foglie aromatiche – quelle nuove sono più profumate – che debbono essere usate quando la pianta ha circa 20 cm di altezza. Cresce bene su terreni soleggiati e secchi.

A livello culinario predominano il genovese e il napoletano; il primo è più profumato, il secondo ha un odore che ricorda un po’ quello della menta.

Usi. Si utilizzano le foglie, fresche o secche. Se sono fresche, si tritano sottili e sono buone con le uova strapazzate, le frittate, il pesce e le verdure. Se sono secche, si mettono in zuppe e stufati.

Lo si utilizza anche contro le zanzare, nelle case, e contro gli afidi, se lo si semina nell’orto tra peperoni e melanzane.

Coltivazione. Va piantato in un vaso, posto vicino alle finestre, o nel terreno, in luoghi con buona luce; se sta al sole, bisogna cercare di annaffiarlo con frequenza, ma senza allagarlo.

Lo si semina in semenzaio, su una terra ricca di humus, tra febbraio e aprile e, una volta passato il freddo, lo si trapianta all’aperto, lasciando uno o due palmi tra una pianta e l’altra.

Se lo si lascia dentro casa, senza esporlo al sole, non tarderà a seccarsi.

Rosmarino

Il rosmarino (Rosmarinus officinalis) è un alberello perenne e ramoso dai fiori piccoli, violacei o bianco-azzurrognoli che fiorisce quasi tutto l’anno, sebbene preferisca la primavera e l’autunno.

All’ombra dei pini e con un buon terreno può arrivare al metro e mezzo di altezza, nel clima mediterraneo, sebbene cresca in tutto il mondo.

Per essiccare i rami, è meglio tagliarli in estate, dopo la fioritura. Si riproduce per mezzo dei semi, che si piantano in primavera e si trapiantano quando i germogli raggiungono i 5 cm, mediante mazzetti con un po’ di radice o con talee. Le talee impiegano due mesi a mettere radici.

Le foglie del rosmarino hanno oli essenziali e canfora; i fiori e il fusto amido, oli, tannini, grasso, zucchero e albumina. L’infuso di foglie fresche viene usato negli impacchi contro i problemi di circolazione ed è bene inumidirsi anche tutto il corpo con l’acqua dell’infusione.

L’acqua dei fiori, cotti per due minuti, è buona per lavare le ferite e per fare impacchi contro gli ascessi. Le foglie bollite si usano come cataplasma contro il torcicollo.

Le infusioni sono digestive, favoriscono la circolazione e calmano i nervi. L’olio è antisettico, antinfiammatorio, antireumatico, antiparassitario ed è buono contro la caduta dei capelli.

Salvia

La salvia (Salvia officinalis) è una pianta quasi arbustiva, che forma grandi cespugli e fiorisce da aprile a giugno. I fiori vanno in spiga e sono piccoli e violacei. Le sue diverse specie crescono in qualunque posto, salvo su terreni argillosi allagati.

Si riproduce per semi, che si piantano in semenzaio a febbraio o marzo e si trapiantano a maggio, o per talee. Forma anche propaggini, come le fragole. I rami e le foglie vanno tagliati poco prima della fioritura.

Si possono conservare le foglie, seccate all’ombra, per le loro proprietà antisettiche, estrogene, toniche e astringenti, o come condimento alimentare; oppure si può usarle contro le punture di insetti, sfregandole sopra.

Cotte con vino bianco per alcuni minuti servono per lavare ferite e fare impacchi. Questa miscela può servire anche come tonico.

Come conservare le erbe aromatiche

Poiché non è possibile averle fresche tutto l’anno, se non si ama comprarle secche, i modi per mantenerle il più possibile fresche sono:

  • congelarle, una volta tritate e pulite, ad esempio in vaschette per il ghiaccio o nella carta assorbente;
  • in olio o aceto;
  • nel sale, alternando strati di sale e di erbe.

In tutti questi casi, le erbe conservano in qualche maniera il loro aspetto originario. Possiamo però anche farle seccare al sole o vicino a una fonte di calore, legate in piccoli rami e appese capovolte. Poi si sminuzzano con un matterello e si conservano in barattoli.

L'articolo ti è piaciuto? Leggi anche "Permacultura: come progettare un orto su terrazze e balconi".


Redazione Web Macro
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli... Leggi la biografia
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli spaziano su tutti i principali argomenti che Macro divulga con passione dal 1987. Il meglio per il benessere di Corpo, Mente e Spirito raccontato da coloro che vedono nascere quotidianamente i... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto