Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Nuove Scienze

La memoria dell'acqua

Nuove Scienze

La memoria dell'acqua

Nuove Scienze

La memoria dell'acqua

Nel 1996, Science Frontières Production aveva chiesto al dr. Jacques Benveniste di fare il suo ritratto all’interno della serie TV Trait for Trait trasmesso all'epoca da Tele France. In questo documento Jacques Benveniste, si svela a cuore aperto come scienziato e uomo semplice, raccontando del suo lavoro su “la memoria dell'acqua” e della sua percezione della felicità. Più tardi, nel 2006, dopo la sua morte avvenuta il 3 ottobre 2004, l’Association Jacques Benveniste pour la Recherche ha curato e pubblicato le sue memorie nel libro La mia verità su “la memoria dell’acqua”.

A cura di Elena Sanda Chira, coordinatrice della collana Scienza e Conoscenza.


Redazione Web Macro

 

“Non sono sempre stato ricercatore. Dopo i cosiddetti studi pesanti, ho iniziato la mia vita professionale come medico. Sono un ex stagista ospedaliero a Parigi e ex capo della clinica. Ho sempre fatto una medicina molto molto classica, anche molto molto pesante. Facevo la rianimazione in un momento in cui le persone la praticavano poco.

Dopo 15 anni di medicina, ero un po' annoiato, avevo visto un po' tutto, e ho sempre voluto fare ricerca. Mi è sembrata essere una professione più viva, in cui non si faceva sempre la stessa cosa. Ho iniziato in part-time, poi a tempo pieno negli Stati Uniti nel 1969 per circa tre anni. Ho davvero imparato la mia nuova professione di ricercatore professionista. Quando sono tornato in Francia, sono entrato a far parte di Inserm (Institut national de la santé et de la recherche médicale). È stato abbastanza difficile, anche a livello familiare, ma siamo sopravvissuti. Ho capito che in questo paese, nessuno era interessato all'allergia, anche se colpisce da 10 a 15 milioni di persone.

Ho quindi creato un'unità di ricerca sulle allergie, che è stata molto disapprovata, perché non si dovrebbe fare ricerca sulle cose banali, devi fare ricerca su cose molto rare per ben visto in Francia. Nel 1988 lo ero, eppure a capo di una squadra di una quarantina di persone che stavano bene, con un buon prestigio a livello internazionale. Fino al momento in cui mi sono imbattuto in queste esperienze totalmente bizzarre che ho accolto esattamente come un bambino: prendiamo quello che succede. Ho triturato i risultati per cinque o sei anni e poi ho fatto il mio la voro di ricercatore: li ho mandati alla Nature, la più alta rivista di ricerca, che ha pubblicato quattro miei articoli.

Poi tutto è esploso. Il fatto che l'acqua, considerata un liquido semplice, anche banale, si rivelò straordinariamente complicato da poter riprodurre l'attività di molecole complesse scosse considerevolmente la comunità dei biologi, al punto che ritenevano che avessimo disonorato la ricerca francese. Queste sono persone che non vivono nel mondo di oggi. Realtà virtuale. Il fatto che si può avere un'immagine senza la persona o il suono senza il cantante, è abbastanza accettabile per altri settori e attività, ma non per la biologia.

L'acqua ricordava di aver visto una molecola!

Eravamo un laboratorio di ricerca su allergia all'epoca, quindi avevamo un prodotto che scatena l'allergia a piacimento, nel nostro gergo noi lo chiamavamo anticorpo anti-IGE (Immuno-Globulin E). Questo prodotto, diluito, non dovrebbe più innescare fenomeni allergici in provetta. Ma la sorpresa è stata che ha continuato ad avere un effetto anche se era scomparso dal flacone. Il fatto che possiamo osservarne l'attività in un liquido che non contiene più molecole potrebbe far pensare - e io penso che sia corretto – che tutto accade come se, come diciamo in matematica, l'acqua ricordava di aver visto questa molecola, da cui l'espressione colorata “la memoria dell'acqua”, che colpisce abbastanza.

In effetti, non è l'acqua che è importante. Si comporta bene, come un nastro magnetico liquido e quando tu registri qualcosa, non è il nastro che è importante, ma ciò che ci registri. Così, ciò che conta non è l'acqua, è il messaggio che le molecole lasciano lì. È su questo che noi abbiamo lavorato dopo.

Devi fare i conti con i mezzi quando si fa ricerca, in particolare ricerca temporanea e marginale dove i crediti non abbondano. Il posto dove noi lavoriamo consiste in una stanza per gli animali, un piccolo laboratorio e una roulotte che è appunto il nostro ripostiglio. Nel nostro laboratorio di biologia digitale, non abbiamo conservato tutto il materiale che avevamo quando eravamo quaranta persone. Come mettere 450 m2 in 100 m2? Ci è stato assegnato questo fabbricato in modo da poter concludere la mia carriera in pace e soprattutto senza fare alcuna ricerca o infastidire nessuno con scoperte inaspettate. Sembra affollato ma negli Stati Uniti è uno standard. Entrano 10 o 12 persone facilmente. Non c'è nessun spazio sprecato e l'esperienza dimostra che si può sempre trovare spazio. L'atmosfera è amichevole e il nostro piccolo team funziona bene, le interazioni sono facili, visto che siamo affollati.

Uno dei nostri strumenti di lavoro è un cuore isolato da una cavia che è stato reso allergico all'ovoalbumina, cioè bianco d'uovo. È un organo molto sensibile che rileverà molto finemente, come in tutti i sistemi allergici, la minima traccia di bianco d’uovo. Il cuore non fa differenza tra il vero ovoalbumin e il nostro ovoalbumin digitale. In tutti i due casi, ha uno shock allergico. Nello stesso modo succede che il nostro orecchio non può fare la differenza tra un suono digitale registrato su un compact disc e la persona reale che parla o canta. Allora perché digitale? È il pro-pro-pronipote della "memoria dell'acqua".

La ricerca che abbiamo realizzato dal 1988 al 1991 ci ha mostrato che questa attività registrata sull'acqua potrebbe essere cancellata da un campo magnetico, allo stesso modo in cui puoi cancellare con un magnete quanto registrato sulla colonna sonora. D'altra parte, è impossibile influenzare il discorso quando esce dalla bocca...

Il passo successivo è stato quello di trasferire queste informazioni da un amplificatore a una colonna sonora tra 0 e 20 Khertz, la banda che utilizziamo di solito per parlare, telefonare o fare musica. Abbiamo trasportato questa specifica attività da un tubo all'altro attraverso un filo. Le molecole si parlano attraverso le onde sonore, come noi. Esse risuonano se hanno la stessa vibrazione.

Circa 18 mesi fa abbiamo fatto un passo aggiuntivo. Abbiamo registrato questa attività su un disco rigido del computer tramite una scheda audio, cosa che si può fare su qualsiasi computer multimediale. Il prossimo passo, del quale ora ci rendiamo comunemente conto è il trasferimento di questi record da computer a computer su Internet.

Conseguenze per la medicina del futuro

Il medicinale potrebbe essere gestito telefonicamente,

registrato su smart card: non si tratta del nome del farmaco o della sua struttura,

ma della sua attività.

Devi imparare questo principio una volta per tutte, cioè che la molecola è biologicamente attiva nella sua funzione di segnale. È semplicemente un trasmettitore di onde kilohertz. La molecola stessa non importa nemmeno, come della forma della laringe di Pavarotti, Callas o Johnny Hallyday, non ci si frega niente. Quello che interessa sono i suoni che ne escono, quindi i suoni che la molecola invia per comunicare con la molecola specifica con cui risuona.

Presto le medicine diventeranno digitali!

Molto presto le medicine che noi conosciamo diventeranno digitali, tranne forse per alcune indicazioni molto ristrette: ad esempio, sarà necessario prendere il calcio per avere veramente calcio duro nelle ossa. Penso che anche noi useremo le frequenze: per esempio, possiamo registrare gli spettri di frequenza di un batterio e rispedirglieli in fase di opposizione. Esso non potrà più comunicare con il mondo esterno e morirà.

Cosa implica questo?

Ho davvero provato molto, ho tenuto il ritmo al massimo, ma alla fine la trave cedette sotto la pressione della neve accumulata sul tetto. In effetti, è un'ottima scusa per le persone che non prendono la vita a testa alta e non dicono a loro stesse: "Va bene, sto facendo il mio lavoro e quando avrò finito di fare il mio lavoro, la mia vita sarà finita”. Non ho passato la vita preoccupandomi se devo lavarmi la testa o se devo prendere l'aereo per andare alle Maldive per dimenticare me stesso e di fatto ritrovare la mia faccia nel mio specchio. Sempre la stessa faccia!

Felicità per me è semplicemente fare e avere, dopo un po', intorno a te, prove tangibili che qualcosa è stato fatto. Bambini che crescendo, e danno vita a bambini. E poi ci voltiamo, ci diciamo: “Ehi, ho fatto questo e quello, quindi Io esistevo”. In realtà, tutto questo è semplicemente una lotta contro la fine della storia che sappiamo di essere necessariamente triste, poiché sappiamo come tutto finisce.

Io esisto! L'obiettivo è quindi di ritardare questa scadenza e dire a se stessi: “Io esisto, io esisto! ". Non credo che si può pensare di esistere attraverso le idee, le religioni, le filosofie che sono sempre importate da altrove, perché è sempre meglio quando si trova da qualche altra parte. Curare tutto ciò che esiste significa fare ciò che dobbiamo fare. E poi, di tanto in tanto ci rompiamo la bocca, è certo. Quando vai in bicicletta rischi di cadere! Altrimenti stai a letto, che tuttavia, è il posto più pericoloso poiché statisticamente, è qui che ci ritrova più spesso la morte!

L'uomo è ciò che fa, non è né quello che dice, né quello in cui crede... Lui è quello che fa... Posso sbagliarmi, ma è questa la mia vita.”

Jacques Benveniste Produzione della serie Trait pour Trait: Claude Rauber, Interviste: Cathy Nivez 31 agosto 2000

 

 


Redazione Web Macro
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli... Leggi la biografia
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli spaziano su tutti i principali argomenti che Macro divulga con passione dal 1987. Il meglio per il benessere di Corpo, Mente e Spirito raccontato da coloro che vedono nascere quotidianamente i... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Macro Almanacco - Aprile 2024
Omaggio Macro Almanacco - Aprile 2024

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Macro Almanacco - Aprile 2024