Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Nuove Scienze

I vantaggi di stare vicino all'acqua con Wallace J. Nichols

Nuove Scienze

I vantaggi di stare vicino all'acqua con Wallace J. Nichols

Nuove Scienze

I vantaggi di stare vicino all'acqua con Wallace J. Nichols

Il dottor Wallace "J" Nichols è un rinomato biologo marino, sostenitore delle acque selvagge, autore di bestseller e papà amante del divertimento. Ha conseguito una laurea in Biologia e spagnolo presso la DePauw University, una laurea MEM in Economia e politica delle risorse naturali presso la Duke University e un dottorato di ricerca, una laurea in ecologia della fauna selvatica e biologia evolutiva presso l'Università dell'Arizona. È autore di oltre 200 pubblicazioni scientifiche, relazioni tecniche, capitoli di libri e pubblicazioni divulgative. Ha tenuto conferenze in più di 30 paesi e in quasi tutti i 50 stati ed è apparso in centinaia di testate giornalistiche, cinematografiche, radiofoniche e televisive. Il suo libro  Blue Mind: Mente e acqua (la scienza sorprendente che mostra come stare vicino, dentro, sopra o sott'acqua può renderti più felice, più sano, più connesso e migliore in quello che fai) esamina i notevoli effetti della vicinanza all'acqua sulla nostra salute e sul nostro benessere. In questa intervista, discutiamo del suo libro Blue Mind e dei molti modi in cui stare dentro o vicino all'acqua può migliorare la salute fisica, mentale ed emotiva.

Intervista tratta da: https://kinesophy.com/benefits-of-being-near-the-water-with-wallace-j-nichols/  1 febbraio 2021


Redazione Web Macro

Greg: Quando hai capito che c'era qualcosa di più nell'acqua, oltre l’idratazione e l’igiene?

J: Mi sono reso conto in giovane età che mi sentivo più a mio agio in acqua o sott'acqua, per una serie di motivi. La maggior parte delle persone allora mi avrebbe chiamato timido; ora direbbero introverso. Balbettavo, quindi ho preferito stare sott'acqua perché la gente non mi faceva domande e non dovevo rispondere. E questo probabilmente è ciò che mi ha portato a perseguire una carriera nella biologia marina, proprio il fascino emotivo e psicologico di essere vicino all'acqua. Mentre lo facevo, mi resi conto che non ero l'unico a sentirmi così, ma anche che non c'era una conversazione su quell'aspetto dei corsi d'acqua sani. La conversazione verteva generalmente sui benefici economici ed ecologici di laghi, fiumi e oceani. Dato il mio background in economia ecologica, l'ho visto come un pezzo mancante della storia che stavamo raccontando sull'acqua. L'eliminazione di quella parte ha comportato una sottovalutazione dell'acqua in generale.

Greg: Tornando a quando eri un bambino e hai iniziato a trovare un po' di conforto nell'acqua, c'è stato qualcosa che ti è saltato in mente per farti stare da solo in acqua invece, diciamo, leggere un libro da solo nella tua stanza?

J: Sì. Ero un avido lettore. Passavo molto tempo nelle biblioteche e nella mia stanza a leggere. Ma ho scoperto che, in acqua, c'è più via di fuga, più chiarezza, meno distrazioni. Non mi sono mai descritto come antisociale, ma ero attratto dalla solitudine, dalla pace e dalla privacy di essere nell'acqua. Crescendo abbiamo avuto una piccola piscina con i bordi in vinile nel cortile sul retro, e io ci sono stato tutto il tempo. Mi sedevo sul fondo della piscina e trattenevo il respiro il più a lungo possibile, poi prendevo fiato e lo ripetevo. A quei tempi, non c'era davvero molta conversazione sull'apnea, ma ho ottenuto il brevetto subacqueo il prima possibile. Più tardi, per gli stessi motivi, mi sono divertito con il kayak in acque bianche e il kayak da mare.

Greg: Quindi stai arrivando all'acqua, all'isolamento e alla separazione dell'acqua dal punto di vista di un introverso. Gli estroversi cercano l'acqua allo stesso modo o cercano qualcosa di diverso?

J: C'è probabilmente un fascino universale in termini di chiarezza e ascolto dei propri pensieri. Sempre più spesso, il mondo non offre solitudine e privacy, e questo è difficile da trovare per molte persone. Direi che ci sono persone, specialmente le generazioni più giovani, che non hanno mai veramente sperimentato la solitudine o la privacy nelle loro vite. Anche un estroverso può trarre beneficio dal sentirsi pensare. E anche in un piccolo gruppo o in una conversazione con un'altra persona, c'è qualcosa che accade sull'acqua o vicino all'acqua o nell'acqua, che migliora l'esperienza. Se stai vivendo un'esperienza sociale e la porti in acqua, che si tratti di un incontro di lavoro o di una conversazione importante con un membro della famiglia o di una storia d'amore, c'è un miglioramento. Quindi, anche se il tuo desiderio è quello di non essere completamente solo, c'è un valore aggiunto dentro o vicino all'acqua. E questo non è esclusivo per gli introversi.

Scopri Blue Mind Il Best Seller del dottor Wallace Nichols 

[PRODOTTO_PH_5066]

Greg: Hai menzionato un "miglioramento" quando sei vicino all'acqua. Stai parlando di una connessione interpersonale più forte o di un focus più forte su chiunque abbia una relazione in quel momento?

J: Sì. Potrebbe essere lo scenario cliché della luna di miele, camminare su una spiaggia, ma anche qualcosa di semplice come sedersi vicino a una fontana in un ambiente urbano offre un senso di privacy perché il suono dell'acqua fa un ottimo lavoro nel mascherare la voce umana. Quindi, anche se sei in pubblico, puoi sentirti a vicenda, ma le persone che sono solo un po' più lontane non possono sentire la tua conversazione. L'acqua crea questo cono di privacy. E lo riconosciamo in modi sottili, ma non lo senti spesso dire in quel modo. Penso che il suono dell'acqua crei anche un senso di intimità e forse l'opportunità per un diverso tipo di conversazione. C'è una sorta di vulnerabilità. L'ho vissuto da papà con i miei figli adolescenti. Quando hanno iniziato a crescere e hanno iniziato a raccontarmi meno delle loro vite, abbiamo iniziato a passare più tempo seduti in una vasca idromassaggio alla fine di ogni giornata. E avrebbero parlato liberamente di tutto ciò di cui non mi avrebbero parlato sulla terraferma. C'è una certa dose di apertura, di relax, di comfort. È una diversa qualità della conversazione. Se mai mi viene chiesto un consiglio per i genitori, è quello che mi esce di bocca più spesso. E la gente dice: “Wow, è come per magia. Funziona veramente."

Greg: Sentendoti parlare dei benefici interpersonali di stare vicino all'acqua, posso immaginare di essere sulla spiaggia con mia moglie durante la nostra luna di miele, e posso immaginare di essere a una fontana in una città e sentirmi come se fosse una piccola oasi nel mezzo di un vivace ambiente urbano. Ma c'è qualche ricerca scientifica che supporta queste sensazioni?

J: C'è stata una quantità crescente di ricerche da quando ho iniziato a lavorarci. Era un sacco di punti di collegamento. C'è un'altra ricerca che girava intorno al bersaglio, per così dire. La maggior parte era su spazi verdi, che è ciò che gli psicologi chiamano piante. Quindi un prato, una foresta, ecc. Ma non c'era tanto sullo spazio blu, o sull'acqua. Le prime ricerche sugli spazi verdi sono chiare per i benefici per il benessere emotivo, l'aumento della felicità, lo stress ridotto, la ruminazione ridotta e hanno suggerito che i benefici terapeutici dello spazio verde erano migliori quando c'era acqua nelle vicinanze. Ma non era il fulcro della ricerca. Era un po' intessuto lì dentro, e dovevi tirarlo fuori. Più di recente, specialmente negli ultimi cinque anni, c'è stata un'accelerazione della ricerca sullo spazio blu. La ricerca più controllata viene condotta in luoghi come il Laureate Institute for Brain Research di Tulsa, in Oklahoma, che ha un'intera divisione di ricerca focalizzata sui disturbi d'ansia e sullo stress post-traumatico. Usano serbatoi galleggianti, che contengono acqua ipersalina all'incirca alla stessa temperatura del tuo corpo e ti consentono di galleggiare semplicemente sulla schiena senza luce e senza rumore. I ricercatori hanno scoperto che i disturbi d'ansia, lo stress post-traumatico e la depressione migliorano dopo aver trascorso del tempo in una vasca galleggiante. In generale, funziona bene o meglio di altre terapie. Per me, quella ricerca è una specie di estrema mente blu in quanto, normalmente, quando trascorri del tempo vicino all'acqua, non stai rimuovendo tutti gli input visivi o tutti gli input uditivi. Non stai galleggiando in un bagno caldo e controllato. Ma la ricerca è ancora utile, perché suggerisce che galleggiare in una camera d'aria su un lago di notte con un amico offre anche qualche beneficio emotivo. Ma in realtà, le esperienze che ognuno di noi ha con l'acqua forniscono alcune delle prove più forti. È più difficile da studiare in natura. Ma è abbastanza chiaro che sta succedendo qualcosa di utile. Penso che abbia anche a che fare con ciò che l'acqua preclude e toglie. Se sei in acqua, è probabile che tu non abbia portato il tuo laptop o il tuo smartphone. Si potrebbe obiettare che togliere gli schermi e la tecnologia e silenziare l'ambiente senza acqua farebbe la stessa cosa. Ebbene sì, certo. È solo che l'acqua lo fa davvero bene. Ho visto persone fare jogging con un telefono in faccia. È davvero difficile nuotare con un telefono in faccia. Non è davvero una buona idea essere completamente immersi in una vasca idromassaggio con un telefono in faccia.

Greg: Hai toccato molti dei benefici psicologici ed emotivi dell'essere dentro o vicino all'acqua. Ce ne sono altri che vuoi menzionare?

J: La maggior parte del lavoro storicamente è stato svolto sui benefici per la salute fisica dell'acqua. Ciò include idratazione e igiene, ma anche esercizio fisico. Soprattutto quando si invecchia e la gravità inizia a farsi sentire, l'esercizio in acqua è di supporto e aiuta a ridurre gli infortuni. Quindi prima di tutto viene in mente il nuoto o le passeggiate in piscina. Ma ci sono mille altre cose che puoi fare in acqua per fare esercizio. Stiamo vedendo sempre più il modello CrossFit spostarsi in piscina, con persone che portano in acqua vari tipi di attrezzature per esercizi, tra cui tapis roulant, cyclette, pesi, fasce di resistenza, e chi più ne ha più ne metta. È stato tutto impermeabilizzato e portato in acqua. C'è anche un miglioramento che accade quando muovi il tuo corpo vicino all'acqua, quando vai in bicicletta su un sentiero vicino alla spiaggia o fai una corsa intorno a un lago o uno stagno. Sento continuamente dalle persone come hanno un allenamento migliore e una sessione di allenamento più piacevole quando lo fanno dentro o vicino all'acqua. L'Università di Exeter Medical School sta facendo alcune delle migliori scienze interdisciplinari della "mente blu". I risultati della loro ricerca sono importanti, di ampio respiro e molto utili.

Greg: C'è una differenza di beneficio tra i corpi idrici naturali e quelli creati dall'uomo?

J: Lo descriverei come un continuum e cerco di essere ecumenico riguardo all'acqua. Ho le mie preferenze e incontro persone che hanno le loro preferenze e non sono uguali alle mie. Per me, prenderò qualsiasi tipo di acqua, ogni volta che posso ottenerla. Quindi, se sono a New York City e non posso raggiungere il fiume o la spiaggia, vado all'YMCA e nuoto o trovo una fontana dove sedermi e ne sarò abbastanza felice. Ma c'è un continuum nel fatto che una piccola vasca da bagno angusta non sarà la stessa cosa che stare in piedi vicino all'Oceano Pacifico. Direi che la qualità dell'acqua, la salute dell'acqua, sono importanti. L'espansività sembra giocare un ruolo. Ma anche le associazioni e la storia con l'acqua giocano un ruolo. Quindi un particolare lago nel Wisconsin che contiene molti ricordi positivi potrebbe essere la mente blu estrema di qualcuno, anche se potrebbe trovare bello un oceano tropicale. È complesso quando lo guardi attraverso la lente biologica, ma poi lo guardi attraverso la lente personale o culturale e diventa ancora più complicato. Quindi chiedo sempre a tutti, se sto parlando a un gruppo numeroso o se sto seduto accanto a qualcuno su un aereo, “Qual è la tua acqua? Qual è l'acqua di cui ti sei innamorato per la prima volta? Qual è l'acqua di cui sei innamorato oggi? Chi ti ha portato lì? Come ti sei sentito?" E poi, quando ci incontravamo nella stessa stanza, chiedevo alle persone di girarsi l'una verso l'altra e condividere una breve storia sulla sua acqua, qualunque fosse l'acqua a cui pensava prima, e poi ascoltare la storia dell'altra persona. Di solito, se inizi con quella risposta, non è così difficile spiegare il concetto di mente blu. Se provo a spiegarlo usando un esempio dell'acqua a cui tengo o che mi rende più felice, potrei non arrivare così lontano, ma se iniziamo con l'acqua a cui stai pensando, a cui vorresti poter andare in questo momento o hai davvero bisogno di andare quando sei super stressato, allora diventa molto più facile spiegare il concetto. Per alcune persone quella massa d'acqua potrebbe essere la loro doccia, potrebbe essere una vasca da bagno, potrebbe essere una piscina, potrebbe essere un ruscello, potrebbe essere uno stagno di una fattoria. Per alcune persone è acqua virtuale, quindi poesia o fotografia o un dipinto o una canzone. Qualunque cosa sia, non c'è una risposta sbagliata. Non vendiamo laghi. Promuoviamo un senso di benessere che ci connette maggiormente all'acqua.

Greg: Diresti che anche la vicinanza all'acqua è un continuum?

J: Quella domanda suggerisce problemi di accesso ed equità. È un argomento che salta fuori spesso, e c'è stato qualche respingimento. E se non sei abbastanza fortunato da avere accesso a una piscina o vivere sulla costa o vivere vicino a un Grande Lago? Si scopre che una percentuale molto ampia della popolazione mondiale ha una certa vicinanza all'acqua che sta sottoutilizzando in questo modo. Ma ci sono certamente questioni di accesso, equità, privatizzazione e razzismo. Inoltre, l'inquinamento dei corsi d'acqua preclude l'accesso. Se l'acqua ha un odore terribile e ha un brutto aspetto, non ha gli stessi benefici. Ma queste domande si collegano anche all'idea che, se dovessi ridisegnare le coste degli oceani e dei fiumi e dei laghi per massimizzare questi benefici, creeresti uno spazio pubblico vicino ai fiumi, intorno ai laghi e lungo gli oceani, sostenendo la terra privata dove le persone hanno case o appartamenti. Quelle aree private in prima fila sarebbero ancora un premio. Vallerebbero ancora di più, ma sarebbero dietro uno spazio blu pubblico, e questo offrirebbe più opportunità alle persone che vivevano a miglia di distanza dall'acqua di arrivarci e goderselo. L'Università di Exeter Medical School ha probabilmente svolto la migliore ricerca accademica su questo argomento. Hanno trovato aumenti misurabili della felicità nelle persone che si avvicinano all'acqua, tenendo conto degli altri fattori che potrebbero aumentare o diminuire la loro felicità, come il reddito o l'occupazione. Quando impari a nuotare, tre quarti del pianeta diventano disponibili, il che è una cosa piuttosto interessante.

Greg: E le persone che hanno un rapporto problematico con l'acqua, se hanno avuto un'esperienza traumatica in acqua o non hanno mai imparato a nuotare da bambini? Come possono accedere a quella mente blu?

J: Stai descrivendo mia madre. Durante la sua infanzia a Green Bay, nel Wisconsin, ha avuto due esperienze che avrebbe descritto come esperienze di pre-morte intorno all'acqua. Successivamente, non nuota e non metterà nemmeno la faccia nell'acqua se è in acqua. In genere, non vuole entrare in acqua. Le piace un margarita sul balcone del secondo piano con vista sull'acqua. Le piace la spiaggia, ma non vuole stare in acqua. Ero con lei e i miei figli alle Hawaii per l'anniversario dei miei genitori un anno, e il mio obiettivo era di entrare in acqua con lei entro la fine del nostro tempo insieme lì. Ho dovuto avvicinarmi dolcemente e con attenzione e lentamente. Le ho detto che saremmo stati solo io e le mie due figlie e non i figli di mio fratello, di cui non si fidava per non schiacciarla. Quindi abbiamo pianificato il momento e siamo andati là fuori e l'abbiamo convinta a galleggiare sulla schiena con noi tre a sostenerla. E le abbiamo detto che non l'avremmo inzuppata e che non avremmo lasciato che l'acqua le toccasse il viso. E devo dire che è stata la cosa più rilassata che l'abbia mai vista in vita mia. A quel tempo, la salute di mio padre stava peggiorando (è morto). Era su una sedia a rotelle e viaggiare era stressante. Tutto era stressante per lei in quel momento. Preoccuparsi per la sua salute e logistica, e cose semplici come salire su un aereo erano complicate. Ma stava semplicemente galleggiando con gli occhi chiusi sulla schiena nell'acqua. Riconosco quanto sia stato difficile per lei raggiungere quel punto, ma anche che ha passato la vita incapace di godersela, e sarebbe stato bello se avesse avuto quelle opportunità. Stava piangendo per questo. Mia figlia, sua nipote, ha detto: "Perché piangi, nonna?" E lei ha detto: "Non sapevo quanto fosse bello". Alcune persone possono avere livelli di paura, sia per non aver imparato a nuotare o per sentirsi dire che l'acqua è pericolosa. E ci sono alcuni aspetti culturali e razziali in questo che vengono trasmessi nelle famiglie che sono superabili. Non sono permanenti. Non saper nuotare non è una condizione permanente. E molte persone, più avanti nella vita, hanno deciso, questo è ridicolo, questa paura dell'acqua o di non saper nuotare, e l'hanno affrontata con successo.

Per ulteriori informazioni sul lavoro di J sulla mente blu e sui numerosi vantaggi di stare vicino all'acqua, dai un'occhiata al suo libro Blue Mind e visita il suo sito web wallacejnichols.org .

[PRODOTTO_PH_5066] 


Redazione Web Macro
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli... Leggi la biografia
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli spaziano su tutti i principali argomenti che Macro divulga con passione dal 1987. Il meglio per il benessere di Corpo, Mente e Spirito raccontato da coloro che vedono nascere quotidianamente i... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Scienza e Conoscenza N.74 - La risonanza nei sistemi viventi
Omaggio Scienza e Conoscenza N.74 - La risonanza nei sistemi viventi

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Scienza e Conoscenza N.74 - La risonanza nei sistemi viventi