Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Alimentazione e Diete

Rocco Palmisano al Sana: “È la Natura a chiederci di alcalinizzare il nostro corpo”

Alimentazione e Diete

Rocco Palmisano al Sana: “È la Natura a chiederci di alcalinizzare il nostro corpo”

Alimentazione e Diete

Rocco Palmisano al Sana: “È la Natura a chiederci di alcalinizzare il nostro corpo”

Alcalinizzare: un'azione un po' difficile da pronunciare ma importantissima da fare per la nostra salute. Ce lo spiegherà bene Rocco Palmisano (medico e naturopata) al Sana di Bologna.


Redazione Web Macro

Alcalinizzare: un'azione un po' difficile da pronunciare ma importantissima da fare per la nostra salute. Ce lo spiegherà bene Rocco Palmisano (medico e naturopata) al Sana di Bologna, a cui parteciperà martedì 9 settembre, dalle 10.45 alle 11.45, presso lo stand del Gruppo Macro. Ecco quanto ci ha anticipato.

Perché è importante rendere alcalino il proprio corpo?

Alcalinizzare il corpo è una necessità biologica determinata dalla Natura tant'è che quando la placenta ed il liquido amniotico superano un certo livello di acidità, il feto va in sofferenza fino a nascere addirittura morto. Ben lo sanno i ginecologi!

L'acidità del sangue è incompatibile con la vita dell'organismo; il pH ottimale del sangue deve essere 7,365. La prima conseguenza dell'abbassamento del pH sanguigno è la coagulazione del sangue con il grave rischio di rallentamento circolatorio, di ictus ed infarto.

Inoltre, l'acidità cronica del sangue provoca l'acidità dei fluidi del connettivo ossia del liquido di base in cui galleggiano tutte le cellule dell'organismo determinando disfunzione e degenerazione tissutale ed organica, proprio come l'aceto intenerisce le fibre della carne o delle verdure. Ed ancora, l'acidità produce infiammazione con relativa sintomatologia dolorosa che normalmente la gente combatte con farmaci antinfiammatori che, a loro volta, aumentano l'acidità.

Come si può arrivare a valutare la propria condizione alcalino/acida?

Il corpo umano è stato progettato dalla Natura per funzionare in stato di salute, di benessere, di felicità. Ogni sensazione che non provochi felicità e benessere è sintomo di mediocre o cattivo stato di salute. Poiché lo stato di salute, benessere e felicità è correlato alla condizione alcalina del corpo, il metro più semplice e più economico di valutazione del proprio stato di salute, pertanto, è osservare le sensazioni di piacere nella vita quotidiana.

Per fare qualche esempio, se siamo pervasi da sensazioni di pessimismo, negatività nei confronti della vita e della società, sicuramente non siamo in uno stato alcalino, quindi, di salute. Se siamo depressi o siamo confusi, senza uno scopo nella vita, vuol dire che non siamo in uno stato alcalino e, quindi, siamo lontani dallo stato ottimale di salute.

Se abbiamo bruciori di stomaco, difficoltà digestive, problemi intestinali, dolori articolari, difficoltà di recupero dopo l'attività fisica, o qualsiasi altro sintomo chiamato dalla medicina “malattia”, ancora una volta non siamo in uno stato alcalino e, quindi, lontani da quello stato ideale di salute, benessere e felicità previsto da Madre Natura per noi.

Vieni a sentire Rocco Palmisano al Sana di Bologna martedì 9 settembre.


Redazione Web Macro
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli... Leggi la biografia
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli spaziano su tutti i principali argomenti che Macro divulga con passione dal 1987. Il meglio per il benessere di Corpo, Mente e Spirito raccontato da coloro che vedono nascere quotidianamente i... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto