Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Vivere Ecologico

Shampoo solido, ideale per i viaggi: come prepararlo a casa

Vivere Ecologico

Shampoo solido, ideale per i viaggi: come prepararlo a casa

Vivere Ecologico

Shampoo solido, ideale per i viaggi: come prepararlo a casa
4 condivisioni

Lo shampoo solido è perfetto per chi viaggia. Esteticamente ricorda la classica saponetta ma la sua composizione è diversa. I vantaggi nell'utilizzare questo prodotto sono tanti e proprio per questo motivo sempre più persone decidono di adoperarlo nella vita di tutti i giorni, non solo nei periodi di vacanza. Lo shampoo solido occupa poco spazio, permette di risparmiare sull'imballaggio, non ci sono conservanti e può essere usato per un numero superiore di lavaggi rispetto a quello liquido. Si usa poi come una normale saponetta per le mani. Dovete scioglierlo un po' sulle mani inumidite (senza esagerare), applicatelo poi sui capelli bagnati e insaponateli come siete soliti fare. Dopo risciacquate con acqua.


Redazione ViverSano.net

Lo shampoo solido è perfetto per chi viaggia. Esteticamente ricorda la classica saponetta ma la sua composizione è diversa.

I vantaggi nell'utilizzare questo prodotto sono tanti e proprio per questo motivo sempre più persone decidono di adoperarlo nella vita di tutti i giorni, non solo nei periodi di vacanza.

Lo shampoo solido occupa poco spazio, permette di risparmiare sull'imballaggio, non ci sono conservanti e può essere usato per un numero superiore di lavaggi rispetto a quello liquido.

Si usa poi come una normale saponetta per le mani. Dovete scioglierlo un po' sulle mani inumidite (senza esagerare), applicatelo poi sui capelli bagnati e insaponateli come siete soliti fare. Dopo risciacquate con acqua.

Frutta e verdura per la cosmesi fa-da-te

 

 

Qual è la differenza tra la saponetta lo shampoo solido?

Esteticamente uguali ma realizzati grazie all'uso di prodotti molto diversi. Il sapone per mani e corpo deve avere un pH basico, così che risulti adatto al lavaggio e la pulizia della pelle. Viene preparato grazie alla soda caustica sciolta in acqua insieme ad altri grassi. Possono poi essere aggiunti profumi naturali e spezie per rendere la saponetta della giusta fragranza e colore.

Probabilmente sarà capitato anche a voi di usare il sapone per il corpo per lavare i capelli, quando lo shampoo era finito. Avrete notato sicuramente come i capelli risultassero sfibrati e nodosi. La colpa è del pH alcalino non idoneo per i nostri capelli.

Lo shampoo solido, che potete prepare in casa, non aggredisce i capelli perché vengono utilizzati tensioattivi ottenuti dall'olio di cocco i quali offrono un pH più adatto, circa 5.5.

Lo shampoo ha così un'azione emulsionante e detergente, fa si che il sebo possa essere disperso in acqua. I capelli vengono perciò puliti da polvere, sudore, forfora etc.

Lo shampoo (solido, in polvere o liquido non fa differenza) pulisce senza seccare i capelli. Preparandolo in casa potete aggiungere i burri che preferite per nutrire i capelli, lo stesso vale per i vari oli.

7 utilizzi dell'olio di macadamia per pelle e capelli

Per colorarli o profumarli analogamente alle saponette potete aggiungere delle fragranze o coloranti naturali.

Come preparare lo shampoo solido in casa

Preparare lo shampoo in casa vi permette di realizzare qualcosa di ecologico e bello da regalare ad amici e parenti.

E' anche il modo migliore per controllare gli ingredienti! Purtroppo esistono vari shampoo dalla formulazione scadente, questo si traduce in un'azione aggressiva e dannosa.

Come prima cosa acquistate gli ingredienti. Avete bisogno dell'olio di cocco (30 cl) per la sua consistenza e l'alto potere lavante. Usate anche l'olio di oliva (30 cl) e quello di ricino (20 cl) e aggiungete del sego. Visto che si tratta di grasso animale se preferite potete sostituirlo con l'olio di palma (30cl). Servono anche acqua distillata e soda caustica nelle rispettive dosi di 35 cl e 15 cl. Adesso non vi resta che scegliere gli oli essenziali che preferite così da renderlo bello profumato.

Munitevi di tutti gli strumenti protettivi come occhiali e guanti. La soda caustica va maneggiata con cura, dovete proteggere la pelle, gli occhi e l'apparato respiratorio con le mascherine idonee. Mettete l'acqua in un recipiente e lentamente aggiungere la soda caustica.

Quando diventa molto caldo e reagiscono lasciate raffreddare. Deve arrivare a circa 45 gradi. Nel frattempo lavorate gli oli e scaldateli. Quando anche loro hanno raggiunto la stessa temperatura unite acqua e soda caustica agli oli per 10 minuti con il frullatore a immersione. Concludete aggiungendo gli oli profumati.

Mettete il prodotto nelle formine e copritele, lasciatele così per 24 ore. Rimuovete lo shampoo dalle formine e lasciatelo in un luogo ventilato per un mese prima di utilizzarlo. Se desiderate conferire un colore particolare al vostro shampoo solido, magari in vista di qualche regalo, potete acquistare i coloranti naturali.

Potete sostituire l'olio di oliva con molti altri prodotti, potete decidere di usare ad esempio l'olio di argan o quello di neem.

Scritto da Claudia Lemmi per ViverSano.net

Leggi gli altri articoli scritti dalla Redazione di Viversano:

Carote e abbronzatura: proprietà per la pelle e 3 idee per assumerle in estate
Olio di cocco per ridurre il senso di fame: come produrlo a casa
Flora microbica intestinale: le cause dello squilibrio del microbiota intestinale
7 benefici del mango
5 tisane bruciagrassi

         

Vuoi altre idee di autoproduzione per pelle e capelli?


Redazione ViverSano.net
ViverSano.net è un sito dedicato al benessere naturale, alla sana alimentazione e alle cure naturali. Collaboriamo con esperti nutrizionisti,... Leggi la biografia
ViverSano.net è un sito dedicato al benessere naturale, alla sana alimentazione e alle cure naturali. Collaboriamo con esperti nutrizionisti, naturopati, erboristi e foodblogger, con lo scopo di diffondere anche nel nostro Paese la cultura del "Vivere-Sano", spesso sottovalutata e poco considerata. Semplici azioni quotidiane come una sana... Leggi la biografia

4 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Scienza e Conoscenza N.74 - La risonanza nei sistemi viventi
Omaggio Scienza e Conoscenza N.74 - La risonanza nei sistemi viventi

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Scienza e Conoscenza N.74 - La risonanza nei sistemi viventi