Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Spiritualità

Singolarità Spazio-Temporale. La morte non è necessaria

Spiritualità

Singolarità Spazio-Temporale. La morte non è necessaria

Spiritualità

Singolarità Spazio-Temporale. La morte non è necessaria

Che cos’è la morte e perché moriamo? La morte ha una spiegazione scientifica? È stata dimostrata la sua ineluttabilità? Esiste realmente la morte? La Risurrezione e la Vita Eterna promesse da Gesù Cristo hanno qualche corrispondenza nelle evidenze scientifiche ed esiste una minima probabilità di essere raggiunte e sperimentate nei nostri tempi a larga scala? Ecco alcune delle domande sul fenomeno chiamato “morte”, ancora in attesa di ricevere delle risposte “scientifiche”.

di Elena Sanda Chira, autrice del libro Amen La Nuova Umantà: Una Teoria del Tutto. 


Redazione Web Macro

Il concetto di morte è collegato al concetto di singolarità spazio-temporale e quest’ultimo viene messo in corrispondenza con una grande varietà di fenomeni nei campi più diversi della conoscenza umana: fisica, tecnologia, matematica, biologia, sociologia, psicologia ecc. I fenomeni considerati “singolari” hanno in comune il fatto che piccole variazioni di una grandezza che caratterizza il fenomeno possono causare variazioni illimitatamente grandi o anche vere e proprie discontinuità in altre grandezze.

In termini matematici, la singolarità viene descritta più o meno così: avvicinandosi al punto singolare il comportamento di un sistema non può più essere descritto accuratamente con equazioni lineari e spesso nelle soluzioni delle equazioni linearizzate compare a denominatore un termine che si avvicina sempre più a zero, facendo perciò crescere illimitatamente il valore di altre grandezze implicate.

Nel 1873, il fisico James Clerk Maxwell osservò che tutti i sistemi, fisici o sociali, hanno una enorme quantità di energia potenziale che viene rilasciata soltanto quando un parametro raggiunge un valore critico. Per meglio illustrare il concetto di singolarità, Maxwell da come esempio una roccia spinta pian-piano sull’orlo di un burrone. Ad un certo punto lo stato di quiete si trasforma in uno stato molto dinamico in seguito a un’ultima spinta quasi impercettibile. Nei sistemi dinamici il verificarsi di una singolarità coincide con la perdita della stabilità del sistema. Maxwell afferma che in ogni tipo di sistema, fisico, economico, sociologico, quando esso si avvicina alla singolarità diventa impossibile predire la sua evoluzione, in quanto il principio deterministico di causa-effetto non rispetta più la regola che cause simili producono effetti simili. Infatti, insignificanti variazioni delle condizioni di partenza producono enormi cambiamenti, generalmente irreversibili, lungo il percorso. A volte, nell’avvicinarsi alla singolarità si osservano fenomeni di grande portata, governati da leggi non lineari, che sotto l’influenza delle fluttuazioni quantistiche, risultano instabili.

Queste leggi non lineari governano anche lo sviluppo della vita in tutte le sue fasi, inclusa la comparsa dell’essere umano, che sembra anche esso un processo discontinuo, avvenuto per salti attraverso mutazioni che possono essere considerate vere e proprie singolarità. Nell’ambito sociale le singolarità possono avvenire improvvisamente soltanto se è stata raggiunta una soglia di non ritorno, quando una parola o un gesto o un insignificante evento fa scoppiare una guerra, provocando una reazione a catena difficile da prevedere e tanto meno da fermare.

Il collasso delle civiltà antiche si presume che sia stato causato dalla mancanza di soluzioni per un sistema diventato complesso oltre la soglia di sostenimento. Il presentarsi di una situazione di singolarità è tanto più probabile quanto più complesso è il sistema, che diventa così pesante da non riuscire più a sostenere il proprio carico e avviene l’implosione.

Nel contesto del libro Amen la Nuova Umanità: Una Teoria del Tutto, si espone l’idea che ogni salto quantico o passaggio da una dimensione inferiore a un’altra superiore avviene attraverso una singolarità. L’universo nella sua interezza (come ogni suo singolo modulo esistenziale, stelle, galassie, esseri viventi, cellule o atomi) non ha una evoluzione lineare, ma si sviluppa attraverso alternanze di crescite e decrescite, segnate da periodiche singolarità. Il movimento naturale di crescita dell’universo chiamato qui moto e riposo, fa sì che nell’estremità alta della toroide si produca un fenomeno chiamato implosione (che visto da fuori potrebbe assomigliare a un big crunch o buco nero che risucchia dentro la materia), mentre dall’estremità bassa si osserverebbe una fuoriuscita di materia ed energia (che potrebbe sembrare un big bang o esplosione).

Però, siccome l’universo normalmente non si può osservare da fuori, e l’osservatore essere umano lo guarda da dentro, vede tutto al contrario: quello che osservato da fuori sarebbe un’implosione, osservato da dentro risulta esplosione e viceversa. Comunque, la singolarità si verifica in tutte due le estremità. Il tunnel centrale della toroide in tutta la sua lunghezza si comporta come un cunicolo spazio-temporale che assicura il collegamento tra diverse dimensioni, man mano che vengono create.

Per quanto riguarda il singolo individuo, quello che chiamiamo “morte” è soltanto un’implosione o collasso gravitazionale che segna l’inizio di un passaggio evolutivo. Nel suo libro Implosione, il fisico Dan Winter spiega come “morire con successo”.

Nel libro Amen la Nuova Umanità si prova a fare un passo in avanti: comprendere i sacri misteri della vita (che sono gli stessi principi di funzionamento della realtà recentemente scoperti dalla fisica quantistica), e sperimentare il passaggio attraverso la morte pur mantenendo il corpo fisico in vita.

L’immortalità fa parte della natura umana e l’evoluzione ci porta in questa direzione. Gesù Cristo, con la sua discesa e ascesa, ha creato un precedente e ci ha insegnato come trascendere la morte, entrare in una nuova zona di coscienza e acquisire l’immortalità.

Gesù disse: “Quanto a voi, quando cercate la morte, essa vi insegnerà sull’esser scelti. In verità vi dico, non uno che tema la morte sarà salvato…Fatevi migliori di me, siate come figli dello spirito santo”. (Libro Segreto di Giacomo)

 


Redazione Web Macro
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli... Leggi la biografia
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli spaziano su tutti i principali argomenti che Macro divulga con passione dal 1987. Il meglio per il benessere di Corpo, Mente e Spirito raccontato da coloro che vedono nascere quotidianamente i... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Macro Almanacco - Marzo 2024
Omaggio Macro Almanacco - Marzo 2024

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Macro Almanacco - Marzo 2024