Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Salute e Benessere

Come fare il planning giornaliero per sfruttare le abilità del ciclo

Salute e Benessere

Come fare il planning giornaliero per sfruttare le abilità del ciclo

Salute e Benessere

Come fare il planning giornaliero per sfruttare le abilità del ciclo

Hai mai fatto caso al tuo umore, alle abilità e al tuo carattere nel corso di un mese? Siamo abituate a pensare che i cambiamenti di umore siano legati alla settimana del ciclo mestruale, come se fossimo sulle montagne russe in quei 5-6 giorni per poi sperimentare il piattume quotidiano.

Ma se ci fai caso, ti accorgi che in un mese lunare, che corrisponde a un intero ciclo mestruale, non solo cambia il nostro umore ma cambiano anche le nostre abilità, i nostri desideri e il modo in cui ci rapportiamo con il mondo.

Miranda Gray, autrice di due best seller che tutte le donne dovrebbero leggere e mettere in pratica, Luna Rossa e Luna Rossa in Ufficio, dopo aver illustrato le 4 fasi che sperimentiamo durante il ciclo mestruale, ci insegna come fare un planning per poter approfittare al meglio delle nostre abilità e realizzarci nella vita personale e professionale.


Romina Rossi

ACQUISTA I LIBRI DI MIRANDA GRAY

 

Perché fare un planning

Le nostre abilità cambiano nel corso di un mese lunare. Se hai letto gli articoli precedenti, probabilmente saprai che ogni fase ha la sua caratteristica durante la quale possiamo sfruttare certe nostre competenze e tenerne da parte altre. Ecco un breve riassunto delle 4 fasi del ciclo:

  1. FASE RIFLESSIVA (giorni 1-6 del ciclo): è la fase in cui siamo maggiormente distaccate, per questo può essere più facile perdonare chi ci ha fatto dei torti, grazie alla visione d’insieme di cui disponiamo in questi giorni. L’energia è bassa ma non manca il senso di orientamento verso le cose importanti della vita. È la fase ideale per focalizzarci sui principi davvero importanti e impegnarci per sostenere i cambiamenti che vogliamo mettere in atto nella nostra vita.



  2. FASE DINAMICA (giorni 7-13 del ciclo): disponiamo di maggiore concentrazione, attenzione ai dettagli e motivazione personale. L’energia è al massimo e possiamo pianificare contando su un pensiero logico e strutturato. È il momento ideale per programmare e dare avvio ai progetti che vogliamo realizzare.



  3. FASE ESPRESSIVA (giorni 14-20 del ciclo): siamo più orientate verso gli altri, abbiamo empatia e siamo in grado di prenderci cura delle nostre relazioni, personali o professionali. Questa è la fase sicuramente produttiva, che si caratterizza per una buona forza emotiva. Se ci sono dei problemi nella relazione con gli altri è bene affrontarli in questi giorni, così come costruire nuove relazioni basate sulle emozioni.



  4. FASE CREATIVA (giorni 21-28 del ciclo): come dice il nome diventiamo più creative, intuitive, siamo in grado di trovare la soluzione ai problemi e di cambiare quello che non va bene. L’energia diminuisce e possiamo provare anche frustrazione. È la fase ideale per fare pulizia di tutto ciò che ci intralcia, riorganizzare gli ambiti della nostra vita che ne hanno bisogno e focalizzarci sul risultato che vogliamo ottenere.

Il planning si basa proprio sulle abilità cicliche che ognuna di noi dispone ogni mese. Spiega Miranda Gray che: “Il planning giornaliero di Luna Rossa in Ufficio è stato progettato per renderci consapevoli della nostra natura ciclica, per aiutarci a capire più profondamente le esperienze specifiche di ogni fase, per scoprire dei modi che aumentino il nostro potere personale e per applicare in maniera pratica la conoscenza e le abilità amplificate alla nostra vita.

Utilizzando il planning abbiamo la possibilità di scoprire ogni periodo ottimale e utilizzare le sue abilità associate che aumentano il nostro potere personale, per creare cambiamenti influenti e dinamici per la nostra vita”.

Usare il planning giornaliero può cambiare radicalmente il modo in cui vediamo le nostre abilità, permettendoci di andare oltre le limitazioni che percepiamo.

I nostri cicli diventano una potente sorgente di meravigliose abilità e di opportunità, che possiamo applicare alle cose che dobbiamo fare e che possiamo usare attivamente per eccellere e creare il successo e la realizzazione che desideriamo. Annotare sulla nostra personale agenda cosa viviamo giorno per giorno ci aiuta infatti a:

  • comprendere il potenziale delle opportunità di ogni fase;
  • usare al meglio le energie fisiche;
  • programmare la nostra vita per poter realizzare i nostri desideri;
  • attuare strategie quando le circostanze non sono favorevoli al nostro periodo ottimale.

La consapevolezza e la maggiore conoscenza di noi stesse, in breve tempo, ci permette non solo di godere di maggiore benessere, accrescendo la nostra fiducia e l’autostima, ma anche di realizzare i nostri obiettivi, quelli a cui teniamo davvero, lasciando perdere quelli che ci fanno solo perdere tempo e, infine, di migliorare il nostro lavoro, riuscendo a essere più efficaci. Tutte queste abilità possono darci l’opportunità di avanzare nella nostra carriera, qualunque essa sia.

 

 

Una cartina tornasole

Mano a mano che il planning viene compilato ci permette di:

  • confrontare le esperienze che sperimentiamo in ogni fase: in questo modo possiamo renderci conto di quali sono le abilità che possiamo sfruttare in quella particolare settimana al fine di diventare consapevoli dei nostri cambiamenti. Racconta la Gray che: “Mentre usano il planning, molte donne amano tenere un diario per annotare le loro esperienze e per scrivere se le azioni giornaliere suggerite sono adatte alle loro abilità. È anche vero che nella vita, con i nostri mille impegni di lavoro, non abbiamo sempre il tempo di tenere un diario; perciò alla fine di ogni periodo ottimale ho lasciato una pagina vuota riassuntiva dove potete registrare velocemente le vostre esperienze. Questi riassunti aiutano non solo a identificare le esperienze specifiche di ogni periodo ottimale, ma alla fine del ciclo ci aiutano a confrontare più facilmente le nostre abilità attraverso tutti e quattro i periodi ottimali. Tenendo una traccia scritta scopriremo i tipi di abilità amplificate che viviamo in ogni periodo ottimale, e potremo usare queste informazioni per pianificare i compiti da svolgere e assicurarci che faremo il miglior uso possibile delle nostre abilità amplificate”;
  • prendere nota di ciò che ci riesce meglio: le cose che non riusciamo a fare in una determinata fase sono delle spie importantissime che indicano quali abilità possiamo sfruttare al meglio per eccellere e raggiungere i nostri obiettivi. Piuttosto che demoralizzarti cerca di rallegrarti per le abilità che puoi sfruttare in ogni fase;
  • rendersi conto dei cambiamenti: lungi dall’essere immutabili, cambiamo fisicamente ed emotivamente settimana dopo settimana, influenzando anche le capacità che abbiamo.

Comincia da dove sei

Anche se il momento ottimale per inizare il planning è il giorno 7 del ciclo, che corrisponde all’inizio della fase dinamica, la Gray nel suo libro suggerisce di cominciare guardando la pagina relativa al numero del giorno del ciclo in cui sei. Ricordati che il giorno numero 1 corrisponde al primo giorno delle mestruazioni.

“Una volta che avrai utilizzato il planning – continua la Gray – il tuo modo di pensare a te stessa e alla tua vita cambierà! Anche la relazione con il tuo ciclo cambierà e non vedrai l’ora che arrivi ogni fase, per gli strumenti e le risorse potenti che ti aspettano in ognuna”.

Tutte le donne in età fertile – ma anche quelle già in menopausa – possono usare il planning, anche se il ciclo non è regolare, ed è più lungo o più corto di 28 giorni. In questi casi probabilmente passerai da un periodo ottimale all’altro in un giorno diverso da quello segnato sul planning.

Un buon modo per capire in quale fase ti trovi è di comprendere se le azioni suggerite si adattano alle tue abilità e alle sensazioni del momento attuale. Se non è così, guarda un po’ più avanti nel planning o torna indietro di un paio di giorni per trovare un’azione che ti sembri più adatta. È normale anche che le abilità che hai non si adattino al planning: il ciclo non è standard perché ognuna di noi è unica.

Ma si legge in Luna Rossa in Ufficio: “L’idea di questo libro è aiutarti a diventare consapevole del tuo ciclo personale e delle tue abilità, e trovare maniere pratiche per usare queste abilità nei tuoi periodi ottimali. Il mio consiglio è quello di sperimentare, usando il planning come un modo per scoprire il tuo ciclo personale. Se scopri che la tua fase creativa dura due settimane, puoi fermarti due giorni su ogni azione giornaliera invece che uno.

Se la tua fase riflessiva dura solo tre giorni, puoi iniziare prima la fase dinamica. Mano a mano che impari a conoscere il tuo ciclo personale e le sue abilità, inizierai a essere più consapevole di quando i cambiamenti avvengono e a sapere come trarre il massimo vantaggio dai tuoi periodi ottimali”.

Il planning in definitiva è uno strumento che ci permette di conoscere noi stesse e il nostro corpo e i suoi complicati meccanismi. Sfruttando le nostre capacità innate possiamo davvero migliorare la nostra vita in meglio.

OTTIENI IL MASSIMO DA OGNI FASE DEL CICLO MESTRUALE
CON I LIBRI DI MIRANDA GRAY


Romina Rossi
Giornalista freelance e web writer, collabora con la rivista “Vivi Consapevole” e diversi siti web, occupandosi prevalentemente di medicina... Leggi la biografia
Giornalista freelance e web writer, collabora con la rivista “Vivi Consapevole” e diversi siti web, occupandosi prevalentemente di medicina naturale, benessere olistico e tecniche naturali di guargione.L’amore per la Natura e la curiosità di capire i complicati e delicati meccanismi di funzionamento dell’uomo, la portano a intraprendere... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto