Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
Benessere e conoscenza dal 1987
Home / Blog / Crescita Personale

Come riconoscere una richiesta di perdono autentica e genuina?

Crescita Personale

Come riconoscere una richiesta di perdono autentica e genuina?

Crescita Personale

Come riconoscere una richiesta di perdono autentica e genuina?

Il perdono è in grado di modificare profondamente la struttura della realtà, della vita, delle emozioni e dei pensieri, sia nostri che delle persone che ci circondano. Quindi perdonare chi ci ha ferito è profondamente importante.

Ma come possiamo riconoscere chi davvero chiede il nostro perdono da chi si vuole solo approfittare? Ce lo spiega Daniel Lumera, autore del best seller "I 7 Passi del Perdono", il libro che sta rivoluzionando l’esperienza del perdono nella vita di decine di migliaia di persone. 


Daniel Lumera

 

Una richiesta di perdono autentica è riconoscibile dalla luce presente negli occhi della persona che la sta formulando, sempre che si sia in grado di vederla.

È un condizione di purezza di cuore molto profonda e autentica. La persona che sta formulando la richiesta è passata attraverso un processo di trasformazione e di liberazione interiore, che ha di fatto tramutato tutte le emozioni pesanti presenti nel suo essere: rifiuto, rabbia, paura, rancore, colpa, risentimento, impotenza. Dopo averle ascoltate una ad una, toccate, accolte e ringraziate, ha trasformato i propri demoni in virtù e in opportunità: pazienza, costanza, gratitudine, accoglienza, amore, ascolto, comprensione e inclusione.

Chi ha il coraggio di chiedere perdono ha imparato ad ascoltare se stesso grazie all’altro. La persona ferita, alla quale si desidera chiedere perdono, diviene quindi un mezzo attraverso cui ascoltare se stessi, accarezzando e accogliendo le proprie ombre. Solo dopo essere scesi nell’inferno di se stessi e aver affrontato e trasformato i propri demoni, saremo pronti a chiedere perdono in maniera autentica, arrivando al cuore di chi abbiamo ferito. È una richiesta che libera e chi la riceve se ne accorge immediatamente.

Il torto o la sofferenza causate passano in secondo piano: è come si è stati in grado di gestire l’accaduto a fare la differenza. Chi riesce a coltivare virtù grazie a un evento spiacevole, si renderà conto che la gratitudine che ne deriva è vera e profonda; ha recuperato potere personale, perché indipendentemente dalle proprie colpe, ha scelto l’amore, una scelta di grande coraggio. Si torna così in uno stato di integrità, non si è più sfregiati da sentimenti pesanti e negativi.

RICEVI 3 ESTRATTI OMAGGIO DEL LIBRO
"I 7 PASSI DEL PERDONO"

 

Nella nostra esistenza dobbiamo affrontare tante sofferenze e prove, dunque perché complicarci ulteriormente la vita? Scegliamo l’amore. È un cammino necessario per mantenere alta la qualità della nostra vita.

Esistono ovviamente forme di falso perdono. Qualcuno perdona per sentirsi superiore all’altro, per altri perdonare equivale a dimenticare, altri ancora lo fanno per cercare di lavarsi via il senso di colpa.

Una vera richiesta di perdono apre il cuore, eleva lo spirito e conduce ad una dimensione di pace.

SCOPRI IL LIBRO PER IMPARARE A PERDONARE

 

COME SI CHIEDE PERDONO?

 

 Chi è Daniel Lumera


ISF International School of Forgiveness
La International School of Forgiveness è stata ideata e fondata da Daniel Lumera e da una équipe di professionisti tra cui filosofi, psicologi,... Leggi la biografia
La International School of Forgiveness è stata ideata e fondata da Daniel Lumera e da una équipe di professionisti tra cui filosofi, psicologi, medici e riconosciuti docenti di fama internazionale. L’intenzione è trasmettere informazioni che permettano di sperimentare l’impatto profondo del perdono sugli individui, nelle relazioni, nei... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto