Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza
Home / Blog / Alimentazione e Diete

Come battere l’emicrania: ecco i cibi giusti e quelli “a rischio”

Alimentazione e Diete

Come battere l’emicrania: ecco i cibi giusti e quelli “a rischio”

Alimentazione e Diete

Come battere l’emicrania: ecco i cibi giusti e quelli “a rischio”
40 condivisioni

“Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo”: così diceva Ippocrate. A questa frase si potrebbe aggiungerne un’altra, altrettanto famosa e veritiera, ovvero: “Noi siamo quello che mangiamo”. Dobbiamo riconoscerlo: a tavola si “gioca” una buona parte del nostro destino visto che per l’Uomo il cibo non è mai stato solo una soddisfazione di un bisogno primario ma anche e soprattutto un atto, più o meno consapevole, per mantenerci in salute, fisica e mentale.


Redazione Web Macro

“Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo”: così diceva Ippocrate. A questa frase si potrebbe aggiungerne un’altra, altrettanto famosa e veritiera, ovvero: “Noi siamo quello che mangiamo”. Dobbiamo riconoscerlo: a tavola si “gioca” una buona parte del nostro destino visto che per l’Uomo il cibo non è mai stato solo una soddisfazione di un bisogno primario ma anche e soprattutto un atto, più o meno consapevole, per mantenerci in salute, fisica e mentale.

Dal cibo (anche se ovviamente non solo da esso) possono provenire i nostri malanni ma non apprezziamo mai abbastanza che, al contrario, dal cibo possono venire anche tantissimi benefici. E per questo non c’è che l’imbarazzo della scelta. L’emicrania, per esempio. Un disturbo molto diffuso che potrebbe essere alleviato, se non fatto sparire, mantenendo alta la guardia contro un certo tipo di alimentazione.

La lista “nera” da evitare

L’intolleranza ad alcuni cibi, infatti, può provocare l’emicrania.

Sono stati individuati gli alimenti a rischio e quelli sicuri. Spetta a noi fare le necessarie verifiche: non è poi così difficile. La stessa comunità scientifica riconosce che l’emicrania può essere scatenata da alcuni cibi. È un’eventualità piuttosto frequente. Inoltre, alcuni nutrienti presenti negli alimenti, o contenuti negli integratori, possono proteggere dalla crisi emicranica.

I più a rischio sono cioccolato, latte e latticini, la carne e le uova. A questi vanno aggiunti l’alcol, il glutammato presente nei dadi da cucina e l’aspartame. Molto dipende dalla predisposizione individuale. Alcune persone che soffrono di emicrania possono essere sensibili a più di un alimento. Ma come possono essere identificati? Un metodo “classico” consiste nella dieta di eliminazione. Serve un po’ di buona volontà ma può valere la pena.

Caso tipico è quello dell’emicrania durante il periodo delle mestruazioni: in questo caso, l’assetto ormonale può rendere più vulnerabili al dolore e può bastare una piccolissima quantità del cibo incriminato per scatenare l’attacco. Alcuni alimenti, assunti ai primi segni di mal di testa, possono dare il loro contributo nell’alleviare il dolore. Questo è vero soprattutto in estate quando l’eccessiva sudorazione determina la perdita di liquidi e di alcuni minerali. Sappiamo, infatti, che sia la disidratazione, sia la deficienza di magnesio e altri minerali, concorrono allo scatenamento della cefalea

Qualche consiglio utile

Bisogna puntare su alimenti ricchi d’acqua come la frutta matura e bere molta acqua. Scegliere alimenti con un elevato contenuto di magnesio: mandorle, banane, albicocche, avocado, legumi, riso integrale, sesamo, anguria.

L’obiettivo principale è identificare quei cibi che scatenano l’emicrania. Si può quindi procedere in 3 fasi:

1. Eliminiamo per 2 settimane tutti gli alimenti riconosciuti, in questo caso, a rischio e qui elencati

  • Latte e latticini
  • Cioccolato
  • Carne
  • Uova
  • Agrumi
  • Mais
  • Frumento (pane, pasta)
  • Cipolle
  • Pomodori
  • Banane
  • Mele
  • Noci e nocciole

2. Durante questo periodo alimentiamoci solo con i cibi sicuri, quali:

  • Riso, meglio se integrale
  • Verdure verdi cotte come quelle a foglia o i broccoli
  • Verdure arancio o gialle come le carote, la zucca o le patate dolci
  • Verdure gialle
  • Frutta fresca o cotta come ciliegie, mirtilli, pere, prugne.

3. Evitare però gli agrumi.

  1. Acqua naturale o carbonata. Evitare infusi o tisane.
  2. Se l’emicrania scompare significa che uno o più cibi “a rischio” sono responsabili dell’emicrania.
  3. Ogni 2 giorni reintroduciamo, uno alla volta, i singoli cibi “a rischio”. Assumiamone in buone quantità. Se torna l’emicrania vuol dire che il responsabile è quel determinato cibo.

Un intervento del prof Berrino tratto dal DVD Il Potere del Cibo

Il Prof. Franco Berrino Vedi qui una parte dell’intervento del prof Franco Berrino, medico ed epidemiologoitaliano, sugli effetti del cibo sul nostro stato di salute mentale e fisico.


Redazione Web Macro
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli... Leggi la biografia
La Redazione Web Macro si occupa di tutte le ultime novità, anticipazioni, curiosità, approfondimenti che riguardano il mondo Macro. Gli articoli spaziano su tutti i principali argomenti che Macro divulga con passione dal 1987. Il meglio per il benessere di Corpo, Mente e Spirito raccontato da coloro che vedono nascere quotidianamente i... Leggi la biografia

40 condivisioni

Esperienza

postato da Giulio il 10/12/2013

Soffrendo di emicrania con aura, confermo che l'unico modo per individuare i cibi che scatenano l'emicrania è la dieta di eliminazione. Occorre tenere un diaro delle crisi e, all'occasione, segnare cosa si è mangiato nei pasti precedenti. Con questo metodo ho individuato il glutammato, l'ananas, i cibi troppo freddi e... i cibi riscaldati in padella, non so per quale motivo ma, per esempio, una pasta riscaldata è un'emicrania assicurata :)

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto
Omaggio Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Vivere Macro n. 18 - Chi non si ferma è perduto