Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza
Home / Eventi / Il dono dell'empatia: sventura o benedizione?

Il dono dell'empatia: sventura o benedizione?

Il dono dell'empatia: sventura o benedizione?

Scopri come trasformare un'apparente debolezza in un punto di forza con Isabelle Von Fallois

18 Maggio 2019 dalle 10.00 alle 18.00

Hotel Touring in Viale Regina Margherita, 82 a Miramare di Rimini

Quando 18 Maggio 2019 dalle 10.00 alle 18.00

Dove Hotel Touring in Viale Regina Margherita, 82 a Miramare di Rimini

 Acquista ONLINE

 

 

 

Isabelle von Fallois, scrittrice e coach di fama mondiale, torna in Italia per condurre un seminario su un tema per noi inusuale che la conosciamo per il suo profondo legame con il mondo angelico.

Chi ha letto i suoi libri o ha avuto il piacere di ascoltarla dal vivo, conosce il percorso che ha condotto Isabelle von Fallois, da pianista concertista ad autrice di numerosi best-seller e relatrice, al centro del quale si colloca il suo punto zero. Nel 2000 le venne diagnosticata una forma acuta di leucemia che l'ha portata a lottare tra la vita e la morte per 4 anni, durante i quali, ha dedicato molto tempo, soprattutto per via delle sue precarie condizioni di salute, alla lettura e alla preghiera.

Tuttavia, sin dall'infanzia, Isabelle ha avuto un forte legame con il mondo della spiritualità, che ha rafforzato la sua percezione interiore nel corso degli anni. Un'esperienza fatta di visioni e sogni profetici, non sempre positivi, ma che sicuramente l'hanno guidata a scoprire la sua vera essenza e identità.

«Da che mi ricordi – racconta la von Fallois – sono sempre stata molto sensibile ed empatica, il che non era affatto semplice, soprattutto da bambina, perché non riuscivo nemmeno a uscire in giardino a giocare che percepivo i pensieri dei vicini. E devo sottolineare che i nostri vicini erano persone alquanto "interessanti"... Avevano tentato di avvelenare il cane di mia zia e il figlio era un piromane… Le energie che aleggiavano come potete quindi immaginare erano tutt'altro che positive».

Spesso si dice che l'alta sensibilità e l'empatia siano un dono o una maledizione, ma in realtà non è altro che una scelta. Empatia significa infatti sentire l’energia delle persone intorno, sapendola distinguere. Da qui la scelta se farsi sopraffare dall'energia negativa oppure mutarla in vibrazioni positive. Tanti empatici avvertono un senso di debolezza, perché purtroppo le emozioni negative sono più frequenti, e spesso si sentono a disagio tra le folle.

Appassionata e studiosa di musica, nella sua carriera di pianista concertista, Isabelle ha sofferto molto durante le esibizioni, perché percepiva quello che gli spettatori in sala pensavano di lei e della performance, supposizioni che venivano prontamente confermate a fine concerto. Come se ciò non bastasse, l'autrice si faceva carico anche di tutte le emozioni del pubblico in sala.

«Per settimane – prosegue Isabelle – non ero neanche in grado di prendere la metropolitana per via di tutto il dolore delle persone sedute accanto a me». Proprio durante il lungo periodo di malattia, i suoi canali interiori di chiaroudienza, e di conseguenza le sensazioni, si acuirono.

«Nel tempo – ci racconta sempre Isabelle – non ero sicura di come avrei potuto gestire tutto ciò se non mi fossi ritirata nel più completo silenzio, lontana dalla vita quotidiana. Certo era stupendo essere in contatto con gli angeli e gli altri esseri, ma assorbivo anche molto altro, che non volevo affatto vedere, ascoltare, sapere o perfino sentire. Anche grazie al supporto dei miei amici celesti – ci rivela l'autrice – oggi sono più che mai sensibile ed empatica, il che è servito al mio sviluppo spirituale personale, ma sono al contempo consapevole di me stessa e in grado di gestire questa empatia, tanto da essere ora in pace con tutto. Collegandoci con stessi realizziamo quello che vogliamo cambiare e che desideriamo veramente nella vita. Così facendo, diventa anche più semplice comprendere quali sono le vere priorità nella vita, e di conseguenza, possiamo connetterci con il nostro Sé Autentico».

Molti sono stati i fattori determinanti in questo percorso di consapevolezza e Isabelle von Fallois li condividerà con noi durante questo nuovo corso a Rimini.

Struttura del corso

Il corso si svolgerà Sabato 18 Maggio 2019 presso il Touring Hotel di Rimini dalle 10:00 alle 18:00

  • 8:30 - 10:00 | Registrazione partecipanti
  • 10:00 - 11:30 | Workshop
  • 11:30 - 12:00 | Pausa*
  • 12:00 - 13:00 | Workshop
  • 13:00 - 14:30 | Pausa pranzo
  • 14:30 - 16:30 | Workshop
  • 16:30 - 16:45 | Pausa*
  • 16:45 - 18:00 | Workshop

* Gli orari delle pause potrebbero subire delle variazioni