Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri MyMacro: Registrati Entra Scopri MyMacro: Registrati Entra
1987-2017: 30 anni di Benessere e Conoscenza

Basilico: proprietà e ricette

Scritto da: Giuliana Lomazzi | Alimentazione e Diete

Basilico: proprietà e ricette

Chi non conosce le foglie verdi e soavemente profumate del basilico?

Cospargerle sui piatti significa arricchirli di fragranza e benefici.

Le origini del basilico

Di origine indiana e iraniana, il basilico si è ormai insediato da anni nel bacino mediterraneo.

Questa pianticella amante del caldo e del sole (un ottimo motivo per acquistarla soltanto nella stagione calda, se non si vuole che provenga da colture forzate di serra, e sceglierla naturalmente biologica) è legata a molte tradizioni e miti: impiegata anticamente per scacciare gli spiriti maligni, era perfino consigliata da Plinio per le pratiche magiche!

In India è considerata tuttora sacra, tanto che viene coltivata intorno ai templi. Del resto la varietà indiana è detta proprio basilico sacro, o tulsi, ed è un rimedio importante della medicina ayurvedica.

Ayurveda: le spezie come rimedi naturali

Le varietà del basilico

La principale varietà presente sul mercato è rappresentata dal basilico comune, riconoscibile dalle foglie leggermente increspate. Pregiate cultivar sono poi quelle del basilico genovese e napoletano.

Il primo, indispensabile e insostituibile ingrediente del celebre pesto, ha foglie larghe e verdi, dal gusto e dall'aroma intensi.

Il secondo, detto anche foglia di lattuga, ha un aroma più delicato e leggermente mentolato.

Ci sono poi altre varietà, meno diffuse: ricordiamo per esempio il basilico greco, che ha foglioline piccole dall'aroma più delicato e dolce, e quello messicano, con foglie olivastre o marroncine e profumo fortemente speziato.

Come conservare e gustare il basilico

Il basilico fresco si conserva per qualche giorno in frigorifero; può essere congelato per la brutta stagione: mantiene infatti l'aroma. Invece seccando tende a perderlo, gli resta solo un sapore un po' dolce che non a tutti piace.

Benché il basilico sia piuttosto esclusivo e non gradisca accostamenti con altre aromatiche (tranne forse un po' di maggiorana), in cucina si rivela molto versatile. Si sposa benissimo con tutti gli ortaggi estivi mediterranei: pomodori, peperoni, melanzane, fagiolini.

Ovviamente è squisito anche sotto forma di pesto, che può essere preparato con i soli pinoli o, nella versione siciliana, con mandorle e pomodori. Comunque lo si voglia preparare, il pesto si accompagna molto bene con le bruschette, la pasta, il riso, le lasagne e tutti i cereali in genere.

È squisito pure sulla pizza (aggiunto all'ultimo momento) e si accosta gradevolmente anche ai legumi, che possono essere consumati tiepidi – smentendo ancora una volta il mito che sono adatti solo per l'inverno.

Anche se siamo abituati a vedere il basilico come un'erba mediterranea, la sua fragranza è apprezzata in tutto l'Oriente. Per lo più viene aggiunto alle zuppe.

Le buone proprietà del basilico

Calmare è la parola d'ordine di questa pianticella. Le sue foglie sono rilassanti, capaci di alleviare il nervosismo e l'insonnia ma anche di ricaricare la mente stanca. Placano poi gonfiore e spasmi addominali, spesso legati allo stress, alleviano il mal di stomaco e favoriscono la digestione.

A questi scopi il basilico può essere preparato sotto forma di infuso: basta versare una tazza di acqua bollente su 5 g di foglie fresche, lasciare riposare 10 minuti e filtrare. È una tisana molto gradevole.

Interessanti anche gli impieghi esterni di questa aromatica. Sfregate sulla pelle, le foglie tengono lontane le zanzare e attenuano il fastidio delle punture.

Rimedi naturali contro gli insetti

Preparando un infuso un po' più concentrato di quello indicato in precedenza si ottiene un collutorio che, una volta tiepido, può essere utilizzato sotto forma di sciacqui per profumare l'alito e placare le infiammazioni di bocca e gola.

Per un bagno tonificante e deodorante, basta gettare nell'acqua della vasca un sacchetto di tela pieno di rametti di basilico (la parte che di solito si scarta!).

Soupe au pistou

Questo minestrone della Costa Azzurra, con tanto di pesto locale (pistou), è un saporito piatto unico da gustare tiepido. Per cambiare si può preparare il minestrone alla genovese, che ha anche questo come aggiunta finale il pesto.

INGREDIENTI:

  • 300 g di fagioli borlotti freschi sgusciati
  • 200 g di fagioli mangiatutto
  • 2 carote
  • 2 zucchine
  • 80 g di pasta corta integrale di farro o kamut
  • 1 mazzetto di basilico
  • 2-3 spicchi di aglio
  • olio extravergine di oliva
  • sale marino integrale

Fai bollire abbondante acqua salata, gettaci i borlotti e falli cuocere per 10 minuti prima di unire le carote precedentemente tagliate a cubetti.

Prosegui la cottura a fuoco basso per 20 minuti circa, aggiungi le zucchine affettate e i fagioli mangiatutto spuntati e spezzettati. Poco dopo è la volta della pasta corta, che lesserai al dente, secondo i tempi di cottura indicati sulla confezione.

Nel frattempo prepara il pistou tritando finemente nel mixer il basilico e l'aglio e aiutandoti con l'olio per ottenere una salsa omogenea.

Quando la minestra è pronta lasciala intiepidire, versala nei piatti fondi e mettila in tavola con una ciotola piena di pistou, di cui ognuno si servirà a piacere.

 

Vuoi sapere tutto su erbe e piante?

Leggi gli altri articoli di Giuliana Lomazzi:

Ciliegie: belle, buone e con tante proprietà
Cocco: tutte le proprietà di polpa, latte ed olio
Le alghe in cucina: proprietà, benefici e come utilizzarle
Batteri intestinali: preziosi alleati del benessere
Le proprietà del miele di Manuka